Spedizione veloce in Italia con UPS: 2-3 giorni lavorativi per € 12. Gratuita da € 150.

Le guide complete al CBD

Cos'è il CBD? La guida completa al Cannabidiolo, utilizzi, benefici e rischi dell'olio di CBD

Cos'è il CBD? La guida completa al Cannabidiolo, utilizzi, benefici e rischi dell'olio di CBD

Secondo le più recenti scoperte scientifiche, l'olio di CBD ha una grandissima varietà di benefici terapeutici e medici. Più lo comprendiamo lui e i suoi benefici, più è probabile che il CBD rivoluzionerà presto l'industria medica.

L'effetto che il CBD ha sul cervello e sul corpo umano, per esempio, non può essere paragonato a nessun altro tipo di medicina naturale o artificiale, perché il CBD tratta le malattie croniche e altre malattie gravi collegandosi direttamente con le cellule cerebrali.

In questo articolo, conoscerai meglio il cannabidiolo (CBD), i suoi usi e le sue applicazioni, l'olio da esso estratto e molto altro ancora. Saranno coperte le seguenti aree:

  1. Cos'è il CBD?
  2. 34 benefici dell'olio di CBD
  3. Come si produce l'olio di CBD? I quattro metodi di estrazione principali
  4. Cos'è l'olio di CBD a spettro completo?
  5. Cos'è il CBD isolato?
  6. Varietà di olio di CBD (grezzo, filtrato o decarbossilato)
  7. Come si sceglie ed acquista l'olio di CBD?
  8. Conclusione

1. Cos'è il CBD?

L'abbreviazione “CBD” sta per Cannabidiolo. Si estrae dalla canapa delle piante di marijuana ed è dimostrato che è il cannabinoide più importante che si trova nella pianta di cannabis. Tuttavia, qui va sottolineato che il CBD, al contrario del THC (tetraidrocannabinolo), non esercita effetti psicoattivi sul cervello umano.

Il CBD aiuta a mantenere diversi processi psicologici interagendo con i recettori del sistema nervoso e del sistema immunitario. Inoltre, il corpo stesso produce cannabinoidi come parte delle funzioni del sistema endocannabinoide..

Il CBD si differenzia dal THC sotto molti aspetti, e i ricercatori sostengono che aiuta anche a controllare i danni che il THC potrebbe causare al cervello e al corpo umano. In questo senso, il CBD potrebbe curare l'ansia o la paranoia. Pertanto, il THC con un rapporto costante di varietà CBD è una delle opzioni preferite quando si tratta di consumare marijuana. Il CBD regola l'effetto del THC sul corpo e sulla mente.

Cosa fa il CBD?

what does CBD do?

Prima di addentrarci in ulteriori dettagli, è essenziale concentrare la nostra attenzione su ciò di cui è capace questo piccolo, ma potente composto.

Il cannabidiolo domina tutte le discussioni relative all'applicazione della cannabis e del CBD in campo medico. Tuttavia, non solo il campo medico ha mostrato tale interesse, ma anche gli utilizzatori a scopo ricreativo si chiedono come funziona il cbd.

Grazie alle sue qualità di antistress e antidolorifico, il CBD potrebbe diventare parte della nostra routine quotidiana. Inoltre, aiuta a rilassare il corpo influenzando il rilascio dei recettori nel sistema nervoso centrale.

In che modo il CBD interagisce con il corpo?

CBD interagisce con il corpo umano utilizzando la rete di neuroni ed il sistema endocannabinoide. Questo sistema è diffuso in tutto il corpo e ha diversi recettori che si legano ai cannabinoidi in modo che il CBD sia introdotto nel sangue. I processi chimici risultanti da queste interazioni provocano varie reazioni nell'organismo.

Al fine di facilitare la comprensione degli effetti del CBD sul corpo, abbiamo preparato una breve panoramica dell'intero processo:

Gli effetti del CBD sul corpo

 CBD EFFECTS

  1. Diversi studi sull'argomento hanno dimostrato che il CBD può avere un effetto antinfiammatorio sul corpo umano e può proteggerlo dalle malattie associate all'infiammazione.
  1. Esistono alcuni studi che si concentrano sugli effetti antipsicotici del CBD nel cervello. Il CBD aumenta la crescita e lo sviluppo del cervello e protegge il cervello e il sistema nervoso.
  1. Nel 2017, un rapporto pubblicato dall'OMS ha dimostrato che le autorità mediche e il governo sono soddisfatti dei benefici del CBD e della sua applicazione in campo medico.

Sebbene la fatica e il vomito siano classificati come effetti collaterali del consumo di CBD, studi recenti hanno dimostrato che sono il risultato di un'interazione tra i farmaci e il CBD. Tuttavia, gli esperti stanno ancora lavorando per fornire prove concrete che il CBD è benefico per il corpo umano e che potrebbe essere usato per trattare vari problemi di salute.

Da dove deriva il CBD?

where does cbd come from?

Esistono diverse piante di cannabis da cui può essere estratto il CBD, ma il più delle volte si trova nella canapa. Il CBD è uno degli oltre 85 composti chimici cannabinoidi presenti nella pianta di cannabis. È il secondo più abbondante, con un totale del 40% degli estratti. Tuttavia, le quantità di THC nella canapa sono inferiori a quelle del CBD.

Recentemente, la richiesta di CBD è aumentata. Questo è il motivo per cui i coltivatori e gli allevatori stanno lavorando duramente per trovare nuove varietà genetiche del CBD che aiuterà la produzione di colture di CBD puro che non contengono tracce di THC. Tuttavia, tale obiettivo non è stato ancora raggiunto.

  1. Katelyn Faith è il nome di una bambina di 8 anni deceduta a causa di una malattia, che avrebbe potuto essere curata con l'aiuto del CBD. Per questo motivo, una varietà di CBD prende il suo nome. Il rapporto tra CBD e THC in questo ceppo vegetale è stato aumentato a 34:1. Si tratta di una delle varietà più ricche di CBD disponibili al mondo.
  2. L'ACDC è un fenotipo a dominanza sativa con alto contenuto di CBD nella cannabis. La sua caratteristica straordinaria è che il rapporto THC a CBD è di 1:20, il che significa che questa varietà induce effetti inebrianti minimi o nulli. I test hanno messo il contenuto di CBD dell'ACDC fino al 19%, che aiuta molti pazienti a curare il dolore, l'ansia, l'epilessia, la sclerosi multipla, e gli effetti negativi della chemioterapia, il tutto mantenendo la mente libera.
  3. Harlequin. Il rapporto CBD:THC di questa varietà è 5:2. È una delle più affidabili quando si tratta di estrarre il CBD.
  4. Remedy ha un impressionante rapporto CBD di 15:1. Si tratta di una varietà molto potente, che la rende perfetta per scopi medici.
  5. Charlotte’s Web. Rimarrai sorpreso sapendo che questa varietà non è affatto marijuana. È conosciuta come una pianta di canapa proprietaria, ricca di CBD.
  6. Cannatonic. Questa varietà ha il rapporto ideale 1:1 tra CBD e THC. Aiuta a raggiungere il perfetto equilibrio per i pazienti medici, che vogliono ottenere benefici anche dal THC.
  7. Futura 75 (Proprietaria). Utilizziamo una varietà a base di Futura 75, con adattamenti nel tempo, e riteniamo che sia significativamente migliore delle alternative di cui sopra.

CBD a singolo composto vs. pianta intera

CANNABIDIOL (CBD) MOLECULE

Una singola molecola di CBD è meno convincente dal punto di vista del risanamento rispetto a una pianta intera. Secondo gli esami e le ricerche, il CBD in una singola particella ha una finestra estremamente sottile di idoneità e richiede una precisione straordinaria per raggiungere tale vitalità, mentre porta giù la fissazione, l'intera pianta, ricca di CBD regimi di supplemento nutriente ricco di CBD aree di ora indicando la fattibilità per alcune aree.

Come si usa l'olio di CBD?

how can you use cbd?

Il CBD presenta un'ampia gamma di applicazioni e usi, ecco alcuni di essi:

  • Non è più il 2014, non verrai ridicolizzato se svapi. La cera di CBD o i concentrati di olio possono essere utilizzati per svapare l'olio CBD o la cera.
  • Prodotti alimentari come cioccolatini, caramelle da masticare, dolcetti, brownies
  • Nelle bevande. Un paio di caffè negli stati in cui la cannabis è legale o depenalizzata sono stati riconosciuti per offrire CBD espresso e tè. Alcune distillerie sulla costa occidentale hanno consentito la produzione di distillati di CBD disponibili nei bar.
  • Bocconcini per animali domestici(CBD per gli animali domestici). Alcuni distributori propongono leccornie per cuccioli prodotte con canapa ricca di CBD, che ha lo scopo di aiutare gli animali domestici con disturbi.

2. 34 benefici dell'olio di CBD

cbd oil benefits

L'olio di cannabis è un olio-derivato da una pianta, che potrebbe aiutarti con diversi tipi di pelle e problemi di salute. C'è molto di più di quanto si pensi - ha anche effetti antipsicotici sul cervello, tra gli altri benefici.

I benefici più noti di questo olio sono legati alla riduzione di condizioni come ADHD, dipendenze, allergie, Alzheimer, ansia, artrite, asma,, autismo, cancro, malattie cardiovascolari, morbo di Crohn, demenza, depressione, diabete, obesità, malattie epatiche, menopausa, sbalzi d'umore, sclerosi multipla, nausea, dolore e infiammazione, morbo di Parkinson, depressione e ansia negli animali, sindrome premestruale, psoriasi, convulsioni, problemi sessuali, condizioni della pelle, insonnia, astinenza da fumo, traumi sportivi, stress, recupero dell'ictus, scottature solari.

1. ADHD

Dopo il boom dei casi di ADHD alla fine del 20esimo secolo, sembra che questa condizione sia stata messa da parte da condizioni più gravi. Tuttavia, colpisce un sacco di persone e complica enormemente la concentrazione e la capacità di rimanere focalizzati su un compito. L'olio di CBD è un modo per contrastare questi sintomi calmando il sistema nervoso e rifocalizzando la mente.

2. Dipendenza

Le dipendenze sono qualcosa di comune nella società moderna. Che si tratti di dipendenza da sostanze psicotiche come droghe e alcol, o di dipendenza da zucchero e caramelle, una volta che si decide di prendere il controllo della propria vita, i prodotti di CBD possono aiutarti con i sintomi dell'astinenza.

3. Allergie

Tutte le allergie iniziano nell'intestino, dopo una forte tossicità del sangue. Il consumo dei prodotti con CBD può aiutare il corpo con la disintossicazione.

4. Alzheimer

I prodotti a base di cannabis hanno la capacità di fermare il decadimento delle cellule cerebrali. Così facendo, sono un potente mezzo per ridurre i sintomi del morbo di Alzheimer.

5. Effetto antipsicotico

Molte malattie e condizioni, legate ad anomalie nelle funzioni cerebrali, potrebbero essere alleviate e il dolore e la confusione potrebbero essere attenuati con l'aiuto di prodotti con CBD, che hanno un forte effetto antipsicotico.

6. Ansia

Una volta a contatto con essa, i cannabinoidi nella pianta di cannabis influenzano il sistema nervoso centrale umano e rilassano il cervello. In questo modo alleviano la tensione e calmano quando si ha un attacco di ansia.

7. Asma

Il cannabidiolo è noto per aiutare ad alleviare il sistema nervoso centrale e può quindi facilitare il ritmo respiratorio per le persone con asma.

8. Autismo

Non importa quale sia la vera ragione di un improvviso boom nei bambini con autismo negli ultimi decenni, un modo per alleviare i sintomi e aiutare il corpo del bambino a funzionare meglio è il consumo di prodotti con CBD, come l'olio di cannabis.

9. Cancro

Non è stato riconosciuto come un modo ufficiale di trattare il cancro, ma il CBD ha dimostrato di distruggere le cellule tumorali e di aiutare il paziente con gli effetti collaterali della chemioterapia.

10. Malattie cardiovascolari

Anche se i trattamenti sono in costante miglioramento, le malattie cardiache dei vasi sanguigni sono tra le cause di morte più comuni tra gli adulti. Causate da cattive abitudini alimentari, stress e fumo, queste malattie sono curabili con l'aiuto dell'olio di CBD, per esempio.

11. Morbo di Crohn

>

Le tossine nel cibo vengono assorbite nel tratto digestivo e poi entrano nel sangue. Questo potrebbe causare infiammazione e dolore, tutti i sintomi del morbo di Crohn. Situazioni come questa sono prevenibili con l'aiuto di prodotti di cannabis, come l'olio di CBD.

12. Demenza

La demenza si presenta in molte forme, una delle quali è il morbo di Alzheimer. È comune tra le persone di determinate fasce di età. L'olio di cannabis aiuta a calmare il cervello e ostacola la degenerazione delle cellule e delle sinapsi e combatte questa condizione.

13. Depressione

La depressione è una delle più comuni condizioni mentali gravi nel 21 secolo. È il risultato della nostra incapacità di stare al passo con le sfide della vita quotidiana. Il consumo di olio di CBD potrebbe aiutarti a costruire un modo sano per affrontare tutte le cose che ti fanno sentire giù.

14. Diabete

Il diabete è una condizione grave, che può portare a molti altri problemi di salute. L'olio di cannabis, ad esempio, può abbassare lo zucchero nel sangue e prevenire gli episodi.

.

15. Dieta e perdita di peso

Mentre il problema della fame nei paesi del terzo mondo sembra ampliarsi sempre di più, nonostante il lavoro di molte organizzazioni, allo stesso tempo molti dei paesi del primo mondo hanno un problema di obesità. Se state lottando per perdere peso e diventare più sani, l'olio di CBD potrebbe aiutarti a ottenere il controllo del tuo corpo e del cervello e a resistere alle tentazioni.

16. Insonnia

L'insonnia è un fenomeno di cui soffrono molte persone, e le ragioni variano a tempo indeterminato - stress, rapidi cambiamenti del tempo, fasi lunari, ecc. Ma possiamo assicurarvi che con l'aiuto dei prodotti a base di cannabis, potete rilassare il sistema nervoso e dormire bene.

17. Malattia epatica

Il cannabidiolo e le sue applicazioni aiutano a combattere le malattie del fegato ripristinando la normale quantità di recettori della serotonina nel corpo.

18. Menopausa

Connesso ad un cambiamento nel modo in cui il corpo funziona, la menopausa potrebbe causare molti problemi ormonali e altri problemi. Un modo per combattere questi problemi potrebbe essere il consumo di prodotti con CBD.

19. Sbalzi d'umore

Le oscillazioni di umore sono un effetto comune di uno squilibrio ormonale e sono direttamente collegate al sistema nervoso del corpo. L'olio di CBD e gli integratori alimentari possono ripristinare il normale modo di funzionamento del sistema e aiutarti con i rapidi cambiamenti di umore.

20. Sclerosi multipla

I prodotti con CBD hanno dimostrato di essere molto utili per calmare il sistema nervoso e ripristinare il suo normale modo di funzionamento. Pertanto, potrebbe essere di grande aiuto per i pazienti con sclerosi multipla, alleviando i loro sintomi e calmando il loro corpo.

21. Nausea

Sebbene sia ovviamente un bene per il corpo liberarsi di sostanze indesiderate e tossiche che possono bloccarne le funzioni, a volte la nausea è solo un effetto di sovrastimolazione degli occhi e del cervello durante i viaggi sulla terraferma o in mare. Se questo è il caso, l'olio di CBD potrebbe salvare la giornata alleviando i sintomi e rilassandoti.

22. Dolore e infiammazione

Dall'infiammazione cronica passando per il dolore da travaglio fino all'emicrania, i prodotti con CBD offrono un modo semplice, naturale e sano per alleviare il dolore nel corpo e sentirsi meglio.

23. Parkinson

Il morbo di Parkinson colpisce il sistema nervoso, rendendo impossibile controllare il proprio corpo. I prodotti a base di cannabis calmano il sistema e facilitano il normale funzionamento.

24. Condizioni degli animali domestici

Il crescente aumento della depressione e dell'ansia in cani, gatti e altri animali domestici è stato osservato negli ultimi anni. Potresti aiutare il tuo animale domestico a migliorarne le condizioni dandogli dell'olio di CBD. Non dimenticate di consultare il vostro veterinario prima di farlo!

25. Sindrome premestruale

Dall'età di 12-13 anni, ogni ragazza ha vissuto almeno una volta la PMS (sindrome premestruale). I sintomi variano a seconda del fisico e dell'organismo di una persona. L'olio di cannabis e altri prodotti con CBD possono aiutare ad alleviare il dolore e sentirsi meglio in quel periodo del mese.

26. Crisi

Le crisi, come l'epilessia, potrebbero essere evitate con il consumo di prodotti a base di cannabis. L'olio di cannabis, per esempio, può anche aiutare con i sintomi dopo la crisi.

27. Vita sessuale

È un'opinione diffusa che sballarsi o consumare alcol possa rilassare e farti sentire a tuo agio quando si tratta di sesso. Tuttavia, entrambe le cose possono anche danneggiare il corpo e la mente. L'olio di CBD è la risposta in un caso come questo, in quanto porta tutti i benefici positivi della cannabis senza l'effetto psicotico che deriva dal THC.

28. Condizioni della pelle: acne, artrite, psoriasi

Tutti i disturbi della pelle, come acne, artrite e psoriasi, sono causati da tossine che assorbiamo attraverso la nostra pelle o con il nostro cibo. Applicato esternamente sulla pelle, l'olio di cannabis può aiutare a ridurre i sintomi, alleviare la pelle irritata e pulire i pori.

29. Effetti collaterali dei prodotti CBD

Come ogni prodotto, quelli di cannabis hanno effetti collaterali ufficiali, ma dipendono dal modo in cui il prodotto viene consumato o applicato. Poiché viene estratto da una pianta con l'aiuto di tecniche speciali, l'olio di cannabis non potrebbe avere effetti collaterali, se lo usi nel giusto dosaggio.

30. Fumo

Anche se al giorno d'oggi è ampiamente noto che fumare fa male alla salute e alla pelle e che è la causa di numerose patologie tra cui il cancro, ci sono ancora molte persone in tutto il mondo che fumano. Se sei uno di loro, ma vuoi cambiare il tuo stile di vita con uno più sano, i prodotti a base di cannabis potrebbero aiutarti a combattere i sintomi dell'astinenza.

31. Infortuni sportivi

Fare sport porta più sangue al cervello, ti fornisce endorfine e ti fa sentire più energico e motivato. Tuttavia fare troppo esercizio fisico può essere pericoloso - potresti infortunarti. In situazioni come questa, i prodotti con CBD possono aiutarti a recuperare correttamente.

32. Stress

Lo stress fa parte della nostra vita quotidiana. Soprattutto se si vive in una grande città con molto traffico e rumore, non è facile essere sempre resistenti allo stress. Quindi, in modo naturale, per calmare e rilassare il corpo e il cervello, è necessario avvicinarsi alla natura - e l'olio di cannabis può aiutarti in questo senso.

.

33. Ictus

La vita quotidiana stressante e le cattive abitudini alimentari potrebbero portare non solo ad un aumento di peso insalubre, ma anche a disfunzioni cerebrali - avere un ictus è qualcosa di molto comune tra gli adulti in diverse fasce d'età. Per riprendersi rapidamente da uno di essi, si potrebbe usare l'olio di cannabis come integratore alimentare, in quanto allevia i sintomi dopo l'ictus.

