Spedizione veloce in Italia con UPS: 2-3 giorni lavorativi per € 12. Gratuita da € 150.

L'Organizzazione Mondiale della Sanità annuncia cambiamenti storici alla classificazione della cannabis

3 minuti di lettura

L'Organizzazione Mondiale della Sanità annuncia cambiamenti storici alla classificazione della cannabis

Il 2019 sembra essere l'anno in cui la cannabis otterrà finalmente la classificazione che merita, svincolando la pianta dalle catene legislative che hanno ostacolato la ricerca così necessaria e impedito ai paesi di tutto il mondo di adottare programmi per la cannabis medica.

La settimana scorsa il Comitato di esperti dell'Organizzazione Mondiale della Sanità sulla Dipendenza da Droga (ECDD) ha annunciato le sue raccomandazioni per la programmazione relativa alla cannabis agli stati membri del Committee on Narcotic Drugs (CNC).

Il comitato avrebbe dovuto pubblicare i propri risultati verso la fine dello scorso anno, ma ha chiesto una proroga a causa della complessità delle prove presentate dalle parti interessate.

Tra le principali raccomandazioni vi è la rimozione della cannabis dalla classificazione più restrittiva (IV) della Convenzione Unica sugli Stupefacenti del 1961, dove fino ad ora ha affiancato il fentanyl e gli analoghi, l'eroina e altri oppiacei. L'ECDD ha trovato l'attuale classificazione insostenibile in quanto la cannabis non produce effetti negativi paragonabili ad altre sostanze della Tabella IV e ha "dimostrato un potenziale terapeutico per il trattamento del dolore e di altre condizioni mediche come l'epilessia e la spasticità associate alla sclerosi multipla".”

Formulazioni del Cannabidiolo - non verranno programmate

Non solo, il comitato ha inoltre riconosciuto la sicurezza e l'efficacia del CBD (Cannabidiolo), il cannabinoide non tossico che si trova nella canapa e nei prodotti Formula Swiss.

In una precedente revisione, l'ECDD aveva stabilito che il CBD non andava inserito nelle convenzioni sul controllo delle droghe a causa della sua sicurezza, della mancanza di tossicità o di qualsiasi potenziale abuso. Pur riferendosi principalmente a farmaci purificati del CBD come l'Epidiolex che è stato recentemente approvato dall'FDA, il comitato ha riconosciuto che le tracce di THC presenti negli estratti purificati del CBD (come lo 0.15% di THC nell'Epidiolex) non rappresentano una minaccia di dipendenza o abuso.

Oli di CBD a spettro completo con meno dello 0,2% di THC - non soggetti a controllo internazionale

Sussistono dubbi su come questo potrebbe valere per gli oli di CBD a spettro completo che vengono venduti come integratori alimentari in tutto il mondo e sono stati fortunatamente alleggeriti. La commissione ha raccomandato di aggiungere una nota a piè di pagina all'allegato I della Convenzione unica sugli stupefacenti del 1961: "I preparati contenenti prevalentemente cannabidiolo e non più dello 0,2% di delta-9-tetraidrocannabinolo non sono soggetti a controllo internazionale.”

Ciò ha implicazioni enormi, in particolare negli Stati Uniti, dove la CBD è ancora classificato come sostanza della tabella 1, nonostante i precedenti risultati dell'OMS.

Un'altra iniziativa positiva è stata la proposta di rimozione di estratti di cannabis e tinture dalla Tabella 1, con il comitato che ha riconosciuto che molti estratti ricchi di CBD hanno scarso effetto psicoattivo e molti benefici terapeutici.

E adesso?

Dopo più di 50 anni di divieto sulla cannabis, le recenti scoperte dell'OMS hanno suscitato una comprensibile ondata di entusiasmo nelle comunità della cannabis e della canapa. Ma ci sono ancora alcuni punti e virgole da affrontare. Le raccomandazioni devono essere votate dagli stati membri alla prossima 62a sessione della CND che si terrà nel marzo 2019, anche se gli addetti ai lavori prevedono che i più voteranno in linea con i consigli ben valutati dell'OMS.

Questa riclassificazione della cannabis e il riconoscimento del suo valore terapeutico aiuterà superare l'ormai obsoleta posizione adottata da molti governi proibizionisti che hanno approfittato dell'imprecisa classificazione delle Nazioni Unite per giustificare il loro rifiuto di legalizzare la cannabis medica.

Quindi, pensando a cosa sta succedendo nel primo mese dell'anno, il futuro proseguimento del 2019 sembra più verde che mai.


Lascia un commento

I commenti verranno approvati prima di essere pubblicati


Anche in Notizie del settore

La Thailandia approva il CBD per impiego medico
La Thailandia approva il CBD per impiego medico

3 minuti di lettura

Leggi di più

Join our our newsletter to get a free welcome gift