34. Scottature

Poiché il clima sta cambiando, i raggi solari diventano più forti, il che si traduce non solo nello scioglimento di enormi masse di ghiaccio, ma anche in danni alla pelle. Così, quando la prossima volta che vi scottate al sole, un po' di olio di cannabis potrebbe alleviare il dolore e aiutare la tua pelle a guarire più velocemente.

3. Come si produce l'olio di CBD? I quattro metodi di estrazione principali

how is CBD extracted

Il CBD di massima qualità viene estratto dalla canapa industriale che ha una quantità attendibile di THC e nessun effetto psicoattivo. Ha suscitato grande attenzione dopo che studi recenti hanno dimostrato i suoi potenziali utilizzi.

L'estrazione è il metodo più semplice perché la pianta contiene poco THC.

Ci sono alcune marche che effettuano test rigorosi per assicurarsi che il contenuto di CBD, così come gli altri cannabinoidi, siano all'altezza.

Noi di Formula Swiss forniamo sempre un certificato delle analisi, che ti dice esattamente che tipo di componenti ci sono nell'olio di canapa e in quali concentrazioni. Ci assicuriamo di mantenere la qualità del CBD che viene estratta direttamente dalla pianta. Per questo motivo utilizziamo piante e tecniche di estrazione di altissima qualità.

Molti si domandano come si produce l'olio CBD e la risposta è molto semplice. Il processo di estrazione comporta l'utilizzo di un solvente per estrarre l'olio dal fusto della canapa. Ci sono numerosi solventi utilizzati commercialmente, tutti con vantaggi e svantaggi. I solventi comunemente usati sono CO2, olio d'oliva e altri solventi liquidi. 

Estrazione di CBD con CO2

La tecnica di estrazione con CO2 è altamente specifica e sicuramente il metodo più sicuro ed efficiente possibile. Tuttavia, il processo è molto costoso. I nostri esperti utilizzano attrezzature ad alta tecnologia per il processo che cambia le fasi del CO2 mediante l'applicazione di pressione e temperatura.

  1. Il gas CO2 viene compresso e raffreddato per essere immagazzinato a 1000 psi. Questa pressione trasforma il gas in un liquido. Una volta compresso, il CO2 è in un gas e un liquido allo stesso tempo.
  2. La CO2 viene riscaldata e quando diventa un gas, passa attraverso la canapa in un dispositivo chiamato estrattore a circuito chiuso, che aiuta ad estrarre il puro olio di CBD. Tuttavia, la pressione e la temperatura sono gestite con tale perfezione da garantire che il contenuto nutrizionale della canapa non venga danneggiato.
  3. Il risultato di questo processo è il CBD di alta qualità nella sua forma più pura disponibile. Tutti i prodotti e le estrazioni di CBD vengono immagazzinati in contenitori scuri per garantire che il calore e la luce non influiscano sulla concentrazione della sostanza chimica degli estratti.

I nostri esperti utilizzano lo stesso processo per capire le altre sostanze chimiche della canapa e per stabilire quali effetti positivi potrebbero avere sul corpo umano.

Noi di Formula Swiss effettuiamo anche il controllo qualità di tutti i prodotti e forniamo risultati di test trasparenti.

Estrazione con olio d'oliva o etanolo

L'etanolo è uno dei metodi utilizzati per l'estrazione di CBD a gamma completa. Tuttavia, esistono alcuni inconvenienti di questo metodo di estrazione:

  1. È solubile in acqua e dissolve facilmente la clorofilla, grazie alla quale il sapore del prodotto è erbaceo e amaro.
  2. La clorofilla viene estratta facilmente, ma i metodi supplementari aumentano i costi di produzione.
  3. È stato rilevato che quando la clorofilla viene rimossa dal CBD estratto, la potenza dell'olio si riduce.

Questo è il motivo per cui questa tecnica non viene usata comunemente. Si applica invece il metodo di estrazione dell'olio d'oliva. È un metodo semplice perché l'olio d'oliva viene riscaldato a 200 gradi Fahrenheit e poi i fumi vengono filtrati attraverso la pianta del CBD. Tuttavia, il filtraggio della pianta e l'estrazione dell'olio può ridurre la potenza delle foglie, con conseguente necessità di assumere una dose maggiore per ottenere gli stessi effetti.

Metodo di estrazione con butano ed esano

Questo metodo è conosciuto anche come The il Metodo Rick Simpson.

Rick Simpsons era una persona che soffriva di acufene e vertigini dopo un incidente. Il trattamento che gli è stato somministrato non ha avuto alcun effetto. Ha quindi visto un documentario sui benefici del CBD e poi ha chiesto al suo medico informazioni sul trattamento con il CBD. Dopo aver ricevuto un rifiuto, ha invece iniziato ad estrarre il CBD e ha visto un miglioramento della sua condizione dopo averlo usato.

Per il processo di estrazione, Rick Simpson ha utilizzato diversi idrocarburi, come ad esempio:

  1. Butano
  2. Esano
  3. Pentano
  4. Propano
  5. Acetone

Gli idrocarburi hanno un basso punto di ebollizione che può essere eliminato durante il processo di estrazione. Durante questo processo, viene estratta la forma più pura dell'olio di CBD. È molto facile ed economico, ma allo stesso tempo pericoloso, perché potrebbe portare ad esplosioni. Durante l'estrazione, produce fumi scoperti e suscettibili alle fiamme.

4. Cos'è il CBD a spettro completo?

what is full spectrum cbd

Il CBD a spettro completo è l'olio che contiene tutte le sostanze chimiche importanti che si possono trovare nella pianta originale. In parole povere, si ottengono tutti i benefici naturali dell'olio di CBD.

Nell'olio di CBD a spettro completo è disponibile una varietà di sostanze nutritive note come:

  1. Minerali
  2. Vitamine
  3. Proteine
  4. Acidi grassi
  5. Terpeni
  6. Clorofilla
  7. Fibre
  8. Flavonoidi

Quando ci riferiamo al CBD estratto dalla pianta di canapa, è importante osservare che esistono diversi cannabinoidi presenti nei componenti che aiutano nel trattamento della malattia in questione.

Nell'olio di CBD a spettro completo, avrai tutti gli elementi nella forma più pura. Mentre, nell'isolato, la maggior parte degli elementi importanti non sono presenti perché il rigoroso processo di riscaldamento distrugge il contenuto nutrizionale degli elementi.

Contenuto dell'olio di CBD a spettro completo

L'unico modo per essere pienamente consapevoli dei benefici dell'olio di CBD è quello di apprendere il ruolo e le proprietà del contenuto chimico dell'intero spettro del prodotto.

  • Cannabinoidi. Come già accennato, il CBD produce un effetto positivo sulla salute. Aiuta ad alleviare il dolore e le condizioni iperattive. Tuttavia, i maggiori benefici dell'olio di CBD organico ad ampio spettro estratto dalla pianta di canapa è che ha la più bassa concentrazione di THC, il che significa che non dovrai preoccuparti di alcun effetto collaterale psicotico.
  • Il cannabigerolo (CBG) è comunemente noto come cannabinoide delle cellule staminali. Nella maggior parte dei processi, il CBG viene convertito in CBD naturalmente dalla pianta stessa. Questa è la ragione per cui le piante organiche hanno generalmente la più bassa concentrazione di CBG.
  • Cannabinolo (CBN). Dopo la degradazione, il THC viene convertito in CBN. Nelle piante giovani, la quantità di CBN è bassa. Tuttavia, dopo il processo di decarbossilazione, la concentrazione di CBN nelle piante aumenta. Si riscontrano lievi effetti psicoattivi nella sostanza, così come una maggiore affinità per i recettori CB2.
  • Cannabichromene (CBC). La quantità di questo elemento è maggiore nella maggioranza delle varietà, ma è comunque l'elemento meno studiato nell'intero spettro dell'olio di CBD. Non ci sono abbastanza dati disponibili per dimostrare che il CBC ha gli stessi effetti benefici del CBD e del THC. Tuttavia, è stato dimostrato nella ricerca che il CBC possiede altri effetti positivi, come il sollievo dal dolore, antidepressivo e ansiolitico.

Alcuni degli altri cannabinoidi che puoi trovare nel CBD a spettro completo sono:

  1. Cannabitriolo (CBT)
  2. Cannabiciclolo (CBL)
  3. Cannabifurano (CBF)
  4. Cannabicitrano (CBT)

Il profumo unico della pianta di cannabis proviene da una sostanza chimica chiamata terpene. Anche in piccole quantità, se abbinato ad altri tipi di cannabinoidi, produce molti effetti positivi sull'organismo. 

Alcuni dei più famosi terpeni da annoverare sono:

  1. Limonene aiuta a migliorare l'umore alleviando lo stress. Può aiutarti ad affrontare anche i problemi di riflusso gastrico.
  2. Il pinene aiuta ad aumentare la lucidità e migliora la memoria. È un antinfiammatorio naturale.
  3. Linalolo ha effetti sedativi che sono positivi per i pazienti che soffrono di stress, depressione e insonnia.
  4. Il cariofillene ha un effetto antinfiammatorio e antiossidante. Può aiutare a guarire il dolore ed è efficace contro l'insonnia.
  5. L'umulene è un altro elemento antidolorifico che possiede alcune proprietà antibatteriche. Può essere usato anche come soppressore dell'appetito.

    Minerali e vitamine nell'olio di CBD

    Il CBD non solo guarisce naturalmente il tuo corpo, ma mantiene la normale concentrazione di nutrienti in esso. Esistono diverse vitamine importanti nell'olio di CBD a spettro completo come A, C, E e B Complex e anche alcuni minerali importanti come:

    1. Ferro
    2. Potassio
    3. Zinco
    4. Fosforo
    5. Calcio

    Grassi essenziali e proteine

    Rimarrai sorpreso sapendo che oltre a tutti i suddetti contenuti nutrizionali sono presenti 20 amminoacidi nell'olio di CBD a spettro completo e 9 di essi sono amminoacidi essenziali.

    Tutti gli importanti acidi grassi essenziali, come gli Omega 3 e Omega 6 sono disponibili nell'olio di CBD a spettro completo. La cosa migliore di questi acidi grassi è che fanno bene alla salute del cuore. Il rapporto ottimale di questi acidi nell'olio di CBD è 3:1, il che significa che l'olio di CBD produce una discreta quantità di proteine essenziali. 

    5. Cos'è il CBD isolato?

    what is cbd isolate

    L'isolato di CBD è essenzialmente la forma più pura di CBD. Viene estratto dalla canapa della pianta di cannabis in forma di cristalli. Questo spiega la sua autenticità perché i cristalli sono solitamente la forma naturale e pura di tutto ciò che viene estratto da qualsiasi altra fonte naturale.

    L'isolato di CBD è considerato la migliore fonte di CBD che può essere assunto nella sua forma più pura. Tuttavia, l'isolato di CBD viene prevalentemente miscelato con oli che vengono utilizzat per alleviare il dolore e contro malattie come il cancro, schizofrenia, ed anche la sclerosi multipla.

    Come viene prodotto il CBD isolato?

    Esiste un'apposita procedura che segue la trasformazione in cristalli delle varietà di CBD ed ecco come avviene:

    cbd crystals

    1. Gli isolati del CBD vengono estratti come parte di un metodo speciale, che prevede la rimozione del CO2 e di altri ingredienti vegetali indesiderati dalla pianta di cannabis.
    2. Dopo di che, per ottenere l'isolamento del CBD, le varietà vegetali vengono filtrate e purificate.
    3. Questa procedura permette di produrre l'isolato di CBD nelle sue forme più pure, che è un bel risultato dei rimedi naturali sviluppati per i trattamenti medici.

    CBD a Spettro Completo vs. CBD isolato

    full spectrum cbd vs. cbd isolate

    L'olio di CBD a spettro completo è migliore rispetto agli isolati.  

    Ecco alcuni dei motivi:

    • L'olio di CBD viene consumato con la somministrazione di alcune gocce sotto la lingua, in modo da avere un rapido effetto su una particolare malattia o disturbo.
    • L'olio di CBD viene prodotto quando i cristalli naturali del CBD vengono miscelati con liquidi, come ad esempio l'olio di oliva biologico, che aiuta ad aumentarne i benefici.
    • L'olio di CBD è facile e semplice da assumere a differenza del consumo diretto del CBD isolato, che è difficile per la maggior parte delle persone, perché è più facile da inghiottire.
    • L'olio ha la tendenza ad intensificare la terapia grazie alle sue proprietà naturali, motivo per cui è benefico anche per i massaggi e altre terapie.

    Consumo del CBD isolato

    Il CBD isolato può essere consumato direttamente. Tuttavia, il modo migliore per consumarlo è sotto forma di olio. Può anche essere assunto sotto forma di prodotti da forno, come i brownies, o con alimenti che contengono acidi grassi naturali come burro, latte, formaggio, ecc.

    6. Varietà di olio di CBD

    Esistono tre stati fondamentali dell'olio di CBD in cui si inseriscono praticamente tutti i prodotti di olio di CBD.

    • Grezzo
    • Decarbossilato
    • Filtrato

    Analizzeremo in dettaglio ognuno di questi tre tipi di olio di CBD.

    Olio di CBD grezzo

    "Grezzo" significa che il CBD non è stato filtrato. Il CBD viene lavorato solo fino alla sua estrazione e successivamente viene lasciato in quello stato. La mancanza di ulteriore lavorazione potrebbe portare all'olio contenente una grande varietà di composti, quali: particelle vegetali, lipidi (grassi), clorofilla e terpeni. Il più delle volte, la colorazione di quest'olio è in un intervallo tra il verde opaco e il verde scuro, con una consistenza densa. L'olio di CBD grezzo è preferibile da coloro che sperano di trarne beneficio utilizzando l'intera pianta di canapa e non solo il cannabidiolo.

    Olio di CBD decarbossilato

    Questo olio è per le persone che producono il proprio CBD commestibile o per coloro che soffrono di problemi di ansia, mancanza di sonno, infiammazioni articolari e mal di testa.

    La procedura di decarbossilazione è vista come un approccio per aumentare la qualità e la vitalità del CBD, che si traduce in tempi di risposta più rapidi, una volta che si trova nel corpo umano.

    La colorazione e la consistenza dell'olio di CBD decarbossilato sono entrambe simili a quelle dell'olio allo stato grezzo.

    Olio di CBD filtrato

    L'olio di CBD filtrato è il più diffuso e quindi il più richiesto. Questo prodotto è adatto a persone con una molteplicità di esigenze, dall'ansia moderata a malattie considerevolmente gravi.

    7. Dove acquistare l'olio di CBD

    Esistono numerosi casi di utilizzatori di olio di CBD che non sono stati in grado di percepirne i benefici, e ciò è dovuto semplicemente al fatto che hanno acquistato il prodotto con CBD sbagliato. Ci sono molti produttori sul mercato che utilizzano tecniche di estrazione di bassa qualità, il che riduce la potenza e l'efficacia della CBD.

    How to choose the best CBD oil

    La selezione del CBD richiede misure attente, ecco alcune delle cose importanti da prendere in considerazione.

    Come si sceglie l'olio di CBD? - Scegli una società rispettabile

    Preferiamo le aziende svizzere perché sono aziende genuine e forniscono prodotti locali di canapa di qualità. Fai attenzione al processo di estrazione che l'azienda sta utilizzando e assicurati di prendere in considerazione le recensioni e le valutazioni di altri clienti dell'azienda.

    La consultazione dei clienti passati è una pratica utilizzata per condividere esperienze per le performance dell'azienda e la qualità dei loro prodotti. Assicurati di non scendere a compromessi in materia di qualità quando acquisti l'olio di CBD.

    Prediligi il CBD vegetale al posto dei cristalli

    choose plant based cbd instead of crystals

    Un errore comune che la maggior parte dei clienti fa, è che comprano l'olio di CBD a base di cristalli invece dell'olio vegetale.

    Preferisci l'olio vegetale per i seguenti motivi:

    1. I cristalli potrebbero essere stati conservati per un lungo periodo di tempo e, in tal caso, la loro potenza si riduce. Tuttavia, gli estratti delle piante sono freschi e molto potenti.
    2. I cristalli contengono spesso conservanti, che riducono l'effetto positivo del prodotto, mentre gli estratti di piante sono i più puri, il che significa che tutti i benefici sono presenti.

    Durante la selezione del prodotto assicurati di chiedere ai produttori se il CBD è a base vegetale o a base di cristalli.

    Le piante di canapa devono essere coltivate al 100% con metodo biologico

    100% organic grown hemp

    Il valore nutrizionale e la concentrazione di CBD sono entrambi più elevati nelle piante biologiche rispetto alle varietà di canapa che sono state coltivate con l'aiuto di fertilizzanti.

    Dovresti sapere che il contenuto di fertilizzanti e pesticidi è elevato in alcune piante di canapa. La rimozione di tali sostanze chimiche non può essere ottenuta semplicemente lavando le piante. Il che significa che le sostanze chimiche potrebbero essere trasferite all'olio di CBD durante il processo di estrazione e quindi danneggiare il tuo corpo.

    Fai attenzione al metodo di produzione

    Assicuratevi di sapere quale metodo di produzione viene utilizzato dall'azienda. Alcuni dei metodi migliori includono:

    1. Estrazione con CO2
    2. Estrazione con etanolo
    3. Estrazione con olio di oliva
    4. Estrazione con idrocarburi

    Le aziende che utilizzano l'estrazione con CO2 hanno prodotti della migliore qualità. Anche l'estrazione di etanolo e olio d'oliva è affidabile, ma non produce gli stessi effetti positivi.

    Prova ad evitare i prodotti delle aziende che utilizzano l'estrazione con idrocarburi.

    Tecniche di test

    Assicurarsi di scegliere un'azienda che utilizza tecniche di test speciali. È possibile informarsi su questo aspetto visualizzando i risultati dei test pubblicati, o semplicemente leggendo la descrizione sulla bottiglia. 

    Controllare la certificazione di laboratorio GMP

    Infine, si dovrebbe chiedere un certificato GMP. Si tratta di un certificato speciale che viene rilasciato alle aziende che hanno soddisfatto i requisiti per le buone pratiche di fabbricazione. Questo certificato è la prova che l'azienda che hai scelto produce risultati di alta qualità.

    A parte questo, le aziende con certificati GMP devono mantenere i loro standard. Devono fornire gli stessi prodotti di qualità per mantenere la loro reputazione. In breve, un certificato GMP è la prova che si sta facendo affari con un'azienda affidabile. 

    Come usare ed assumere l'olio di CBD

    Abbiamo pubblicato un articolo separato su come si dovrebbe assumere l'olio di CBD secondo le linee guida dell'associazione MEDCAN in Svizzera.

    Assicurati di leggere come funziona l'oliod i CBD e come si usa in modo corretto.

    8. Conclusione

    Il cannabidiolo (CBD) è uno dei cannabinoidi non psicoattivi presenti nella pianta di canapa. Questi cannabinoidi hanno la capacità di agire sui recettori dei cannabinoidi che si trovano in tutto il corpo. Gli studi hanno dimostrato che il CBD aiuta a ridurre il dolore cronico impattando l'attività dei recettori dei cannabinoidi, riducendo l'infiammazione e interagendo con i neurotrasmettitori. I suoi numerosi benefici sono interessanti sia per il campo medico che per gli utilizzatori a livello ricreativo.

    Grazie alla sua rapida crescita di popolarità, siamo certi che il CBD e le sue qualità uniche possono diventare parte della nostra routine quotidiana, usandolo come un modo naturale per ridurre lo stress e il dolore. Crediamo fermamente che presto giocherà un ruolo cruciale in campo medico, migliorando la vita di persone che soffrono di alcune malattie mentali e fisiche. 

    Il CBD è legale?

    In questo articolo, non abbiamo trattato l'aspetto giuridico del CBD a livello locale, in quanto si tratta di un argomento ampio e complesso che verrà trattato in un articolo separato.

    Il panorama giuridico è in continua evoluzione in tutto il mondo, ma sempre a favore del CBD, della canapa e della cannabis medica. Gli stessi prodotti vengono talvolta classificati come medicinali, integratori alimentari o ingredienti; tutto dipende dalla legislazione locale e dall'adattamento dei prodotti derivati dalla cannabis.

    In alcuni paesi il CBD può essere acquistato ovunque, in altri il CBD viene venduto in farmacia o prescritto solo dai medici. In altri paesi il CBD viene venduto solo dal governo o è disponibile negli ospedali, ecc.

    In tutti i paesi dell'UE è consentita l'importazione di CBD per uso personale, se il contenuto di THC è inferiore allo 0,2% (l'Italia consente fino allo 0,6% di THC).

    Negli Stati Uniti il CBD è consentito nella maggior parte degli stati, ma non è completamente legalizzato a livello federale, anche se si prevede che verrà legalizzato molto presto.

    Per riassumere l'aspetto legale del CBD, ti consigliamo sempre di controllare la legislazione del tuo paese locale e di chiedere al tuo medico le indicazioni del caso prima di utilizzarlo.

     

    Questo articolo è stato scritto da un autore indipendente e di terze parti specializzato nella ricerca su CBD, canapa e cannabis. Qualsiasi opinione, consiglio o raccomandazione espressa nell'articolo non riflette l'opinione della Formula Swiss AG o dei nostri dipendenti. Non rilasciamo nessuna affermazione su nessuno dei nostri prodotti e rimandiamo al nostro disclaimer per ulteriori informazioni.

    23 minuti di lettura

    Leggi di più
    Come funziona l'olio di DBC? La guida completa per la comprensione del CBD nel corpo umano

    Come funziona l'olio di DBC? La guida completa per la comprensione del CBD nel corpo umano

    I cannabinoidi vengono prodotti naturalmente nell'organismo e sono importanti per l'omeostasi. La loro assenza dal corpo influisce gravemente sulla nostra salute e sul nostro umore. I ricercatori hanno dimostrato l'importanza del CBD per il mantenimento delle normali funzioni corporee.

    Il sistema endocannabinoide unico nel suo genere funziona in tutto il nostro corpo, e ha diversi recettori che si legano con icannabinoidi in modo che il CBD possa essere introdotto nel tuo flusso sanguigno.

    In questo articolo tratteremo i seguenti argomenti chiave per aiutarvi a capire come il CBD influenza il vostro corpo:

    1. Cos'è il sistema endocannabinoide?
    2. In che modo l'olio di CBD influenza il nostro sistema endocannabinoide?
    3. Qual è il dosaggio ottimale di CBD?
    4. Perché tutti dovrebbero assumere l'olio di CBD
    5. L'olio di CBD funziona davvero?
    6. Quale gruppo di età dovrebbe assumere l'olio di CBD?
    7. Motivi per cui non si sente l'effetto del CBD
    8. Posso usare l'olio di CBD nei cibi e nelle bevande?
    9. Conclusione

    1. Cos'è il sistema endocannabinoide?

    what is the endocannabinoid system

    Il sistema endocannabinoide - o ECS in breve - è responsabile della regolazione dell'equilibrio nella risposta immunitaria del nostro corpo, nella comunicazione tra le cellule, metabolismo, memoria, sonno, appetito, digestione, fame, umore, controllo motorio, funzione immunitaria, riproduzione e fertilità, piacere e ricompensa, dolore e termoregolazione.

    Nonostante il ruolo integrale che questo sistema assume, fino alla metà degli anni '90 è rimasto una parte sconosciuta delle funzioni del corpo umano. Il sistema prende il nome dalla pianta che ne ha ispirato la scoperta.

    Il sistema endocannabinoide è importante per la salute e l'equilibrio generale, ma la sua importanza è stata pienamente compresa dalla comunità medica solo di recente. È attraverso questo sistema che i cannabinoidi naturali dell'olio di CBD interagiscono con il nostro corpo e ne innescano i numerosi effetti benefici. A causa di come influisce sul funzionamento del nostro corpo, un sistema endocannabinoide sano è fondamentale ed è fondamentale che impariamo a mantenerlo.

    Il sistema endocannabinoide è costituito da diversi meccanismi integrati:

    • Gli enzimi responsabili della creazione e distruzione dei cannabinoidi.
    • I siti recettoriali sulle cellule per ricevere i cannabinoidi.
    • Endocannabinoidi stessi (composti simili ai cannabinoidi prodotti naturalmente nel corpo umano).
    • Questi meccanismi sono principalmente responsabili della comunicazione all'interno dell'organismo per regolare al meglio le varie risposte biologiche..

    Una delle questioni principali sollevate in questi primi studi era se il corpo producesse o meno i propri equivalenti naturali ai composti precedentemente scoperti chiamati fitocannabinoidi, come il THC e il CBD, che si trovano nella pianta di cannabis. La risposta si è rivelata positiva - sotto forma di endocannabinoidi anandamide e 2-AG, che sono i due principali analoghi del THC e del CBD. Con la consapevolezza che noi umani creiamo i nostri cannabinoidi, si è aperta la porta per la destrutturazione del loro scopo.

    Gli endocannabinoidi come risposta

    Gli endocannabinoidi sono generati in risposta alle esigenze del più ampio sistema fisiologico e sono utilizzati per le funzioni regolatorie dell'organismo. Agiscono su cellule presinaptiche per controllare il volume al quale vengono inviati i segnali comunicanti. In questo modo gli endocannabinoidi influenzano la durata e l'intensità dell'ampia gamma di processi fisiologici sotto il loro controllo.

    Mentre il sistema endocannabinoide è legato ad una serie di processi importanti ed è concentrato nel cervello, nel sistema nervoso e negli organi riproduttivi, non influenza le regioni del cervello che controllano le funzioni cardiache e polmonari. Questa caratteristica è una delle ragioni principali per cui non si verificano overdose fatali di cannabinoidi.

    Come funziona il sistema endocannabinoide?

    How does the endocannabinoid system work?

    Ogni qualvolta si riscontrano deviazioni dall'omeostasi nelle funzioni dell'organismo, il sistema endocannabinoide si attiva e comincia a rispondere di conseguenza sintetizzando gli endocannabinoidi, che agiscono come neurotrasmettitori.

    Quando il corpo crea neurotrasmettitori per il sistema endocannabinoide, questi vengono raccolti da recettori specializzati dei cannabinoidi, che si trovano sulla superficie delle cellule. Questi recettori si trovano in un'ampia gamma di regioni fisiologiche, come ad esempio nel:

    • Sistema immunitario
    • Organi e ghiandole
    • Tessuto connettivo
    • Cervello (più significativamente)

    Proprio come una chiave si inserisce in una serratura, gli endocannabinoidi interagiscono con questi recettori e trasmettono informazioni sulle mutevoli condizioni per avviare una risposta, con l'obiettivo di aiutare il corpo a raggiungere l'omeostasi, o l'equilibrio, nonostante le influenze esterne.

    I siti recettoriali del sistema endocannabinoide comprendono varianti di recettori CB1 e CB2, che rispondono in modo diverso ai vari cannabinoidi. I recettori CB1 sono i più diffusi nel sistema nervoso centrale e sono collegati ai seguenti benefici:

    • Modulazione di stress e ansia
    • Aumento dell'appetito
    • Diminuzione della nausea
    • Equilibrio del sistema immunitario
    • Inibizione dei tumori

    I recettori CB2 si trovano principalmente sulle cellule del sistema immunitario e sembrano prevalere nel combattere l'infiammazione e i danni ai tessuti. Alcune cellule possono anche contenere entrambi i tipi di recettori, ognuno responsabile di una funzione diversa.

    Esistono due endocannabinoidi principali - 2-Arachidonoylglycerol (2-AG) e Anandamide (AEA).

    2-AG è considerato un agonista completo sia dei recettori CB1 che CB2. Questo significa che si lega e si adatta bene all'interno di entrambi i recettori per attivarli per stimolare una risposta fisiologica.

    L'anandamide è considerata un agonista parziale di entrambi i recettori, perché, mentre si lega e attiva i recettori, non si adatta bene al loro interno e di conseguenza non innesca una risposta fisiologica così potente (Parcher, Batkai, & Kunos, 2006).

    Una volta che la funzione che aveva deviato dall'omeostasi ritorna in equilibrio e gli endocannabinoidi non sono più necessari, il terzo pezzo del sistema - gli enzimi metabolici - si rompe e li degrada.

    L'idrolasi dell'ammide degli acidi grassi (FAAH) degrada l'anandamide e la lipasi del monoacilglicerolo (MAGL) si scompone in 2-AG. Eliminando gli endocannabinoidi, il sistema endocannabinoide "spegne" i segnali molecolari e termina qualsiasi attività fisiologica che aveva stimolato.

    In che modo il sistema endocannabinoide influenza la tua salute?

    How does the endocannabinoid system affect your health?

    Dalla scoperta del sistema endocannabinoide e delle sue parti, i ricercatori hanno lavorato per capire meglio come il sistema endocannabinoide può essere usato terapeuticamente per:

    • Diminuire il dolore 
    • Combattere il cancro 
    • Prevenire le malattie neurodegenerative 
    • Promuovere la salute generale

    Nel complesso, la ricerca indica che il sistema endocannabinoide aiuta a garantire il corretto funzionamento del sistema immunitario e del sistema nervoso centrale dell'organismo. Individuare i modi per modulare l'attività del sistema endocannabinoide apre la strada a un insieme incredibilmente eterogeneo di malattie e disturbi cronici (Pacher e Kunos, 2013).


    Ad esempio, le prove indicano che la stimolazione dei recettori dei cannabinoidi può aiutare nella cancellazione di vecchie memorie traumatiche e fornire benefici clinici nelle malattie legate all'età associate all'infiammazione cerebrale (Ruehle et al, 2012) (Marchalant, et al., 2008). Questo elenco include anche condizioni difficili come il Parkinson, la sclerosi multipla e il cancro.

    Memoria

    Vi sono anche prove che il sistema endocannabinoide può essere d'aiuto nella cancellazione di vecchie memorie (Ruehle et al, 2012). La cancellazione delle memorie avverse è importante per il progresso dei pazienti con PTSD e per il condizionamento del comportamento di coloro che soffrono di ansia cronica. Permettendo ai pazienti di dimenticare i ricordi dolorosi, possono resettare le loro risposte di stress e ansia a certe esperienze e creare una reazione più positiva.

    Appetito e peso

    La cannabis ha la ben nota capacità di aumentare l'appetito. Tuttavia, poiché gli endocannabinoidi vengono utilizzati internamente per il controllo dell'appetito, gli agonisti inversi al recettore CB1 possono essere utilizzati per combattere l'obesità bloccando il desiderio di cibo del corpo (Pagotto et al, 2005). Il contrario può essere ottenuto stimolando l'appetito in coloro che soffrono di sindrome da spreco e permettendo loro di aumentare di peso (Kogan e Mechoulam, 2007).

    Infine, gli endocannabinoidi regolano anche il metabolismo e aiutano a controllare il trasferimento di energia attraverso le cellule, garantendo un uso ottimale del cibo che assumiamo.

    Ansia

    Nel mondo di oggi, è ormai una realtà comune che il ciclo naturale dell'ansia e della risposta fisica non può essere interrotto a causa della costante esposizione ai fattori di stress. Poiché i cannabinoidi influenzano la risposta ghiandolare del corpo allo stress continuo per regolare e moderare la risposta, il sistema endocannabinoide ha implicazioni per il modo in cui gli esseri umani moderni elaborano lo stress a lungo termine e altri fattori scatenanti l'ansia permanente (Akirav).

    Funzione immunitaria e infiammazione

    Inoltre, gli endocannabinoidi promuovono una corretta funzione immunitaria per consentire un maggiore benessere generale. Il ruolo che svolgono nell'omeostasi immunitaria previene "l'attivazione spontanea della funzione delle cellule immunitarie", aiutando a prevenire l'infiammazione e possibilmente anche le malattie neurologiche che ne derivano (Pandey et al, 2009).

    Come funzionano i cannabinoidi dell'olio di CBD con il sistema endocannabinoide?

    Mentre gli scienziati imparano di più sul sistema endocannabinoide, esplorano anche il ruolo potenziale che i cannabinoidi derivati dalla cannabis come il THC, il cannabidiolo (CBD), il cannabinolo (CBN), e altri potrebbero giocare nel supportare il sistema.

    I cannabinoidi imitano il comportamento degli endocannabinoidi e interagiscono con i recettori dei cannabinoidi per incrementare il sistema endocannabinoide. Quando i cannabinoidi interagiscono con i recettori dei cannabinoidi, stimolano varie risposte fisiologiche.

    Il THC, il ben noto composto psicoattivo che si trova nella marijuana medica, attiva i recettori per ottenere una risposta chimica. Viene considerato un agonista dei recettori CB1 e CB2 perché si lega direttamente ai recettori e li attiva. Il THC tende a favorire i recettori CB1 perché si adatta molto bene al loro interno ed è quindi in grado di stimolare una forte reazione fisiologica.

    Quando il THC reagisce con i recettori CB1, è questo che causa la ben nota sensazione di "sballo" della marijuana. Il THC attiva direttamente anche i recettori CB2, ma è considerato un agonista parziale e quindi non suscita una risposta fisiologica così forte.

    Il CBD provoca alterazioni chimiche bloccando i recettori. Tende ad avere bassa affinità sia per i recettori CB1 e CB2, e al contrario agisce come antagonista indiretto degli agonisti. Questo significa che il CBD si colloca imperfettamente all'interno dei recettori, non attivandoli ma impedendo ad altri messaggeri chimici come il THC di legarsi ad essi.

    Mentre continuiamo ad approfondire le nostre conoscenze sul sistema endocannabinoide, conosceremo anche il potenziale dei composti attivi della cannabis (come il THC, CBD e CBN) da usare terapeuticamente.

    Perché dovrei aggiungere i cannabinoidi dell'olio di CBD al mio corpo?

    Una teoria su come il sistema endocannabinoide si collega alla nostra salute generale è la proposta di sindrome da deficit endocannabinoide, o CECD, una condizione in cui alcune persone non possono generare abbastanza endocannabinoidi (Smith e Wagner, 2014). Questa teoria, originariamente proposta dal ricercatore E.B. Russo nel 2004, ipotizza che la carenza potrebbe essere la causa principale di molti disturbi autoimmuni, tra cui emicrania, fibromialgia e IBS (Russo, 2004).

    Modulando il sistema endocannabinoide (Kaur, Ambwani, & Singh, 2016), potrebbero essere trattate diverse malattie e condizioni, tra cui:

    Uno dei principali ostacoli all'accettazione e all'uso della cannabis e dei suoi cannabinoidi attivi in medicina è la preoccupazione per il suo abuso. Tuttavia, questo problema non si pone in una serie di possibili approcci alla regolazione del sistema degli endocannabinoidi:

    • Quando si applica un antagonista del recettore CB1.
    • Quando la produzione o il trasporto di endocannabinoidi viene alterato.
    • Quando un agonista non psicoattivo del recettore CB2, come il CBD, viene utilizzato per risultati terapeutici (Pacher e Kunos, 2013).

    Fitocannabinoidi, come il THC della cannabis o il CBD concentrato nella canapa, ovviamente influenzano il sistema endocannabinoide. Tuttavia, è stato anche dimostrato che i fitocannabinoidi non psicoattivi di altre piante, e anche altri composti come i terpeni e i flavonoidi, sono raccolti dai recettori dei nostri sistemi endocannabinoidi.

    Poiché piccole dosi di fitocannabinoidi possono stimolare l'organismo a creare endocannabinoidi più naturali e i loro recettori, può essere possibile rafforzare la sensibilità dei nostri sistemi nativi con integratori costanti di cannabinoidi.

    Nel complesso, una ricerca significativa deve ancora essere svolta per comprendere meglio l'impatto del sistema endocannabinoide sulla nostra salute generale e come l'integrazione della nostra produzione naturale di endocannabinoidi con cannabinoidi vegetali possa svolgere un ruolo terapeutico significativo per la nostra salute. Tuttavia, studi approfonditi e iniziali mostrano un grande potenziale per l'uso di questo sistema vitale a beneficio della salute del paziente.

    Abbiamo trovato questo video, che illustra come il sistema degli endocannabinoidi può essere utile per comprendere l'importanza del sistema di segnalazione. 

    2. Come l'olio CBD influenza il nostro sistema endocannabinoide

    How CBD oil affects our endocannabinoid system

    Il CBD sta guadagnando visibilità in questi giorni grazie ai suoi potenziali benefici. Per capire in che modo il CBD è così efficace nella prevenzione di alcune malattie, bisogna prima di tutto comprendere il sistema endocannabinoide umano. Il sistema endocannabinoide è il luogo in cui si svolge tutto il lavoro del CBD. Questo sistema è la parte del corpo responsabile della maggior parte dei processi vitali del corpo, compreso il sistema immunitario, il sistema nervoso centrale, il sistema digestivo, la memoria e l'apprendimento. Il sistema endocannabinoide gestisce e controlla le risposte naturali del corpo. Tuttavia, il sistema può indebolirsi a causa di lesioni esterne o disturbi. Qui è dove il CBD può contribuire rafforzando le funzioni del sistema endocannabinoide.

    Il sistema cannabinoide endogeno ECS contiene un certo numero di cellule e molecole che si diffondono in tutto il corpo, compresi il cervello, i tessuti connettivi, gli organi, le cellule immunitarie e le ghiandole. La ricerca mostra che il sistema endocannabinoide può essere influenzato dai cannabinoidi esterni come il CBD. Secondo il National Institutes of Health, il sistema endocannabinoide può essere manipolato da fonti esterne come il CBD per trattare una serie di disturbi medici.

    Gli effetti del CBD sul sistema endocannabinoide

    Il sistema endocannabinoide è costituito da recettori dei cannabinoidi che si trovano in tutto il corpo. Il recettore dei cannabinoidi 1 CB1 si trova in abbondanza nel sistema nervoso centrale, mentre il recettore dei cannabinoidi 2 CB2 si trova nel tratto gastrointestinale, nelle cellule immunitarie e nel sistema nervoso periferico. Questi recettori sono responsabili della gestione di varie funzioni dell'organismo che includono la funzione immunitaria, il dolore, il sonno, l'umore, la memoria, la digestione, la fertilità e il controllo motorio.

    Questi sono i cannabinoidi naturali del corpo, ma a volte il sistema endocannabinoide naturale viene disturbato e non funziona in modo ottimale. Ecco il ruolo del CBD, il CBD non si adatta o si lega ai recettori CB1 e CB2, ma stimola le funzioni di entrambi i recettori. Grazie a questa interazione, i recettori CB1 diventano più attivi e lavorano efficacemente in diverse parti del corpo. Poiché il THC si lega ai recettori e produce elementi psicoattivi, il CBD, d'altra parte, si è dimostrato essere il modulatore allosterico negativo del recettore CB1. Significa che il CBD può inibire il potenziale psicotico del THC modificando il recettore CB1.

    Il secondo recettore principale dei cannabinoidi, il recettore CB2, che è responsabile di così tante funzioni, è anche un motivo per la comparsa dell'infiammazione. Sebbene il CBD abbia un effetto positivo sul recettore CB1 e ne stimoli le funzioni, il CBD produce un effetto negativo sul recettore CB2, il che significa che usando il CBD il recettore CB2 indebolisce la sua efficacia. Le qualità antinfiammatorie del CBD sono dovute a questo meccanismo, ma la ricerca ha dimostrato che l'effetto è minimo al punto da essere trascurabile. Alcuni si chiedono ancora come il CBD possa avere effetti positivi sul sistema endocannabinoide quando colpisce indirettamente il recettore CB1 e solo marginalmente il recettore CB2. Bene, i risultati del CBD derivano sia dagli effetti indiretti sul sistema endocannabinoide che dalla pleiotropia, che è il potenziale del CBD di influenzare un'ampia varietà di tutti i sistemi del corpo.

    Effetti indiretti del CBD

    Il CBD produce altri due effetti sul sistema endocannabinoide: modifica l'attività degli enzimi e delle proteine e la concentrazione di anandamide, che è il cannabinoide naturale.

    Considerando l'influenza del CBD sugli enzimi, spesso dimentichiamo che l'organismo non contiene solo i recettori e i neurotrasmettitori, ma anche gli enzimi che regolano l'intero meccanismo. Il sistema endocannabinoide ha l'enzima chiave dell'idrolasi dell'ammide degli acidi grassi (FAAH). La FAAH è l'enzima che scompone il funzionamento dell'anandamide e lo indebolisce, mentre il CBD è noto come inibitore della FAAH. Ciò significa che il CBD non permette alla FAAH di funzionare in modo efficiente e lo indebolisce, con conseguente aumento della concentrazione di anandamide. Questo porta all'impatto positivo del sistema endocannabinoide. Il CBD non colpisce direttamente l'anandamide ed è anche un debole inibitore della FAAH, per cui i suoi effetti non possono essere attribuiti interamente al sistema degli enzimi.

    Un altro effetto indiretto del CBD è sulla proteina legante degli acidi grassi (FABP). Queste proteine sono responsabili del legame, nel caso del sistema endocannabinoide, si lega alla sinapsi anandamide e la trasporta al di fuori della sinapsi dove viene scomposta o metabolizzata dalla FAAH. Così il CBD inibisce il legame del FABP all'anandamide, piuttosto attrae il FABP e lo porta a collocarsi in modo efficiente con conseguente minore metabolismo dell'anandamide e aumentare i suoi effetti sul sistema.

    Il CBD produce anche altri effetti sul corpo. Ad esempio, il CBD si lega al recettore delle proteine G noto come TRPV-1 che media la temperatura corporea e la percezione del dolore e dell'infiammazione. Il CBD viene anche utilizzato per attivare i recettori della serotonina e può anche inibire il gene ID-1, che causa vari tipi di tumori.

    Un sistema endocannabinoide sano non solo gestisce e controlla i processi interni del corpo, ma influisce anche sul comportamento sociale di una persona. Agisce come un ponte tra la mente e il corpo e i cannabinoidi influenzano il rapporto di una persona con il suo ambiente esterno. Il corretto funzionamento del sistema endocannabinoide è cruciale per la salute del corpo e della mente. Se c'è una carenza di cannabinoidi nel sistema, allora questa carenza può essere rimossa dal CBD.

    3. Qual è il dosaggio ottimale di CBD? 

    cbd optimal dosage

    L'indicazione che dice che gli ingredienti biologici ed erbacei possono essere assunti in qualsiasi quantità perché sono innocui è un grande equivoco tra molte persone, nonostante i ripetuti avvertimenti da parte di numerosi esperti in campo medico-sanitario. Il fatto che gli elementi organici presenti in medicina o nei prodotti sono completamente naturali non li rende completamente privi di effetti collaterali.

    Ogni cosa - naturale o artificiale - presenta una serie di benefici e svantaggi in termini di alti e bassi dosaggi, che devono essere attentamente considerati prima di essere consumati. Questo è vero anche nel caso dell'acqua.

    Non dovresti bere 10 litri d'acqua o rischi di morire per danni cerebrali..

    Con l'aiuto della crescente consapevolezza e dell'uso delle tecnologie dell'informazione, molte persone hanno iniziato a consultare i professionisti per il consumo dei componenti naturali solo per rimanere sicuri dei suoi possibili effetti. Mentre sul rovescio della medaglia, molta gente è ancora confusa sull'argomento e deve essere informata prima che sia troppo tardi.

    Il CBD è uno di quegli ingredienti biologici che hanno guadagnato sempre più popolarità negli ultimi anni, piu' di ogni altra cosa..

    I suoi infiniti benefici ed effetti aiutano nel trattamento di numerose malattie
    hanno reso popolare il suo utilizzo.

    Pertanto, è essenziale comprendere l'importanza del suo dosaggio ottimale 
    in modo che il pubblico di riferimento sia sempre consapevole degli effetti collaterali indesiderati.

    Che cos'è il CBD e quali sono i suoi benefici?

    CBD sta per cannabidiolo ed è prodotto naturalmente dalla pianta di cannabis. 

    La pianta possiede anche altri elementi che non hanno effetti positivi sul corpo umano, mentre il CBD è noto per essere vantaggioso come trattamento medico per una serie di condizioni, comprese le malattie croniche e gravi. 

    È più probabile che venga consumato sotto forma di olio ottenuto dalla combinazione di CBD miscelato con olio biologico, verosimilmente con olio d'oliva.

    La ragione principale della rapida crescita di popolarità del CBD è il numero di problematiche mediche che può aiutare ad affrontare. Di seguito sono riportati alcuni dei benefici conosciuti del CBD che indicano quanto può essere efficace per il corpo umano.

    1. Il CBD aiuta a liberarsi dei dolori cronici del corpo che altrimenti richiedono mesi, a volte anni, per essere trattati con i farmaci dannosi..
    2. CBD è noto per essere efficace per il trattamento di disturbi mentali
      condizioni come la depressione e l'ansia.
    3. il CBD si è dimostrato utile per prevenire e trattare il cancro in misura limitata.
    4. Gli effetti del CBD sono considerati altamente benefici nella cura di
      complicati disturbi neurologici come il morbo di Alzheimer, problemi del sonno, e
      schizofrenia, ecc.
    5. Il tipo grave di condizioni cutanee come l'eczema può anche essere trattato con l'aiuto dell'olio di CBD senza causare effetti collaterali significativi.
    6. Il CBD finora ha curato un gran numero di malattie croniche che hanno
      aiutato l'elemento naturale nell'ottenere il giusto tipo di attenzione da parte del
      pubblico target.

    Il CBD ha moltissimo di più da offrire ai suoi consumatori abituali per mantenere uno stile di vita sano. Tuttavia, tutti questi benefici potrebbero andare in fumo se non si seguono le istruzioni corrette per quanto riguarda il dosaggio corretto.

    Qual è il ruolo del suo dosaggio per il trattamento?

    Come accennato in precedenza, molti consumatori di CBD non sono ancora informati sul suo corretto dosaggio, necessario per ottenere gli effetti appropriati. Sono disponibili diversi articoli sulle informazioni di base sulla CBD, sui suoi benefici e su altri aspetti, ma non tutti dispongono di informazioni sufficienti sul suo dosaggio ottimale.

    Ecco alcuni dei suggerimenti da seguire, considerando il miglior dosaggio di CBD per curare la malattia.

    1. Il peso corporeo
      Come ogni altro farmaco, anche il dosaggio del CBD viene deciso in base al peso corporeo del paziente. Ciò è dovuto al fatto che ogni individuo ha una diversa capacità e livello di tolleranza per i farmaci che assume, per cui è meglio lasciare che il corpo reagisca alla giusta quantità di ingredienti naturali per ottenere risultati efficaci.

      Per esempio, un approccio è quello di utilizzare un dosaggio CBD di 6 mg massimo per ogni 5 kg (10 libbre) di peso corporeo.
    1. L'intensità della malattia

      Anche la gravità della malattia gioca un ruolo importante nel produrre il risultato desiderato per il corretto dosaggio del CBD. Questo significa che quando il dolore è grave ed è stato lì per un lungo periodo, il dosaggio del CBD sarà relativamente alto, in quanto le malattie con un lungo decorso storico richiedono tempo per essere trattate immediatamente.

      Allo stesso modo, anche i disturbi neurologici e altre condizioni mentali dovrebbero essere seguiti con la stessa filosofia, tenendo presente che tutto ciò che viene assunto in quantità eccessiva può causare danni a parti del corpo altrimenti sane.
    1. Comincia con una dose bassa

      Si tratta di uno standard universale di consumo di farmaci, naturali o non erboristici. Iniziare con una dose bassa e aumentarla gradualmente. Ad esempio, una persona che pesa moderatamente in base alla sua età può assumere circa 50 mg di CBD una volta al giorno.
      Questo dosaggio può essere aumentato se la malattia non viene completamente trattata nel tempo limite massimo. In questo caso, si può aumentare il dosaggio a due volte al giorno con un piccolo aumento della potenza.
    1. Consultare sempre un medico esperto

      Consultare un medico esperto che abbia una conoscenza completa del prodotto naturale e un'esperienza passata di successo nel trattare con pazienti che sono stati curati per le rispettive malattie è la migliore e ultima risorsa per avere un'idea del dosaggio ottimale del CBD.

      Quindi assicurati di restare informato sulle piccole e grandi questioni legate alla componente naturale per escludere la possibilità di contrattempi. Trovare il miglior dosaggio di CBD non è affatto complicato. Infatti, può essere facilmente deciso da una persona non istruita, sulla base dei fatti sopra citati, di sfruttare al meglio gli elementi naturali presenti nell'olio di CBD.

    4. Perché tutti dovrebbero assumere l'olio di CBD

    why everyone should take cbd oil

    L'uso dell'olio di CBD è stato legalizzato in molti paesi per via dei suoi numerosi benefici medici. Tuttavia, l'olio di CBD può essere usato solo per scopi medici, ma non per uso ricreativo.

    Molti ricercatori hanno dimostrato l'importanza dell'olio di CBD per il mantenimento delle normali funzioni corporee (funziona persino sugli animali). Sappiamo tutti che i cannabinoidi vengono prodotti naturalmente nel corpo e sono importanti per l'omeostasi. Questo è il motivo per cui i medici suggeriscono che dovremmo assumere regolarmente l'olio di CBD. Ecco alcuni dei benefici che si ottengono includendo l'olio di CBD nella routine.

    Allevia l'ansia

    Ci sono molte persone che soffrono di stress e questa condizione porta spesso all'ansia. È stato scoperto che la maggior parte dei giovani soffrono di ansia a causa dello stress da lavoro, studio o problemi relazionali. Assumere l'olio di CBD può aiutarti ad affrontare le condizioni di stress. Ti aiuterà a calmare i tuoi sensi in modo che tu possa pensare correttamente e trovare la soluzione al problema invece di stressarti con esso.

    Cura il dolore cronico

    Uno dei maggiori benefici dell'olio di CBD è che può aiutare a curare il dolore. Esistono alcune sostanze chimiche nel CBD che si attaccano ai recettori del dolore nel corpo e ne provocano l'inibizione. È stato scoperto che la maggior parte delle persone che soffrono di dolore cronico ha trovato sollievo dopo l'utilizzo dell'olio del CBD. Inoltre, se non soffri di dolore, l'olio di CBD ti proteggerà da qualsiasi condizione dolorosa.

    .

    Ci sono diverse questioni in cui l'olio di CBD è efficace:

    1. Dolore lombare 
    2. Dolore cronico 
    3. Dolore da artrite

    Blocca la crescita batterica

    È stato accertato che l'olio di CBD possiede particolari proprietà antibatteriche. Ti aiuterà a controllare la crescita dei batteri nel corpo. Esistono diversi batteri cattivi che attaccano il corpo e causano uno squilibrio delle funzioni normali. Con l'utilizzo dell'olio di CBD, è possibile controllare gli effetti negativi dei batteri. Tuttavia, è importante mantenere il dosaggio perché un dosaggio elevato potrebbe portare alla distruzione dei batteri buoni e ciò influirebbe sulla digestione e su altre importanti funzioni dell'organismo.

    Migliora la memoria e la concentrazione

    Per molti anni le persone hanno associato il CBD con gli effetti psicotici comunemente noti come "sballo". Tuttavia, è stato scoperto che la ragione principale per cui ci si sballa è a causa dell'alta concentrazione di THC. Il CBD estratto dalla canapa è puro e non ha tracce di THC. Questa è la ragione per cui non dovrai avere a che fare con effetti negativi come:

    1. Psicoattività
    2. Ansia 
    3. Paranoia 
    4. Allucinazioni

    Significa che la tua concentrazione non ne risentirà. Ti aiuterà a migliorare la tua memoria e quindi non dovrai affrontare condizioni di stress.

    Controlla il livello di zuccheri nel sangue

    Le prove hanno dimostrato che il CBD può aiutare a controllare il livello di zucchero nel sangue anche negli individui normali. Il ruolo principale del CBD è quello di mantenere la condizione omeostatica nel corpo. Questo significa che quando la produzione di glucosio nel corpo aumenterà, aumenterà la sensibilità all'insulina per assicurare che la persona non dovrà affrontare un alto livello di zuccheri. Può essere efficace per il diabete perché aumenta il consumo di glucosio nel corpo per assicurare che il livello normale possa essere mantenuto.

    Migliora il sonno

    L'olio di CBD esercita molti effetti benefici quando si tratta di insonnia e sonno. Esistono molti individui che soffrono di un disturbo del sonno. Sono stressati e il loro battito cardiaco aumenta, portando a diversi altri problemi di salute. Quando non sono in grado di riposare correttamente, sono spesso letargici e frustrati per tutto il tempo. Ecco perché è difficile per loro concentrarsi sulle cose importanti. Tuttavia, con il consumo di olio di CBD, questa condizione può essere migliorata. Aiuta a ridurre lo stress in modo da poter dormire bene la notte. Quando il tuo corpo è ben riposato non devi avere a che fare con effetti negativi.

    Riduce l'infiammazione

    Il CBD presenta alcune proprietà antinfiammatorie che aiutano a ridurre l'infiammazione nell'organismo. Più comunemente il dolore è causato dall'infiammazione. Quando l'infiammazione viene ridotta, il nostro dolore diminuisce di conseguenza. Allo stesso modo, è efficace contro le cellule tumorali. Il CBD può aiutare a controllare la crescita delle cellule tumorali nei pazienti oncologici. Se si consuma regolarmente l'olio di CBD, le possibilità di sviluppare il cancro potrebbero essere ridotte. I ricercatori sono attualmente alla ricerca di maggiori prove che l'olio di CBD è efficace contro il cancro.

    Migliora il sistema immunitario

    L'olio di CBD può migliorare il sistema immunitario del corpo. Aiutando a mantenere tutte le funzioni normali del corpo e uccidere tutti i batteri, il sistema immunitario si svilupperà. Questo significa che non soffrirai di alcun tipo di disturbi autoimmuni che potrebbero danneggiare gli organi interni e altri sistemi del corpo. L'olio di CBD migliora la salute generale del corpo. È anche molto efficace per quanto riguarda la crescita ossea. Riduce il deterioramento delle ossa e aumenta la forza e stimola la crescita ossea.

    5. L'olio di CBD funziona davvero?

    Does CBD Oil really work

    Per molti anni gli scienziati hanno pensato che l'olio di CBD trovato nelle piante fosse un agente terapeutico presente in forma attiva, senza effetti benefici sull'uomo. Tuttavia, la ricerca ha dimostrato che avevano torto.

    Ci sono state importanti scoperte scientifiche nella ricerca sul CBD che hanno portato alla conclusione che il CBD produce effettivamente molti effetti positivi sul corpo umano. Esistono decine di studi di ricerca che dimostrano che l'olio di CBD può essere utilizzato per il trattamento di diverse condizioni mediche, tra cui:

    1. Ansia 
    2. Schizofrenia 
    3. Cancro 
    4. Malattie cardiovascolari 
    5. Tanto altro

    Tuttavia, la maggior parte delle ricerche che sono state condotte sul CBD nel corso dell'ultimo decennio riguardava il trattamento dell'epilessia. Tuttavia, durante il processo di ricerca, è stato rivelato che il prodotto possiede molti importanti benefici per la salute che sono stati ignorati per molti anni.

    La cosa migliore dell'olio di CBD sono le sue potenziali qualità terapeutiche, che lo hanno reso popolare tra gli operatori sanitari e i pazienti. Il CBD è il principio attivo primario che apporta tutti i benefici. Tuttavia, la domanda qui è: l'olio di CBD funziona davvero?

    L'olio di CBD funziona veramente?

    Il sistema endocannabinoide (ESC) è uno speciale sistema psicologico importante per il mantenimento della salute umana. Coinvolge i recettori ECS per interagire con i sistemi del corpo per raggiungere l'omeostasi. Forse ti stavi chiedendo come può aiutarti. Ecco una semplice spiegazione che ti aiuterà a capire il processo.

    1. Nel corpo esistono due recettori dei cannabinoidi CB1 e CB2 che aiutano a monitorare il sistema di mediazione e di comunicazione del corpo.
    2. Quando la quantità dei recettori nell'organismo è elevata, essi assicurano che i cannabinoidi prodotti dall'organismo raggiungano la loro destinazione richiesta.
    3. Tuttavia, quando c'è uno squilibrio nel corpo, questi recettori lavorano per mantenere le condizioni normali.
    4. In caso di uno squilibrio maggiore nel corpo a causa di stress, traumi o malattie, il nostro corpo avrà bisogno di un piccolo aiuto extra ed è qui che dobbiamo usare l'olio di CBD.
    5. Il CBD è il cannabinoide presente nelle piante che si lega facilmente ai recettori presenti nel corpo.
    6. Aiuta a promuovere la guarigione naturale e l'equilibrio per assicurare che la vostra salute sarà mantenuta.

    La ricerca ha dimostrato che è vantaggioso utilizzare il CBD che deriva direttamente dalla pianta della canapa perché possiede proprietà chimiche simili a quelle dei cannabinoidi presenti nel corpo umano. Questa è la ragione per cui il CBD dalle piante viene estratto sotto forma di olio di CBD perché è la forma più pura di CBD ed è facile da usare. Tuttavia, la maggior parte delle persone vuole sapere quali condizioni possono essere curate con l'aiuto dell'olio di CBD. Ecco alcune delle normali condizioni in cui l'uso dell'olio di CBD è molto efficace.

    Olio di CBD per il dolore

    Esistono molti individui che soffrono di dolore cronico. La maggior parte di loro ha dolori alla schiena a causa della loro cattiva postura e della loro posizione seduta prolungata. Tuttavia, è stato scoperto che l'olio di CBD può aiutare a curare il dolore. Esistono alcune sostanze chimiche nell'olio che si legano ai recettori del cervello.

    L'olio di CBD possiede effetti antinfiammatori e antidolorifici. Attaccandosi ai recettori del cervello riduce l'infiammazione nell'area bersaglio del corpo inviando segnali. Una volta che l'infiammazione è ridotta il dolore diminuirà. Allo stesso modo, invierà segnali per inibire il dolore. È stato trovato che le persone che si occupano di dolore cronico hanno migliorato la loro condizione con l'aiuto dell'olio di CBD.

    Sollievo dal dolore dell'artrite

    Il dolore da artrite non è più associato solo alla vecchiaia. Esistono molte persone più giovani che soffrono di dolore da artrite. Nel caso in cui si nota che si soffre di rigidità mattutina e c'è gonfiore alle articolazioni, ci sono possibilità che si soffre di artrite.

    Tuttavia, la ricerca ha dimostrato che quando l'olio di CBD viene applicato all'area colpita, l'infiammazione e l'effetto globale del dolore si riduce. Non ci sono stati effetti collaterali dell'olio di CBD nel trattamento dell'artrite. Tuttavia, gli scienziati stanno ancora lavorando per saperne di più sui risultati positivi.

    Trattamento del cancro

    La causa principale del cancro nel corpo umano è la reazione infiammatoria che porta alla formazione di radicali liberi nell'organismo. La ricerca ha trovato che l'olio di CBD può aiutare a ridurre le probabilità che si sviluppino cellule tumorali perché aiuta a ridurre l'infiammazione che alla fine controlla la produzione di radicali liberi.

    C'è stato uno studio sui pazienti affetti da cancro. Lo studio ha dimostrato che dopo l'applicazione dell'olio di CBD la crescita delle cellule tumorali è stata ridotta. È stato trovato che l'olio di CBD aiuta nella riduzione delle cellule tumorali nel corpo. Gli scienziati stanno lavorando duramente per trovare forti prove che dimostrino che il CBD può essere usato per il trattamento del cancro. Questo prodotto rivoluzionario diventerà il primo farmaco efficace contro il cancro. La parte migliore è che sarà più efficace e conveniente.

    Sono molte le persone che stanno pensando di utilizzare l'olio di CBD, ma l'unico problema è che non riescono a trovare l'olio puro. Esistono molte aziende che non utilizzano il miglior processo di estrazione ed è per questo che l'olio di CBD che vendono ha una bassa potenza.

    Non preoccuparti perché a Formula Swiss abbiamo il miglior olio di CBD disponibile. L'olio viene estratto dalla canapa biologica utilizzando la migliore tecnica di estrazione di CO2 che dà una maggiore concentrazione di olio di CBD puro altamente efficace contro i dolori localizzati.

    6. Quale fascia d'età dovrebbe assumere l'olio di CBD? 

    Which age group should take CBD oil

    I cannabinoidi sono molto importanti per il mantenimento dell'omeostasi nel corpo umano. Il corpo umano produce naturalmente cannabinoidi che aiutano a regolare le normali funzioni del corpo. Dal momento della nascita il corpo inizia a produrre il CBD. Tuttavia, ci sono alcune condizioni di salute in cui i cannabinoidi non vengono prodotti. Ci sono possibilità che lo squilibrio nel corpo sia così alto che i cannabinoidi prodotti naturalmente non siano molto efficaci.

    Questo è il motivo per cui spesso dobbiamo assumere i cannabinoidi prodotti dalle piante di canapa. Per molti anni si è pensato che il CBD prodotto dalle piante di canapa non fosse efficace e che avrebbe portato ad effetti psicoattivi che avrebbero potuto essere pericolosi per le persone che soffrono di alcuni problemi mentali. Tuttavia, è stato scoperto che esistono molti individui che hanno mostrato risultati positivi dopo l'utilizzo dell'olio di CBD in una certa quantità. La ricerca ha dimostrato che il CBD è molto efficace per il corpo umano.

    Per molti anni, le persone lo usano per uso ricreativo perché aiuta a rilassarsi. Tuttavia, gli effetti medici dell'olio di CBD sono più significativi rispetto ai benefici ricreativi. L'olio di CBD può essere utilizzato per il trattamento di alcuni disturbi mentali come l'autismo e la schizofrenia che sono comuni in tenera età. La maggior parte dei genitori pensa che il CBD non sia un bene per i loro figli. Questo è il motivo per cui sono interessati a conoscere l'età giusta per somministrare l'olio di CBD. Qui abbiamo tutte le informazioni di cui hai bisogno per aiutarti con il processo.

    L'età giusta per consumare il CBD

    Forse ti starai chiedendo se esiste un'età specifica in cui puoi assumere l'olio di CBD. Dovresti sapere che non esiste un'età specifica per il CBD. È stato dimostrato da alcuni studi che il CBD può essere usato per il trattamento dei bambini come per gli adulti. Nel caso in cui il tuo bambino soffra di autismo, puoi migliorare la sua condizione con l'aiuto del CBD. Tuttavia, la cosa più importante da considerare è la dose. Ricordati che la dose per i bambini è diversa da quella degli adulti. Questo è il motivo per cui è importante scegliere la dose giusta.

    Ognuno ha diversi tipi di corpo

    Un errore comune che la maggior parte delle persone commette con l'olio di CBD è che presumono che tutti abbiano lo stesso corpo e lo stesso meccanismo. Dovresti sapere che il tasso metabolico di ogni persona è diverso. Questa è la ragione per cui l'olio di CBD produce risultati sorprendenti in alcuni individui a bassa concentrazione, mentre altri dovranno assumere l'olio di CBD altamente potente per ottenere i risultati desiderati. Allo stesso modo, il dosaggio di CBD è diverso per le diverse condizioni di salute. Se la dose che stai assumendo non produce alcun risultato, ciò significa che il tuo corpo potrebbe avere un metabolismo diverso e devi cambiare il dosaggio.

    Fai attenzione alla concentrazione

    Prima di scegliere il dosaggio dell'olio di CBD, è importante prestare attenzione alla concentrazione dell'olio. Ricorda che esistono diverse concentrazioni di olio disponibili sul mercato che vanno da 1 mg a diverse migliaia di mg. Dipende dal metodo di estrazione utilizzato nel sistema e dalla purezza degli estratti che si stanno consumando. Concentrazioni più elevate dovrebbero essere usate solo con l'approvazione di un medico, perché le dosi eccessive potrebbero portare ad alcuni gravi effetti collaterali che sono difficili da controllare.

    Se si prevede di utilizzare l'olio di CBD per il trattamento è importante utilizzare gli estratti puri, perché producono risultati più benefici rispetto al contenuto isolato. Non dimenticare che dovresti sempre consultare il tuo medico prima di iniziare ad assumere il CBD perché ti darà il consiglio migliore per quanto riguarda la dose che dovresti assumere.

    Non esistono effetti collaterali di rilievo per l'olio di CBD, ma gli unici effetti collaterali minori che dovrai affrontare sono gli occhi stanchi e la nausea.

    7. Motivi per cui non si sente l'effetto del CBD

    Reasons you are not feeling the effect of CBD

    Il CBD presenta una serie di vantaggi per i quali la gente pensa di usarlo. Viene utilizzato per trattamenti terapeutici e medici ed è stato dimostrato che fornisce risultati efficaci nel trattamento di varie malattie. È fondamentale capire che il CBD produce effetti diversi su individui diversi. Questa è la ragione per cui molte persone non trovano che il CBD sia così utile come dicono. Se tu hai finalmente deciso di provare il CBD, ma, con tua sorpresa, non ha prodotto gli effetti che speravi, allora ci possono essere una serie di ragioni per cui il CBD non ti ha fornito risultati efficaci.

    Il CBD è costituito da cannabinoidi che si trovano nella pianta di canapa. Ha la capacità di interagire con i recettori naturali del sistema endocannabinoide. Interagendo con i recettori CB1 e CB2 del sistema endocannabinoide, il CBD rafforza le funzioni del sistema e regola tutti i processi dell'organismo. Come abbiamo potuto constatare, ci sono molte persone che usano il CBD come sollievo per le loro condizioni mediche e sostengono che ha fornito loro risultati positivi. Ci sono anche alcuni individui che non ritengono che il CBD sia così efficace come si aspettavano che fosse.

    Ci possono essere diverse ragioni per cui il CBD ti sta dando risultati. Alcuni di essi sono menzionati di seguito.

    La giusta dose

    Uno dei maggiori fattori da cui dipendono gli effetti del CBD è la giusta quantità di dosaggio. Se non si sta assumendo la quantità appropriata di CBD, è meno probabile che si vedano i risultati. Quando si tratta di dosaggio, non è consigliato dal produttore; tuttavia, diverse fonti suggeriscono di assumere da 10 a 40 milligrammi di CBD al giorno. Altri consigliano 25 milligrammi di CBD da usare ogni giorno per vedere i risultati. Nel determinare il dosaggio del CBD, è importante ricordare che ogni persona è diversa e ha una biologia specifica. Quindi, se una cosa funziona per qualcuno non significa che funzionerà per te. Inizia ad assumere il CBD con il dosaggio appropriato, se non si vedono risultati, allora incrementa la dose del CBD a meno che non si riscontrino risultati rilevanti.

    Concedi il tempo di vedere gli effetti

    Un'altra ragione per cui il CBD potrebbe non aver funzionato per te è che non hai concesso il tempo di vedere i risultati del CBD. Anche se molte persone sostengono di vedere risultati immediati, questo non è il caso di tutti. Poiché il CBD non è un farmaco ma un integratore alimentare, non può fornire risultati immediati. Sono necessarie almeno due o quattro settimane per iniziare a vedere i benefici del CBD. Ci vuole tempo per vedere i potenziali benefici ed effetti del CBD. Se ancora non si vedono risultati positivi, allora si consiglia di aumentare il dosaggio e dare più tempo alla nuova routine del consumo di CBD.

    Assorbimento del prodotto

    Una cosa che potrebbe inibire il CBD nel produrre risultati efficaci è il grasso corporeo. I cannabinoidi vengono attratti dai grassi. Ciò significa che una parte del CBD viene assorbita dai grassi, mentre una parte viene ricevuta nel sangue.

    1. Se il 60% del CBD è assorbito dai grassi dell'organismo, allora solo il 40% della dose è in circolazione. Se il 30% del CBD viene assorbito dai grassi, il 70% del CBD circola nel sangue e fornisce i benefici potenziali.
    2. Questa ricerca si basa sulle proprietà dei cannabinoidi. Non ci sono studi disponibili al momento sul tasso di assorbimento delle cellule adipose.
    3. Se non stai traendo beneficio dal CBD allora puoi compensarne l'effetto di assorbimento dei grassi aumentando i livelli di CBD. Secondo uno studio del 2011, una dose giornaliera fino a 1.500 mg al giorno è considerata sicura e può essere consumata per ottenere i benefici desiderati. 

    Qualità del CBD

    La qualità della CBD svolge un ruolo cruciale nel fornire risultati efficaci. Esistono sul mercato molti prodotti che presentano un CBD di bassa qualità o che contengono un basso contenuto di CBD. Sono molti i casi in cui i clienti si lamentano del fatto che i loro prodotti con CBD non contengono la quantità di CBD indicata sull'etichetta. È di vitale importanza fare le ricerche necessarie prima di acquistare il CBD ed è meglio acquistare prodotti che vengono verificati da un laboratorio terzo. La falsa pubblicità può anche farti acquistare i prodotti che non offrono CBD di alta qualità. Al fine di ottenere benefici dal CBD, è essenziale che si utilizzi un prodotto di alta qualità con un alto contenuto di CBD.

    CBD isolato o CBD a spettro completo

    Se si utilizza il CBD isolato e non si riscontra nessun beneficio che cambia la vita, è possibile passare da CBD isolato a un prodotto CBD a spettro completo. Contiene almeno 113 cannabinoidi aggiuntivi, inclusi altri componenti vegetali, minerali, vitamine e flavonoidi. Usando il CBD a spettro completo, tutti i cannabinoidi lavorano in squadra e ne ingrandiscono i potenziali effetti. I benefici complessivi del CBD sono aumentati e una persona è colpita dai seguenti benefici aggiuntivi.

    Il CBD non ti fa sentire qualcosa di extra

    Se speri che il CBD ti faccia sentire qualcosa di diverso o che ti faccia sballare, allora ti sbagli di grosso. Non porta a sensazioni diverse; piuttosto, consumare il CBD regolarmente non farà altro che alleviare i sintomi di diverse malattie e ti farà sentire in salute. Non contiene proprietà psicoattive che sono responsabili delle capacità di cambiare la mente.

    Per poter notare i risultati positivi ed efficienti del CBD, questi fattori devono essere presi in considerazione. Questi fattori sono responsabili dell'efficace funzionamento del CBD. Se uno qualsiasi dei requisiti non viene soddisfatto, il prodotto non fornisce i benefici. Inoltre, è necessario stabilire una routine quotidiana di consumo di CBD per trarne beneficio.

    8. Posso usare l'olio di CBD nei cibi e nelle bevande?

     Can I use CBD oil in food and drinks?

    L'olio di CBD presenta numerosi benefici per la salute. Derivato dalla pianta della marijuana, il CBD ha il potenziale per risolvere molto facilmente molti problemi di salute. È largamente apprezzato per i suoi ottimi benefici medicinali. Persone provenienti da tutto il mondo stanno iniziando a utilizzare questo meraviglioso olio, che ha numerosi benefici.

    La gente lo usa per una serie di ragioni. Può essere usato per curare malattie come l'artrite, un certo numero di tumori, il morbo di Parkinson, il morbo di Alzheimer, la sclerosi multipla, l'obesità, l'epilessia, e molti altri. Grazie alle sue proprietà antinfiammatorie, viene anche ampiamente usato come antidolorifico. I cannabinoidi presenti nell'olio di CBD sono anche molto utili per alcuni disturbi mentali come schizofrenia, insonnia, disturbo bipolare, disturbo da stress post-traumatico e molti altri. Può anche essere usato per ridurre i livelli di ansia e depressione.

    Con questi numerosi benefici, molte persone lo scelgono per l'uso quotidiano di questo incredibile olio. Esistono ancora molti malintesi sull'olio CBD. Questo perché deriva dalla famigerata pianta di cannabis, nota anche come marijuana. Per questo motivo, l'olio di CBD gode di una cattiva reputazione tra alcune persone. Altri vogliono solo stare attenti durante l'uso.

    L'olio di CBD può essere usato per via orale?

    Una cosa che è molto comune tra le persone che stanno iniziando a usare l'olio CBD è la confusione. Non sono sicuri di come deve avvenire il consumo. Vogliono sapere se può essere consumato per via orale o meno. Bene, utilizzare l'olio di CBD per via orale è estremamente sicuro. Può essere consumato con il cibo e le bevande. Non può causare alcun danno se usato per via orale. Infatti, molte persone usano l'olio di CBD per cucinare il cibo. Ci sono molte ricette che possono essere preparate utilizzando l'olio di CBD.

    Cucinare con l'olio di CBD

    La tendenza a cucinare con l'olio di CBD è in forte aumento. Si tratta di un modo piuttosto divertente e interessante di consumare l'olio di CBD per raggiungere i benefici per la salute. Tuttavia, ci sono alcune cose che dovrebbero essere tenute a mente mentre si cucina con l'olio di CBD.

    • Funziona meglio con le ricette dolci o salate

      È fondamentale per la tua ricetta includere un ingrediente a base di olio. Questo perché sarà in grado di assorbire il concentrato di cannabis. Grassi come il burro chiarificato, burro, strutto, strutto, grasso vegetale o qualsiasi altro olio vegetale o di noci possono essere utilizzati nella ricetta. È un ingrediente essenziale affinché il tuo cibo risulti perfetto. Se non vuoi usare questi ingredienti a base di olio, devi considerare la possibilità di diluire una piccola quantità di concentrato di cannabis in uno dei tuoi alcolici preferiti come la vodka, il rum o il cognac. Ricorda che la birra e il vino sono a base d'acqua. Non avranno gli stessi effetti.

      Dovresti anche insaporire il tuo piatto aggiungendo le giuste quantità di spezie o zucchero. Mentre insaporisci, tieni presente che la cannabis ha un sapore amaro. Usa le tue spezie di conseguenza per diminuire il sapore amaro del tuo cibo..
    • Fai attenzione al calore

      Ogni volta che si cucina con olio di CBD, è fondamentale tenere sempre presente che è necessario controllare il calore. Il CBD evapora rapidamente a temperature che superano i 320 Fahrenheit. Durante la cottura con olio di CBD, mantieni il calore il più basso possibile. Non solo eviterà l'evaporazione dell'olio di CBD, ma sentirai anche la vera essenza del CBD.
    • Inizia con poco

      Se stai iniziando ad usare l'olio di CBD per cucinare, devi valutare la possibilità di utilizzarne una quantità minore. È sempre bene iniziare lentamente. Utilizzare un piccolo dosaggio di olio di CBD. Dovresti anche fare porzioni di cibo più piccole del solito. Se ritieni che hai raggiunto i risultati desiderati, allora dovresti procedere verso una cottura normale.
    • Conservalo correttamente

      I cannabinoidi, presenti nell'olio di CBD, sono estremamente sensibili al calore e alla luce. Si dovrebbe sempre tenere presente questo fatto durante la conservazione dell'olio di CBD. Se non vuoi degradare o rovinare la qualità del tuo olio di CBD, è consigliabile conservarlo in un luogo fresco e buio.

    Olio di CBD con le bevande

    L'olio di CBD può essere assunto anche con bevande e fluidi. È possibile utilizzare il quantitativo di olio desiderato o richiesto. Tuttavia, la quantità ideale di olio di CBD da utilizzare con i liquidi è un contagocce pieno della soluzione. Si consiglia di utilizzare questa quantità di olio di CBD in acqua calda o fredda per una tazza di tè. Può essere utilizzato anche con il succo di frutta.

    Dovrebbe essere assunto con il cibo o a stomaco vuoto?

    Un'altra causa di confusione che le persone nutrono riguardo all'olio di CBD è se debba o meno essere assunto a stomaco vuoto. Vogliono sapere qual è l'opzione migliore. Si raccomanda sempre di assumere l'olio di CBD con il cibo. Non consumarlo a stomaco vuoto, potresti iniziare a sentire nausea o vertigini.

    L'olio di CBD contiene principi attivi che devono essere assunti con gli alimenti per intensificarne la potenziale biodisponibilità. Biodisponibilità è in realtà un termine che viene utilizzato per descrivere la velocità con cui una sostanza viene introdotta nel nostro sistema.

    Per descriverlo in parole più semplici, il CBD funziona più lentamente se assunto senza cibo. Assumere olio di CBD o prodotti contenenti CBD arricchiti di cibo lo farà durare molto più a lungo nel tuo sistema. Se rimarrà più a lungo, ne aumenterà i benefici. Sarai in grado di provare in maniera decisamente migliore i benefici medicinali dell'olio di CBD. Quindi, prendi una decisione saggia e consuma l'olio di CBD con il tuo cibo.

    9. Conclusione

    L'olio del CBD presenta così tanti benefici per la salute. Non ti causerà gravi danni. Dovresti usarlo e conservarlo con cura. Per usufruire di quanti più benefici possibili dall'olio di CBD, inizia ad usarlo regolarmente. Noterai molti cambiamenti positivi nella tua salute.

    Questo articolo è stato scritto da un autore indipendente e di terze parti specializzato nella ricerca sul CBD, canapa e cannabis. Qualsiasi opinione, consiglio o raccomandazione espressa nell'articolo non riflette l'opinione della Formula Swiss AG o dei nostri dipendenti. Non facciamo alcuna affermazione su nessuno dei nostri prodotti e ci riferiamo al nostro disclaimer per ulteriori informazioni.

    31 minuti di lettura

    Leggi di più
    CBD per gli animali domestici? La guida completa per la comprensione su come il CBD può aiutare gli animali domestici ed i loro padroni

    CBD per gli animali domestici? La guida completa per la comprensione su come il CBD può aiutare gli animali domestici ed i loro padroni

    In questo articolo descriveremo i molteplici benefici per la salute derivanti dall'uso del CBD per gli animali domestici e come il CBD può aiutare non solo gli animali domestici, ma anche i loro padroni.    

    1. I 5 principali benefici del CBD per la salute dei vostri animali domestici
    2. Come l'olio di CBD può alleviare l'ansia del tuo animale domestico
    3. Il CBD e i cani
    4. Il CBD e i gatti
    5. Il CBD e i cavalli
    6. Il CBD e i topi
    7. Conclusione

     

    1. I 5 principali benefici del CBD per la salute dei vostri animali domestici 

    cbd oil benefits for pets

    Il cannabidiolo (CBD), uno dei componenti attivi della pianta di cannabis, ha conseguenze curative e di regolarizzazione significative per tutti i mammiferi. I proprietari di animali domestici l'hanno utilizzato per una vasta gamma di problemi terapeutici e comportamentali - dolori maligni, infiammazioni, spasmi muscolari, convulsioni, disturbi neurologici e disturbi dello stomaco, ansie, lesioni pregresse, temperamento e problemi di memoria. Durante la convalescenza da malattia o intervento chirurgico, il CBD può accelerare la guarigione.

    Tutti i vertebrati possiedono un sistema endocannabinoide che mantiene i sistemi in equilibrio. Questo significa che il vostro animale domestico potrebbe avere la capacità di sperimentare gli stessi vantaggi del CBD che potreste avere voi. A causa delle somiglianze tra le strutture corporee delle persone e di alcuni mammiferi, numerosi proprietari hanno iniziato ad utilizzare prodotti a base di CBD per i loro animali domestici.

    Ecco un elenco dei cinque benefici più significativi del CBD per gli animali domestici:

    Convulsioni

    L'1-5% dei cuccioli soffrono di crisi epilettiche, causate da una varietà di condizioni nascoste comprese le malattie ereditarie, renali ed epatiche, i danni alla testa, la malignità cerebrale e l'epilessia idiopatica. L'epilessia idiopatica influenza anche il 3% dei cani, ma la causa di questa condizione non è stata ancora stabilita.

    Secondo uno studio condotto da Evan C. Rosenberg, Richard W. Tsien, Benjamin J. Whalley e Orrin Devinsky, CBD riduce gradualmente il numero di crisi epilettiche a zero. Inoltre, la sua interazione con i recettori endocannabinoidi previene la neurotossicità causata da crisi epilettiche.

    Dolore

    Gli animali possono soffrire di dolori articolari e anche se non sono in grado di comunicare, si può notare che i loro movimenti sono rallentati, o hanno perso l'appetito. I dati preliminari dimostrano che la connessione del CBD con il recettore CB1 è strumentale nel trattamento del dolore cronico, ad esempio nei cani e nei felini. Questo diminuisce la sensazione di dolore e rilassa il corpo.

    Ansiay

    L'ansia può colpire qualsiasi animale domestico, grande o piccolo. L'uso del CBD per gli animali domestici con ansia li aiuterà a mantenere la calma e ad avere reazioni più rapide in situazioni di tensione. Il CBD viene attualmente utilizzato da numerosi pazienti (umani e animali) come metodo per un tipo di trattamento alternativo senza reazioni indesiderate. Una ricerca convincente “indica che il CBD provoca un effetto ansiolitico selettivo” e sostiene che è “associato con una diminuzione sigificativa e soggettiva dell'ansia.”

    Nausea

    Uno studio del 2011 suggerisce che il CBD ha un effetto positivo anche sugli animali quando si tratta di nausea perché l'interazione del CBD con i recettori endocannabinoidi combatte questa condizione.

    Cancro

    Studi hanno dimostrato che il CBD potrebbe bloccare la crescita delle cellule tumorali. Inoltre, aiuta ad aumentare l'efficacia dei farmaci tradizionali e risolve alcuni degli effetti collaterali di questi trattamenti. (6)

    Come indicato dall'AVMA, Il CBD è stato utilizzato per gestire una serie di malattie degli animali. Questo elenco comprende numerosi sintomi che le persone trattano anche con il CBD, come dolore, irritazione, convulsioni, tumore e le sue problematiche correlate, paure, problemi di stomaco e nervosismo. Diversi proprietari hanno iniziato a trattare i loro animali con prodotti con CBD per offrire migliori attenzioni palliative. Gli effetti positivi di questa assistenza includono un miglioramento della qualità della vita degli animali, aumento di peso, vitalità, aumento dell'appetito. 

    2. Come può l'olio di CBD alleviare l'ansia del vostro animale domestico

    Conosciamo bene gli effetti del Cannabidiolo CBD e come può essere utile nel trattare molte malattie. Poiché vari studi hanno dimostrato l'efficacia del Cannabidiolo CBD in varie situazioni, l'uso della marijuana medica è stato legalizzato in molti paesi tra cui l'Uruguay, il Canada e 19 dei 50 stati degli Stati Uniti d'America. 

    Il CBD e il THC (tetraidrocannabinolo) sono i due principali cannabinoidi che si trovano nella pianta di cannabis dove il CBD è un cannabinoide non psicoattivo e il THC è un cannabinoide psicoattivo. A causa delle proprietà del THC, ci sono opinioni contraddittorie sull'efficacia e l'affidabilità dell'olio di CBD come rimedio.

    Tuttavia, a seconda delle condizioni mediche, sia il CBD che il THC offrono molti benefici ai pazienti.

    Sono stati pubblicati numerosi studi e sono state condotte ricerche per stabilire gli effetti e le proprietà del CBD e del THC. Il CBD, per esempio, è famoso per il trattamento di infiammazioni, diabete, nausea e ansia.

    Inoltre, grazie alla sua efficacia sugli animali, molti veterinari lo consigliano per il trattamento dei disturbi. Sia che gli animali soffrono di stress, ansia, dolore o paura, l'olio di CBD può venire in soccorso - è una cura per tutti questi problemi.

    Come si può sapere se il mio animale domestico ha problemi?

    Se sei un nuovo padroncino e a volte non capisci cosa vuole il tuo animale domestico, ecco una soluzione per capire i problemi del tuo animale domestico. Se il vostro animale ha paura dei fulmini, dei temporali, ma anche degli estranei, o perché si nasconde sotto il letto quando sente forti rumori, allora forse ha ansia. Ma non c'è nulla di cui preoccuparsi perché tutti gli animali domestici provano ansia o stress in una certa misura nella loro vita, proprio come fanno gli esseri umani.

    Cosa significa l'ansia per gli animali domestici?

    Gli animali sono molto simili agli esseri umani in quanto affrontano anche lo stress e la paura. Esistono due tipi di condizioni di ansia che gli animali domestici provano - ansia situazionale e comportamentale. L'ansia situazionale comprende le risposte e le reazioni come risultato del cambiamento dell'ambiente. L'ansia comportamentale include l'ansia da separazione o l'aggressività estesa. L'ansia situazionale è relativamente più facile per il trattamento e l'esame, mentre l'ansia comportamentale richiede l'aiuto di un medico professionista.

    Sintomi dell'ansia di un animale domestico:

    symptomps of pet anxiety

    Ci possono essere uno o più sintomi di ansia in relazione a quanto sia ansioso o stressato il vostro animale domestico. La maggior parte degli animali domestici diventano testardi e iperattivi. Questi sintomi includono irrequietezza, abbaiare, ansimare, piagnucolare, tremare, agitarsi, aggressività, perdita di appetito. I sintomi più gravi includono pupille dilatate, comportamento antisociale, comportamento di distanziamento e orinazione sul pavimento nonostante sia stato istruito alla toilette.

    Ma fortunatamente, l'olio di CBD può essere utilizzato per trattare l'ansia situazionale negli animali domestici, tra le altre malattie.

    Come funziona l'olio di CBD per l'ansia degli animali domestici?

    Il CBD, come abbiamo scoperto precedentemente, è uno dei cannabinoidi che si trovano nella pianta di cannabis. È una sostanza completamente naturale. Il CBD è un elemento non psicoattivo che, entrando nel corpo, reagisce con il sistema endocannabinoide per lenire e calmare l'ansia e lo stress.

    Il sistema endocannabinoide è stato scoperto di recente e non è stato ancora opportunamente studiato. Tuttavia, quello che sappiamo è che nel corpo e nel cervello sono presenti recettori dei cannabinoidi come parte del sistema nervoso centrale (SNC). Quando il corpo rilascia endocannabinoidi o quando questi prodotti chimici vengono assunti da fonti esterne, aumentano la capacità del corpo di rilasciare serotonina, che è uno stabilizzatore naturale dell'umore. L'olio di CBD è uno dei modi per fare ciò.

    Il CBD interagisce con i recettori CB1 e CB2 del cervello, li attiva e comunica con loro. Ciò si traduce in un rilassamento della tensione e nell'alleviamento dello stress negli animali. I recettori dei cannabinoidi sono endogeni al cervello degli animali e svolgono un ruolo importante nella regolazione dell'umore, della memoria, dell'appetito e del dolore. Nel cervello, i recettori dei cannabinoidi prevalenti sono di tipo CB1, mentre nel sistema immunitario ci sono più recettori CB2. Questo è il motivo per cui il CBD ha effetti di rilassamento mentale e può curare crisi epilettiche, dolore e artrite negli animali. 

    Molte persone hanno paura di somministrare l'olio di CBD ai loro animali domestici, pensano che gli animali si sballino e diventino incontrollabili. Tuttavia, questi effetti sono prodotti dal THC che è un cannabinoide psicoattivo che si trova nella pianta di cannabis. Ma l'olio di CBD di solito contiene poco o nessun THC. Tuttavia, prima di usare l'olio, assicuratevi di leggere attentamente la descrizione del prodotto.

    Nel 2015, alcuni ricercatori spagnoli e statunitensi hanno riesaminato gli studi relativi alla CBD e ai suoi effetti sulla riduzione dell'ansia. Questi studi hanno riguardato sia esperimenti di laboratorio su topi e ratti, sia alcuni studi clinici sull'uomo. Gli studi hanno rivelato che l'olio di CBD produce speciali effetti ansiolitici e può essere utile per controllare l'ansia da stress e i comportamenti ossessivi-compulsivi. Molti degli studi hanno dimostrato che il CBD aumenta la crescita di nuove cellule nell'ippocampo, una parte del cervello che gioca un ruolo importante nella formazione dei ricordi, in quanto è qui che vengono eseguiti i processi cognitivi. Aumentando lo sviluppo di nuove cellule in quest'area del cervello, il CBD può essere efficace per ridurre l'ansia.

    3. Il CBD e i cani

    CBD and DOGS

    Gli esperimenti con l'olio di CBD sono stati condotti con successo sui ratti, ma è necessario fare ulteriori ricerche per determinare i possibili effetti che il CBD può avere sui cani. Un esempio di tale esperimento è quello che ha dimostrato che un alto dosaggio di CBD allevia un certo tipo di epilessia nei ratti producendo un effetto anti-convulsivo. Dal momento che aiuta i ratti e gli esseri umani, il CBD potrebbe avere effetti benefici anche sui cani, in quanto membri della stessa categoria degli esseri umani - i mammiferi. 

    È risaputo che l'olio CBD aiuta a risolvere una serie di problemi

    Anche se questo non è stato dimostrato al 100% e devono essere completati altri test, è impossibile trascurare i numerosi vantaggi che l'olio di CBD ha per gli animali. Aiuta in caso di dolore cronico e grave, crampi, ansia e cancro, aiuta le persone con disturbi alimentari e psicotici, così come i pazienti epilettici. Il CBD produce anche effetti collaterali minimi che non sono così dannosi per il corpo umano come farmaci da prescrizione. Poiché il CBD ha dimostrato di essere benefico sia per gli esseri umani che per i ratti, c'è una nuova ondata di persone che lo usano come medicina per i loro animali domestici, compresi i cani.

    Il CBD cosa può fare per me ed il mio cane?

    cbd and my dog

    Se il tuo cane soffre di ansia da separazione e distrugge la tua casa quando te ne vai, ha problemi di artrite, tumori, convulsioni, disturbi della pelle o ha lo stomaco insolitamente disturbato, il CBD può essere in grado di aiutarti. I veterinari stanno facendo più ricerche, e molti di loro consigliano i trattamenti con l'olio di CBD. 

    Il CBD ha un effetto antinfiammatorio naturale ed è anche un antidolorifico del tutto naturale. Può ridurre il dolore che i cani provano a causa di artrite, displasia dell'anca, neuropatia e altri problemi legati ai nervi, infiammazione nella pancreatite acuta, infiammazione generale, infiammazione cronica e infiammazione intestinale. Il CBD blocca anche la produzione di macrofagi infiammatori e previene le malattie infiammatorie intestinali e la colite. Ripristina la normale mobilità intestinale e ha proprietà antibiotiche, che equivale all'uccisione dell'infezione da Staphylococcus Aureus (MRSA).

    Il CBD è stato lodato anche per essere un potente antiossidante, forse molto più potente delle vitamine C ed E. Diminuisce la produzione di citochine infiammatorie che possono causare allergie, ipersensibilità e autoimmunità. Una delle principali cause di malattie autoimmuni è la dominanza del Th17, che viene soppressa dall'olio di CBD.

    L'olio CBD migliora anche l'appetito, riduce la nausea e promuove la salute cardiovascolare. Se il tuo cucciolo ha problemi di salute cardiaca, rifiuta di mangiare, o è sempre a disagio a causa di problemi di digestione, prova un po' di olio CBD. Il tuo cane potrebbe rispondere bene a questo trattamento e iniziare a mangiare correttamente, ammalarsi meno e sottoporsi a un esame cardiaco migliore la prossima volta che vedrà il veterinario. L'uso del CBD è stato associato a una migliore salute del cervello nei cani.

    Con tutti i vantaggi, domande come "Questo prodotto è davvero altrettanto efficace?" o "L'olio di CBD è legale?" sono inevitabili. Vi consigliamo di consultare un professionista medico prima di acquistare o utilizzare i prodotti con CBD per i vostri animali domestici. Si dovrebbero anche verificare le leggi locali in materia di prodotti a base di cannabis nel vostro paese, dato che non intendete mettervi nei guai per aver cercato di aiutare il vostro cucciolo.

    What should I look for in the CBD that I am choosing?

    Una delle primissime regole che chiunque dovrebbe seguire quando si sceglie un olio di CBD per il proprio animale domestico, è che se non lo prendereste voi stessi, non lo dareste al vostro animale domestico. Assicuratevi sempre che l'olio di CBD che state usando sia 100% biologico e abbia un basso contenuto di THC. Il più delle volte, l'olio di CBD contiene THC ed è quasi impossibile estrarre l'uno senza l'altro. Non stai cercando di far sballare il tuo cane, stai cercando di aiutarlo, quindi dovresti cercare di trovare il più basso contenuto di THC possibile. Lo sballo del tuo cane può avere effetti negativi e dare ansia o farlo sentire a disagio e paranoico.

    Dovrei rivolgermi al veterinario del mio cane?

    Non si può mai sottolineare abbastanza, non non dare niente al tuo cane fino a quando non hai parlato con il suo veterinario. Lui o lei sa cosa è meglio per il vostro animale domestico. Se lui o lei non ritiene che i prodotti con CBD possano essere d'aiuto, è possibile ricevere una seconda opinione, che è vostro diritto e non c'è nulla di sbagliato in esso. Basta ascoltare i consigli di almeno uno dei medici professionisti che scegliete. Non volete fare del male involontariamente al vostro cagnolino perché vi siete precipitati in un trattamento pensando che sarebbe stato d'aiuto.

    10 motivi per cui il tuo cane merita il CBD ogni giorno 

     In questo articolo esaminiamo 10 motivi per cui dovreste considerare seriamente la possibilità di dare al vostro cane CBD ogni giorno.

    Affronteremo anche le idee sbagliate legate a questa erba naturale e la promettente ricerca sull'aiuto ai cani riguardo diversi problemi di salute comuni con il CBD.

    1. Il CBD non è psicoattivo

    Il CBD (cannabidiolo) è un componente che si trova nella cannabis e nella canapa. Il THC (tetraidrocannabinolo) si trova anche nella cannabis ed è questo composto che conferisce alla marijuana le sue proprietà psicoattive. La maggior parte degli oli di CBD hanno pochissimo o nessun THC e tipicamente provengono dalla canapa, non dalla marijuana. In breve, il vostro cane non si "sballetà" con l'olio di CBD. Si rilasserà senza subire l'intossicazione.

    2. L'olio di CBD riduce l'ansia

    cbd reduces anxiety

    Il tuo cane soffre di ansia da separazione o fobie da rumore? 

    Il CBD è stato ampiamente studiato per il suo effetto sullo stress e l'ansia. Sugli esseri umani, è stato scoperto che:

    3. Il CBD può combattere il cancro

    Il CBD e le altre sostanze presenti nella canapa e nella cannabis hanno un effetto distruttivo sui tumori. Il CBD blocca anche la crescita delle cellule tumorali e aumenta il tasso di mortalità delle cellule tumorali.

    • Il CBD aiuta le cellule killer del sistema immunitario ad uccidere le cellule tumorali.
    • Il CBD uccide le cellule tumorali bloccandone la possibilità di produrre energia.
    • Le proprietà antitumorali del CBD rallentano e inibiscono la crescita delle cellule del glioma.
    • Il CBD può aiutare ad incrementare l'efficacia dei trattamenti convenzionali contro il cancro.

    4. Il CBD può trattare le crisi e l'epilessia

    Si stima che fino al 5% dei cani soffrono di crisi epilettiche.

    Purtroppo, la maggior parte dei cani con crisi epilettiche vengono trattati con farmaci come il fenobarbitale e il bromuro di potassio. Anche se possono aiutare a controllare le crisi, possono essere estremamente nocivi per il fegato e altri organi del vostro cane. E i farmaci non funzionano in tutti i casi.

    È stato dimostrato da studi che il CBD funziona bene con le epilessie resistenti alle medicine.. In uno studio, 7 pazienti con epilessia su 8 resistenti ai farmaci hanno visto un miglioramento concreto dopo 4-5 mesi dall'assunzione del CBD.

    Un sondaggio sui bambini con epilessia resistente ai trattamenti ha scoperto che l'84% dei bambini, che assumevano CBD, ha riscontrato una riduzione nella frequenza delle crisi. 

    5. Il CBD allevia il dolore

    cbd relieves dog pain

    I cannabinoidi nel CBD funzionano così bene per alleviare il dolore che gli scienziati lo considerano come unnuovo tipo di farmaco per il trattamento del dolore cronico. Gli studi dimostrano che il CBD può essere efficace per:

    6. Il CBD può essere d'aiuto con il colon irritabile

    Studi sugli animali dimostrano che il CBD può prevenire le coliti (IBD) e può ripristinare la normale motilità intestinale nella sindrome del colon irritabile.

    Il CBD possiede anche proprietà antibiotiche, compreso lo Staphylococcus Aureus (MRSA).

    7. Il CBD riduce l'infiammazione cronica e le malattie autoimmuni

    CBD ha dimostrato di diminuire la produzione e il rilascio di citochine infiammatorie che possono causare allergie, ipersensibilità e autoimmunità. Può anche sopprimere la dominanza del Th17, che è una delle principali cause di malattie autoimmuni.

    Il CBD inibisce anche la produzione di macrofagi infiammatori e diminuisce l'infiammazione cronica.

    Inoltre, il CBD è un antiossidante potentissimo che si è dimostrato essere più potente delle vitamine C ed E.

    8. Il CBD può proteggere il sistema nervoso e aiutare in caso di malattie neurodegenerative

    Per i cani che soffrono di mielopatia degenerativa e altri problemi alla colonna vertebrale e ai nervi, il CBD mostra molte aspettative per i risultati positivi del trattamento. Aiuta i pazienti con Sclerosi Laterale Amiotrofica (ALS), Alzheimer e Parkinson proteggendo le cellule cerebrali dalla tossicità.

    Per i cani più anziani, il CBD ha dimostrato che protegge il cervello dalla morte cellulare causata dai radicali liberi e le tossine.

    9. Il CBD aumenta l'appetito e aiuta con la nausea

    Se hai problemi a far mangiare al tuo cane, il CBD potrebbe aiutarti. Il National Cancer Institute riporta che il CBD aumenta l'appetito, oltre a controllare il cancro.

    Negli studi su animali, il CBD ha anche mostrato risultati positivi nel trattamento del vomito e della nausea, anche quando sono il risultato dell'assunzione di tossine e droghe.

    10. Il CBD promuove la salute cardiovascolare

    Secondo la ricerca del dottor Bassingthwaighte sull'argomento, il CBD è legato alla salute del cuore. Gli studi dimostrano che può ridurre il danno nei vasi sanguigni e battito irregolare, protegge i vasi sanguigni dai danni, dilata le arterie e riduce il battito cardiaco causato dalla pressione sanguigna associata allo stress ed all'ansia.

    L'olio di CBD per i cani è legale e sicuro

    Con così tanti studi sui benefici per la salute derivanti dal CBD, il risultato più incoraggiante è che il CBD sembra essere sicuro, anche se assunto in dosi elevate e per periodi di tempo prolungati. Può diminuire l'attività degli enzimi epatici usati per metabolizzare molti farmaci da prescrizione, quindi se il tuo cane sta assumendo dei farmaci, potresti voler controllare con il tuo veterinario olistico prima di usare il CBD.

    L'olio di CBD per cani e altri animali domestici è più spesso derivato dall'olio di canapa, quindi contiene tracce di THC molto piccole o nulle.

    Il punto fondamentale è che l'olio di CBD potrebbe essere un'erba sana (o addirittura salvavita) per il vostro cane. Sempre più padroni di animali domestici e veterinari olistici sono attratti dai suoi diversi e notevoli benefici per la salute e si sentono a proprio agio sapendo che gli effetti collaterali sono lievi e che non sembra che si sviluppi dipendenze sugli animali domestici.

    La scelta di un buon olio CBD per il vostro cane

    choosing cbd for dog

    Non tutti gli oli di CBD sono uguali. Bisognerebbe scegliere un olio di CBD di alta qualità, quindi ecco alcune cose da cercare:

    • Assicuratevi che il prodotto sia biologico: se non è biologico, il vostro olio di CBD contiene molto probabilmente pesticidi, fungicidi, solventi e altre cose sgradevoli;
    • Non risparmiare: Più alta è la qualità e la purezza, più alto è il costo del prodotto. Inoltre, assicuratevi che il vostro olio di CBD sia privo di additivi e abbia una discreta quantità di concentrazione di CBD;
    • Prendi le analisi: Richiedi un'analisi di laboratorio della quantità di CBD nel prodotto. Molti oli di CBD contengono solo piccole quantità di CBD. Il produttore deve fornire un certificato di analisi. Vorrai anche assicurarti che ci sia meno dello 0,2% o nessun THC nel prodotto;
    • Acquista l'olio di CBD per gli animali domestici in gocce: È possibile acquistare il CBD come ricompensa, ma la forma migliore è la tintura. In questo modo, è possibile regolare la dose per il vostro cane goccia a goccia per assicurarsi che ottenga l'esatta quantità.

    Comincia lentamente, ma non lasciarti scoraggiare da prove contraddittorie sui benefici del CBD. Sono in corso ricerche approfondite e i risultati sono molto promettenti.

    Quanto olio di CBD dovrei dare al mio cane?

    Quando si tratta di farmaci per animali domestici, trovare il giusto dosaggio è molto importante. Una dose troppo grande può portare a diversi effetti collaterali gravi e persino alla morte. Questo è il motivo per cui i proprietari di animali domestici non dovrebbero fare esperimenti con i farmaci per animali domestici prima di consultare un veterinario.

    Recenti ricerche sull'argomento dimostrano che l'olio di CBD è molto efficace per gli animali domestici e soprattutto per i cani. Aiuta nella produzione di ormoni che in cambio aiutano ad alleviare il dolore e a curare altri disturbi del fisico e della mente dei cani. La cosa migliore dell'olio di CBD è che non ha alcun effetto psicotico, il che significa che il vostro cane non dovrà soffrire alcun effetto collaterale.

    La giusta quantità di olio di CBD è fondamentale per il benessere dei cani. Quindi qui vi presentiamo le informazioni necessarie sul dosaggio dell'olio di CBD e sugli usi che dovreste conoscere.

    Perché usare l'olio CBD per i cani?

    why use cbd for dogs

    Una domanda che la maggior parte delle persone pongono è che perché dovrebbero dare ai loro animali domestici olio di CBD. Un equivoco diffuso è che l'olio di CBD è buono solo per gli esseri umani e che è pericoloso per gli animali. Tuttavia, vi assicuriamo che ci sono molti benefici fisici e mentali dell'olio di CBD di cui il vostro animale domestico può usufruire. Eccone alcuni:

    Nausea e problemi digestivi

    I problemi più comuni che la maggior parte dei cuccioli di piccola taglia devono affrontare includono nausea e problemi digestivi. È stato accertato che quando si cambia la dieta del cucciolo dal latte al cibo solido, il suo sistema digestivo ha bisogno di qualche giorno per convertirsi a questo nuovo tipo di cibo. Ecco perché il vostro cucciolo sarà irritabile e letargico. Con l'aiuto dell'olio di CBD sarete in grado di migliorare il processo di transizione nel corpo del vostro cucciolo.

    Dolore muscolare

    Se iniziate a dare al vostro cucciolo l'olio di CBD prima di andare a letto, noterete che tutti i tipi di dolori muscolari e articolari saranno alleviati e il vostro cucciolo dormirà bene. In questo caso, l'olio di CBD è una parte vitale del recupero rapido.

    Equilibrio sistemico

    Lo squilibrio sistemico è un problema comune che i cuccioli devono affrontare. Può essere il risultato di un programma dietetico improprio o di una non corretta attività fisica. Il tasso metabolico del cane ne risente e spesso si scontra con alcuni disturbi di salute. Con l'aiuto dell'olio di CBD questo problema può essere risolto. Noterete che il vostro cane è in grado di controllare la sua dieta e che rimane attivo. L'equilibrio sistemico del vostro cucciolo è molto importante per la sua lunga e sana vita.

    Riduzione dello stress

    Lo stress non è solo un'esperienza umana, sarete sorpresi di sapere che anche gli animali domestici possono essere facilmente stressati. Non tornare a casa in tempo o dimenticare di dare da mangiare al vostro cane sono tutti motivi di stress per i cani. L'olio di CBD aiuta a mantenere il rilascio di ormoni dello stress nel corpo del cucciolo. In questo modo, qualsiasi situazione di stress sarebbe sotto controllo e non dannosa per il vostro cane. È molto importante per voi controllare il livello di stress del cucciolo perché è l'unico modo per avere una vita sana.

    Dosaggio dell'olio di CBD per il tuo cane

    cbd oil dosage for your dog

    Prima di iniziare a somministrare l'olio di CBD al tuo cane, è importante per voi conoscere il dosaggio richiesto. È l'unico modo per il vostro cane di ottenere tutti i benefici che derivano dal prodotto. Ecco il dosaggio consigliato dell'olio di CBD in base al peso e alle dimensioni del cane:

    • Un cane di piccola taglia di 10 kg dovrebbero assumere 4-6 gocce al giorno del nostro olio di CBD al 3% per Animali Domestici.
    • I cani di taglia media di peso da 10 a 25 kg. dovrebbero assumere 8-12 gocce al giorno del nostro olio di CBD al 3% per Animali Domestici.
    • I cani di taglia grande di peso uguale o superiore a 25 kg dovrebbero assumere circa 15 gocce al giorno del nostro olio di CBD al 3% per Animali Domestici.

    Come dare l'olio di CBD al vostro cane

    La maggior parte delle persone pensa di poter mescolare le gocce nel cibo del proprio cane e i farmaci saranno facilmente trasferiti nel loro corpo. Tuttavia, con l'olio di CBD, non è il modo giusto per ottenere gli effetti benefici desiderati. Invece, dovrete dare direttamente le gocce al vostro animale domestico.

    Sappiamo tutti che i cani non sono davvero amanti dei farmaci. All'inizio, dovrete mettere con forza l'olio nella bocca del vostro cane, perché questo è l'unico modo possibile. Nel giro di pochi giorni, l'animale si dovrebbe abituare all'olio.

    Assicuratevi di procurarvi l'olio di CBD della migliore qualità per il vostro cane. L'olio di CBD deve essere estratto con la migliore tecnica per ottenere un prodotto puro. Ci sono molti rivenditori autorizzati che vendono l'olio di CBD della migliore qualità. Assicuratevi di controllare le recensioni e le valutazioni del rivenditore e ottenere maggiori informazioni sulle prestazioni dei loro prodotti. Una volta trovato un prodotto affidabile, è necessario mantenere il dosaggio entro limiti normali per ottenere gli effetti migliori.

    4. Il CBD e i gatti

    cbd and cats

    La CBD sta recentemente esplodendo nei media e nel mercato degli animali domestici da un po' di tempo. Ogni sito web ha una sezione dedicata agli oli di CBD o ai trattamenti per animali. Ma cos'è esattamente il CBD e perché è così benefico per voi e i vostri animali?

    Benefici del CBD  

    CBD è noto per avere un effetto positivo su condizioni come il dolore grave e cronico, problemi femminili, mal di testa, problemi di stomaco, ansia, problemi di sonno, perdita di appetito, cancro, problemi della pelle, e problemi ai capelli. Anche se nessuno di questo è stato provato al 100% attraverso la ricerca medica, l'olio di CBD è stato appena approvato dalla FDA per ulteriori ricerche, un gran numero di consumatori può testimoniare i benefici del CBD.

    Perché il CBD è solo un integratore?

    cbd is only a supplement

    Il CBD non è ancora stato classificato come medicina, ma anche solo come integratore ha ottenuto risultati che la medicina non è stata in grado di ottenere prima. Il CBD è un cannabinoide, viene estratto da piante di canapa e marijuana e trasformato in olio. Molte persone usano questo olio per ogni sorta di problemi medici, anche se non è ancora approvato dalla FDA. Un integratore deve essere ulteriormente testato per dimostrare l'uso medico. Pertanto, il CBD può essere utilizzato solo come integratore alimentare. Una varietà di CBD, insieme ai recettori endocannabinoidi, può essere trovato in alcuni corpi di animali.

    I prodotti di CBD per animali hanno un enorme potenziale di successo sul mercato una volta che i test del CBD come sostanza medica sono stati completati. Tuttavia, i consumatori stanno già testando da soli gli integratori di CBD. 

    L'olio di CBD può aiutare i gatti?

    Finora l'olio di CBD è stato usato sui gatti per problemi alimentari, problemi di pelliccia, problemi della pelle, diabete, ansia e tumori. I veterinari hanno anche iniziato a raccomandare l'uso del CBD su cani e gatti come integratore naturale per aiutare con un gran numero di problemi e prevenirli prima che accadano.

    Gatti e cibo

    I gatti di solito sono molto esigenti con quello che mangiano. Molti gatti mangiano solo cibi in scatola o solo cibi freschi, alcuni mangiano solo cibi solidi e altri sono abituati ad uccidere topi o piccoli uccelli per il cibo.

    La prima cosa da ricordare è che cani e gatti non sono gli stessi. I gatti sono mangiatori di carne molto severi e hanno bisogno di avere una certa quantità di carne ogni giorno. Se non mangiano abbastanza, qualche goccia di olio di CBD prima direttamente in bocca, poi il giorno seguente nel loro cibo risolverà la perdita di appetito. Oltre ai problemi alimentari potete usare il CBD sui vostri gatti per il diabete:

    Diabete nel gatto

    cbd oil for kitty diabetes

    Il CBD può anche aiutare i gattini con il diabete. Il CBD aiuta a produrre insulina e riduce l'infiammazione. Influisce sugli endocannabinoidi nel sistema endocannabinoide dei gatti. Questo aiuta i gatti che hanno già il diabete e agisce come metodo di prevenzione contro il diabete.

    La pelliccia e il pelo

    Il CBD può aiutare i gatti con problemi di pelo e di pelle. I gatti che spesso escono fuori sono più inclini a sviluppare tali problemi. Queste condizioni possono essere facilmente trasferite ad altri gatti o all'uomo. L'olio di CBD può aiutare nel trattamento di questi problemi di pelle e pelo, inoltre la sua consistenza oleosa può allontanare le pulci.

    Ansia, cancro, tumori, respirazione e pancia

    Alcuni gatti hanno fortissimi casi di ansia. Il CBD può aiutarli a calmarli. Se usato internamente, il CBD agisce anche come rimedio per la distruzione di tumori e cancro. Il che, insieme al diabete, è qualcosa di comune per i gatti. Il CBD può essere d'aiuto anche per i problemi respiratori superiori e digestivi. I gatti, come gli esseri umani e i cani, possono trarre grandi benefici dall'uso degli integratori del CBD. Il CBD possiede numerose proprietà curative che potrebbero fare solo bene al tuo gatto. 

    Effetti collaterali

    Ci sono alcuni effetti collaterali all'uso del CBD, ma nessuno di essi ha un grande effetto negativo sui felini. Il CBD causa sonnolenza e aumenta l'appetito. Se il tuo gatto è già in sovrappeso, è molto importante seguire la sua dieta mentre usa il CBD. Non dovresti dargliene di più solo perché lo vuole. Un gattino in sovrappeso non è un gattino sano, non importa cosa consuma sotto forma di cibo o di integratore.

    Olio di CBD per te e il tuo gatto

    Il CBD ha molti benefici e pochi effetti collaterali, quindi può dare grandi risultati. Serve sia come prevenzione che come cura, ed è un mistero che molte più persone non utilizzano questa sostanza stupefacente.

    Dovreste sempre consultare un medico specialista prima di decidere se dare ai vostri animali il CBD, ma se il veterinario vi dà il via libera, dovreste provare a inserire questi prodotti nella vostra dieta e in quella del vostro animale domestico.  

    5. Il CBD e i cavalli

    cbd and horses

    L'olio CBD ha dimostrato di avere una grande quantità di benefici medici e ricreativi. Aiuta ad alleviare diversi tipi di dolore - da quello grave e cronico a quello lieve e immediato. Il CBD è stato riconosciuto come estremamente utile per i dolori articolari e malattie come la fibromialgia e l'artrite, ma le persone stanno ancora cercando di capire come utilizzare al meglio questa sostanza per soddisfare le loro esigenze.

    Il CBD può essere di aiuto per gli animali tanto quanto per gli esseri umani, e i cavalli non fanno eccezione.

    I cavalli sono soggetti a dolori articolari e muscolari, oltre a disturbi come l'artrite. Inoltre, i cavalli diventano facilmente più ansiosi del normale. Un altro problema che possono avere è legato alla digestione. Il CBD può essere la soluzione a tutti questi problemi.

    Il mio cavallo è predisposto a problemi di salute?

    I cavalli sono animali che hanno problemi di salute comuni una volta raggiunta una certa età.

    L'artrite, per esempio, è il risultato di una distribuzione non uniforme del loro peso - una parte maggiore del loro peso corporeo si trova nella parte anteriore, il che esercita una maggiore pressione sugli zoccoli anteriori e li rende soggetti a lesioni, distorsioni e fratture.

    Un'altra condizione comune è la laminite, che provoca molto dolore e la possibilità che il cavallo diventi storpio o addirittura muoia.

    In casi come questi, l'olio di CBD funziona per i cavalli proprio come farebbe per gli esseri umani. Riduce l'infiammazione, che è praticamente la causa iniziale del dolore. Aiuta anche ad attenuare le terminazioni nervose, che possono anche essere fonte di dolore.

    L'ansia del mio cavallo è normale o è un problema?

    I cavalli sono di solito creature nervose che si spaventano facilmente, anche dal minimo rumore o da movimenti rapidi, il CBD può aiutare a fermare quelle reazioni improvvise e proteggere gli animali dal ferirsi a causa di tali reazioni.

    Di solito, quando sono in mezzo alla gente, portano bende sugli occhi, in modo che non subiscano così spesso reazioni ansiose. Se un cavallo riceve un integratore giornaliero di olio di CBD, può trarre il massimo beneficio da una maggiore freschezza, calma e concentrazione. Gli animali avranno meno probabilità di soffrire di stress cronico o qualcosa di più grave. Anche se il tuo cavallo non soffre di alcun tipo di dolore o non sembra particolarmente nervoso, può comunque beneficiare dell'uso dell'olio di CBD.

    Il mio cavallo ha mal di stomaco, il CBD puo' aiutarlo?

    Molti cavalli soffrono di problemi digestivi come indigestione, gas e bruciore di stomaco, nonché di condizioni più gravi come le coliche e le ulcere gastriche. I cannabinoidi, che sono una parte naturale del corpo, sono associati alla riduzione dell'infiammazione del tratto digestivo, e quando non sono prodotti abbastanza cannabinoidi, possono verificarsi problemi. Il CBD può aggiungere cannabinoidi al sistema e risolvere molti problemi medici.

    L'olio di CBD può avere effetti benefici sui cavalli non solo applicandolo esternamente, ma anche assumendolo internamente. Questo significa che il CBD è una soluzione ai problemi gastrointestinali e ai problemi di salute digestiva generale del cavallo. I cavalli non hanno una grande digestione e la salute del colon in primo luogo, quindi l'uso di integratori di cannabis può solo essere di aiuto.

    La maggior parte delle persone non avrebbe problemi a spendere tutto ciò di cui hanno bisogno, quando si tratta della salute dei loro animali domestici. Tuttavia, il CBD può sostituire le pillole e altri integratori. Tutto quello che dovete fare è aggiungere un po' di olio al cibo quotidiano per i vostri cavalli o metterlo sotto la loro lingua per ottenere i maggiori benefici dall'uso del CBD.

    Il CBD è davvero sicuro?

    L'olio di CBD è un'alternativa affidabile e naturale ad altri integratori alimentari. Aiuta ad alleviare il dolore e a ridurre l'infiammazione che deriva dallo stile di vita attivo dei cavalli. L'olio di CBD potrebbe ripristinare la giovialità e aumentare l'appetito, che aiuta a migliorare la felicità generale e il benessere dell'animale.

    Esistono molti altri benefici psicologici e fisici che possono derivare dall'uso dell'olio di CBD. Uno dei maggiori benefici fisici è il fatto che questo olio fa meraviglie per il tratto digestivo. Aggiungendo un po' di olio CBD al cibo per cavalli, si può aiutare a garantire un livello sano ed equilibrato di cannabinoidi nel corpo degli animali. In questo modo, il colon e il tratto digestivo avranno le migliori prestazioni.

    L'olio di CBD può davvero aiutare il mio cavallo?

    I cannabinoidi possono aiutare i cavalli da così tanti punti di vista diversi che può essere estremamente difficile credere a quanto si possa ottenere con un po' di olio CBD nel regime quotidiano di un cavallo.

    L'olio di CBD ha benefici impressionanti per voi e per i vostri cavalli - li aiuterà a crescere e ad essere il più sani possibile, siano essi corridori, cavalli da fattoria o solo animali domestici.

    6. Il CBD e i topi

    cbd for mouse

    Il CBD è praticamente considerato il miglior integratore di erbe sul mercato al momento. È stato riconosciuto per trattare un gran numero di problemi negli esseri umani come: ansia, cancro, ulcere, PTSD, disturbi del sonno, disturbi alimentari, funghi tinea e altri problemi della pelle. Quindi, come ha iniziato ad essere testato il CBD in primo luogo? Come fanno i consumatori a sapere che il CBD è una sostanza così utile?

    La sperimentazione animale non è sbagliata?

    La risposta breve è semplicemente, la sperimentazione animale.

    Dopo un attento esame dei componenti del CBD e la conclusione che il CBD potrebbe essere utile, non pericoloso, gli scienziati hanno iniziato a utilizzare gli animali per determinare quali effetti del CBD possono avere sugli esseri umani. Le ragioni per cui gli scienziati lo fanno è per ottenere l'autorizzazione per i test sull'uomo. Se possono far funzionare la loro sostanza sugli animali, e non danneggiarli, è probabile che venga approvata per i test sull'uomo, che è imperativo nel determinare se una sostanza può essere utile per tutte le specie. A questo proposito è importante notare che le sostanze non hanno necessariamente lo stesso effetto sull'uomo e sugli animali.

    Perché testano sempre ratti e topi?

    I primi animali su cui è stato testato il CBD sono stati i topi.

    I topi sono tra le specie per le quali i test sono legali. Ciò consente agli scienziati di testare le sostanze su ratti e topi prima di testarle su altri animali o sull'uomo.

    È una cosa che va avanti da molto tempo?

    Gli scienziati hanno testato gli effetti del CBD e del THC su topi e ratti per oltre un decennio. Recentemente la DEA e la FDA hanno lavorato insieme e le restrizioni legali sul CBD sono state alleggerite. Entro il prossimo anno ci saranno sicuramente delle leggi che consentiranno il test del CBD sull'uomo, che inevitabilmente lo porterebbe a diventare ufficialmente una sostanza medica, non solo un integratore.

    I test sui topi hanno dimostrato qualcosa?

    I test sul CBD hanno dimostrato di avere un carico di proprietà mediche che colpiscono gli esseri umani proprio come fanno i topi.

    Negli studi completati nel 2010 e nel 2012 si è stabilito che i topi e i ratti sono diventati più tranquilli e leggermente letargici quando hanno ricevuto il CBD con il loro cibo. In uno studio completato nel 2011 su venti topi, il CBD è stato somministrato a dieci topi, un placebo agli altri dieci. I topi che sono stati trattati con il CBD erano in una salute generale migliore di quelli a cui è stato somministrato il placebo.

    In uno studio simile del 2012, quindici topi che avevano tumori hanno ricevuto il CBD e altri quindici un placebo. I topi che hanno ricevuto il CBD reale hanno mostrato un tasso ridotto di alcune cellule tumorali - crescita e formazione. Non solo il CBD ha ridotto i tumori del cancro, ma ha anche reso i topi più attivi e ha aumentato il loro appetito. Questo dimostra che il CBD può aiutare la riduzione di alcuni tipi di tumori del cancro anche negli esseri umani.

    Posso dare il CBD al mio topo o ratto?

    Ai ratti e ai topi può essere dato olio di CBD con il loro cibo o acqua. Questo può aiutarli a sentirsi meglio in generale. I ratti e topi che soffrono di condizioni come la caduta dei peli, gli acari o la scabbia, potrebbero anche beneficiare dell'uso del CBD sia internamente che esternamente. Se il vostro topo o il vostro ratto ha perso l'appetito, non dorme bene, o semplicemente sembra essere infelice o non sentirsi bene, provate a dargli un po' di olio CBD sul cibo. Se non migliorano in un giorno, portateli da un veterinario. Possono avere un problema che il CBD non può curare, o può avere bisogno di farmaci in aggiunta al CBD. Come già accennato, se il vostro animale domestico ha seri problemi di salute dovreste chiedere il parere del veterinario. Lui o lei è essenzialmente l'unica persona che può dare un parere medico qualificato.

    7. Conclusione

    Il CBD è utile - non è dannoso per gli animali domestici.

    Il punto fondamentale è che il CBD è un integratore molto utile che non ha molti effetti collaterali dannosi. La cosa peggiore che potrebbe accadere è l'aumento dell'appetito e della stanchezza. Il CBD può essere utile anche per topi e ratti, non solo per gli esseri umani. Ma prima di dare qualsiasi prodotto con CBD ai vostri roditori, è necessario assicurarsi che questo trattamento sia stato approvato nel vostro paese, così come consultare uno specialista. Se avete fatto entrambi e avete ricevuto l'autorizzazione, potete solo beneficiare dell'impiego di prodotti con CBD nella vostra vita quotidiana e dei vostri animali domestici.

    Questo articolo è stato scritto da un autore indipendente e di terze parti specializzato nella ricerca su CBD, canapa e cannabis. Qualsiasi opinione, consiglio o indicazione espressa nell'articolo non riflette l'opinione di Formula Swiss AG o dei nostri dipendenti. Non facciamo alcuna rivendicazione su nessuno dei nostri prodotti e rimandiamo disclaimer per ulteriori informazioni.

    26 minuti di lettura

    Leggi di più
    Cosa sono i cannabinoidi? La guida completa ai cannabinoidi ed i loro benefici

    Cosa sono i cannabinoidi? La guida completa ai cannabinoidi ed i loro benefici

    Esistono diversi componenti diversi nella marijuana, che giocano tutti ruoli diversi. I terpeni, ad esempio, forniscono sapore e aroma. La clorofilla, che si trova nelle foglie, conferisce alla pianta un colore verde. I componenti più importanti di tutti, tuttavia, sono i diversi cannabinoidi. E nel seguente articolo puoi saperne di più sui loro benefici, il loro potenziale e le loro applicazioni per la medicina e lo svago. 

    I cannabinoidi sono composti attivi che si trovano nella pianta di cannabis e sono responsabili delle sue proprietà medicinali e ricreative. Potresti aver sentito parlare dei principali cannabinoidi, cannabidiolo (CBD) e tetraidrocannabinolo (THC), ma ci sono molti altri cannabinoidi che sono ugualmente importanti.

    Tabella dei contenuti:

    1. Cosa sono i cannabinoidi?
    2. Cosa sono i fitocannabinoidi?
    3. Cos'è il THC?
    4. Cos'è il CBD?
    5. Cos'è il CBN?
    6. Cos'è il CBC?
    7. Cos'è il CBG?
    8. Cos'è il 2-AG?
    9. Cos'è l'Anandamide?
    10. Conclusione

    1. Cosa sono i cannabinoidi?

    what are cannabinoids

    Si possono trovare ben 113 diversi cannabinoidi nella pianta di cannabis. I più ricercati di questi cannabinoidi sono di gran lunga CBD e THC. I cannabinoidi nella pianta della marijuana sono conservati nei tricomi, o nei cristalli della pianta. Sono i tricomi nei boccioli di cannabis che conferiscono alla pianta una lucentezza specifica. La maggior parte dei coltivatori si concentra sulla produzione di ceppi di cannabis con alti livelli di THC. È il THC che è responsabile dell'euforica sensazione di "sballo" che si prova quando si consuma marijuana. L'altro cannabinoide principale è il CBD. Non ha proprietà psicoattive ed è legale al 100% in molti paesi del mondo. Altri cannabinoidi eccitanti sono il cannabigerolo (CBG), il cannabinolo (CBN) e il cannabichromene (CBC).

    Il sistema endocannabinoide e come funziona

    how the endocannabinoid system works

    Gli endocannabinoidi sono cannabinoidi prodotti naturalmente dall'organismo. La parola "endo" sta per endogeno, che significa che ha origine nell'organismo. Tuttavia, questi cannabinoidi sono diversi dai cannabinoidi che si trovano nella cannabis, anche se hanno effetti e proprietà simili. Essi interagiscono con le stesse vie nel corpo, nel cervello e nel sistema nervoso centrale. Queste vie sono conosciute come recettori. Gli endocannabinoidi più studiati sono l'anandamide e il 2-AG. Alcuni degli altri endocannabinoidi sono Noladin Ether, Virodhamine e N-Arachidonoyl dopamina (NADA). Tutti questi endocannabinoidi sono responsabili del mantenimento dell'equilibrio all'interno dell'organismo.

    Il sistema endocannabinoide è costituito da recettori dei cannabinoidi e cannabinoidi. I cannabinoidi sono come delle chiavi. Si legano con il recettore dei cannabinoidi, sbloccandoli e causando cambiamenti nel funzionamento delle cellule. Questi cambiamenti portano ad una varietà di effetti diversi in tutto il corpo. Quando si consuma cannabis, il THC e il CBD entrano nel sistema endocannabinoide e si legano con i recettori dei cannabinoidi. I due tipi di recettori dei cannabinoidi sono CB1 e CB2. La maggior parte dei recettori CB1, con cui il THC si lega, si trovano nel cervello. I recettori CB2, d'altra parte, sono sparsi in tutto il resto del corpo, ed è con questi recettori che il CBD si lega.

    Quali sono i maggiori cannabinoidi?

    the major cannabinoids

    Esistono due tipi principali di cannabinoidi. I cannabinoidi endogeni, che sono prodotti naturalmente nel nostro corpo, e i cannabinoidi esogeni, noti anche come fitocannabinoidi per la loro origine dalle piante.

    • Tetraidrocannabinolo (THC)
      Questo cannabinoide è più comunemente associato alla marijuana. Può essere trovato in concentrazioni di marijuana fino al 30-40%.
    • Cannabidiolo (CBD)
      Il secondo cannabinoide principale della marijuana è il CBD. Non ha proprietà psicoattive e infatti lavora per abbassare gli effetti del THC.
    • Cannabinolo (CBN) 
      Il CBN non viene prodotto dalla pianta di cannabis, ma è il risultato di un'errata conservazione del THC. Quando il THC è esposto a luce o calore eccessivi, la struttura chimica cambia e diventa CBN.
    • Cannabicromene (CBC)
      Il CBC si presenta spesso come il secondo cannabinoide più diffuso dopo il THC. Proprio come il CBD, il CBC non si lega ai recettori CB1 nel cervello, il che significa che non ha proprietà psicoattive.
    • Cannabigerolo (CBG)
      Attraverso il processo enzimatico, il CBG agisce come base per gli altri cannabinoidi presenti nella marijuana.
    • 2-Arachidonoilglicerolo (2-AG)
      2-AG è un endocannabinoide che attiva i recettori CB1 che si trovano nel cervello. 2-AG è anche prodotto dal corpo e metabolizzato successivamente.
    • Anandamide
      L'anandamide è un altro endocannabinoide, che si trova nel corpo umano. Molti scienziati ritengono che sia responsabile degli "alti" livelli di adrenalina che molte persone provano dopo l'allenamento. Svolge un ruolo importante nel nostro stato d'animo e nel modo in cui ci sentiamo.

    I cannabinoidi sono un gruppo eterogeneo di molecole. Condividono tratti caratteristici comuni. Gli endocannabinoidi vengono prodotti naturalmente dal nostro corpo e interagiscono con il sistema endocannabinoide, legandosi con i nostri recettori CB1 e CB2. Queste interazioni producono reazioni diverse, che possono avere effetti positivi per la nostra salute e il nostro benessere. 

    2. Cosa sono i fitocannabinoidi?

     What are Phytocannabinoids

    I fitocannabinoidi sono cannabinoidi, che si trovano sia nella cannabis che nella canapa. C'è un grande progresso nella comunità scientifica a favore delle proprietà medicinali dei fitocannabinoidi. Molti paesi in tutto il mondo hanno iniziato a mettere in discussione il modo in cui vedono la cannabis e le sue numerose applicazioni.

    Sebbene la marijuana sia stata lodata per secoli per le sue proprietà medicinali, all'inizio del 1900 è stata classificata da molti governi come narcotico. Solo di recente i paesi sono tornati alla marijuana e ai suoi benefici.

    Alcuni dei fitocannabinoidi più popolari sono il  (THC), e il cannabidiolo (CBD). Tutti i cannabinoidi prodotti dalle piante sono noti come fitocannabinoidi.

    Alcuni ricercatori ritengono che sia stata una dieta a base di canapa che ha permesso ai nostri antenati decine di migliaia di anni fa di sviluppare un complesso sistema endocannabinoide di cui disponiamo oggigiorno.

    Di seguito sono riportati alcuni dei fitocannabinoidi più comuni e come reagiscono e interagiscono con il nostro sistema endocannabinoide:

    Cannabigerolo (CBG)

    Il CBG è considerato il precursore della maggior parte degli altri fitocannabinoidi. Si ritiene che abbia un'ampia varietà di applicazioni terapeutiche diverse, dimostrando che è più efficace del CBD nella gestione del dolore neuropatico. Gli enzimi che si trovano nei tricomi convertono il CBG in uno degli altri 112 cannabinoidi che si trovano nella pianta di cannabis. Dopo questo processo, nella pianta matura rimane pochissimo CBG, solitamente meno dell'1%. Per saperne di più sul CBG clicca qui.

    Cannabidivarina (CBDV)

    Il CBDV è un altro cannabinoide non psicoattivo. È un analogo del CBD ed è composto da 3 molecole di carbonio (propile), invece di 5-carbonio (pentyl). Il CBDV condivide molte caratteristiche con il CBD, e attualmente sono in corso ricerche sul suo uso come anticonvulsivo.

    Cannabidiolo (CBD)

    Uno dei fitocannabinoidi più noti, il CBD trova la più ampia applicazione terapeutica ed è attualmente uno dei fitocannabinoidi più studiati. Non è psicoattivo, il che significa che non ti farà sballare come farebbe il THC. Questo rende legale l'acquisto ed il possesso del CBD in molti paesi del mondo. Viene attualmente utilizzato nel trattamento di una varietà di condizioni diverse. Il CBD è utilizzato come anticonvulsivo, immunostimolante, antidepressivo, antiossidante e come antitumorale, antipsicotico, antinfiammatorio, anti-insonnia, ansiolitico.

    Tetraidrocannabinolo (THC)

    Il THC è probabilmente il fitocannabinoide più noto di tutti! Quando si consuma marijuana e ci si sballa, il THC nella marijuana è ciò che ti influenza. Quando il THC si lega ai recettori CB1 nel cervello, stimola il rilascio di endocannabinoidi che regolano sia il nostro umore che il nostro appetito. Il THC è anche un potente rimedio antinfiammatorio, poiché la sua efficacia è venti volte superiore a quella di un'aspirina. Le proprietà psicoattive del THC hanno portato a fare pressione per far classificare la cannabis come narcotico. Per saperne di più sul THC clicca qui.

    Cannabicromene (CBC)

    Il CBC è un altro fitocannabinoide terapeutico che si trova nella cannabis. È considerato da molti il più potente cannabinoide anti-cancro. Il CBC interagisce con i recettori CB2 nelle cellule tumorali, e da questa interazione si producono antigeni di superficie. Un altro aspetto interessante del CBC è che è l'unico fitocannabinoide che si ritiene stimoli la crescita delle cellule cerebrali. Questo non è stato considerato possibile fino alla fine degli anni '90! Così questa convinzione ha alimentato la ricerca sull'uso del CBC come terapia anti-Alzheimer.

    I fitocannabinoidi svolgono un ruolo importante nel nostro sistema endocannabinoide, ma la ricerca su di essi è ancora in una fase iniziale, a causa del suo blocco nel secolo scorso. Mentre la legalizzazione della cannabis e la sua riclassificazione a fini medicinali continua a crescere, sempre più ricerche e studi su di essa sono in corso di svolgimento.

    3. Cos'è il THC?

    what is THC

    È importante notare che la cannabis è composta da una varietà di composti chimici - più di cento tipi diversi. Questi composti sono chiamati "cannabinoidi". Essi interagiscono con i recettori del sistema endocannabinoide del nostro corpo. Queste interazioni producono risposte diverse in tutto il nostro corpo.

    I cannabinoidi sono metaboliti secondari. Ciò significa che non svolgono alcun ruolo nella crescita della pianta di cannabis. Invece, funzionano come sistema immunitario per la pianta di cannabis, aiutandola a combattere parassiti, infestanti, insetti e predatori.

    Il modo più semplice per capire il sistema endocannabinoide è quello di immaginare i recettori diffusi in tutto il corpo come serrature, e i cannabinoidi come chiavi di quelle serrature. Quando i cannabinoidi giusti si legano ai recettori giusti, c'è una reazione chimica che sblocca le serrature.

    Il THC, o tetraidrocannabinolo, è il composto che si trova nella cannabis o nella marijuana, responsabile di alti livelli di stimolazione nel cervello umano. Il chimico israeliano, Raphael Mechoulam, ha isolato e sintetizzato THC per la prima volta nel 1964 usando l'Hashish libanese. Il suo lavoro ha portato alla scoperta di altri cannabinoidi e ha anche migliorato la ricerca sul sistema endocannabinoide e i suoi recettori. Potreste essere sorpresi di apprendere che il nostro corpo produce tutti gli endocannabinoidi naturalmente. Non c'è nemmeno bisogno di fumare cannabis!

    Il THC si lega ai recettori del nostro cervello e del sistema nervoso centrale, creando una reazione chimica che molte persone provano come uno sballo psicoattivo. Ci sono anche molte altre reazioni che gli scienziati stanno solo iniziando a capire.

    Quando si sperimenta il THC per la prima volta, è importante farlo lentamente. Alcune persone possono scoprire che l'uso del THC può avere un effetto rilassante e calmante; altre persone provano livelli più elevati di ansia e paranoia. Un fatto interessante è che il CBD, un altro cannabinoide presente nella cannabis, può aiutare a ridurre gli effetti del THC. I diversi tipi di cannabis ti forniranno reazioni diverse, quindi è importante fare piccoli passi fino a quando non si capisce come reagisce il tuo corpo.

    Effetti del THC

    effects of THC

    Alcuni degli effetti a breve termine dell'uso del THC possono includere:

    • Euforia
    • Rilassamento
    • Sedazione
    • Sollievo dal dolore
    • Problemi di memoria
    • Energia
    • Fame
    • Sonnolenza
    • Battito cardiaco accelerato
    • Secchezza delle fauci
    • Occhi rossi
    • Percezione del tempo rallentata
    • Ilarità
    • Stordimento
    • “Couch-lock,” o sensazione di pesantezza
    • Ansia/paranoia

    Il THC possiede molti benefici medicinali che sono solo ora oggetto di ricerca. Sono in corso centinaia di studi sulla cannabis e sui suoi benefici per la salute. L'aumento della popolarità della cannabis e la sua legalizzazione per uso medicinale ha alimentato l'innovazione nell'industria medica e farmaceutica.

    Benefici per la salute del THC

    Health benefits of THC

    Esistono diverse condizioni mediche, la cui chiave di volta può essere il THC:

    • PTSD
    • Dolore neuropatico e cronico
    • Insonnia
    • Nausea
    • Infiammazione
    • Artrite
    • Emicranie
    • Cancro
    • Morbo di Crohn
    • Fibromialgia
    • Morbo di Alzheimer
    • Sclerosi multipla
    • Glaucoma
    • ADHD
    • Apnea del sonno
    • Perdita di appetito

    4. Cos'è il CBD?

    Il CBD o cannabidiolo viene estratto dalla canapa o dalle piante di marijuana. È uno dei cannabinoidi più importanti che si trovano nella pianta di cannabis. Non è come il THC che provoca effetti psicoattivi.

    Non ti sballerai con il CBD

    Tl'unica cosa comune tra CBD e THC è che sono entrambi cannabinoidi e agiscono sui recettori del cervello. Sono prodotti naturalmente anche dal corpo umano, il che li rende la parte del sistema endocannabinoide. Aiuta a mantenere diversi tipi di processi fisiologici. Questi recettori si trovano naturalmente nel sistema nervoso e immunitario del nostro corpo. Una volta che il CBD interagisce con questi recettori si ottengono gli effetti.

    Non solo il CBD è diverso dal THC, ma anche la ricerca ha sostenuto che il CBD può aiutare a controllare gli effetti più negativi del THC come l'ansia e la paranoia. Questo è il motivo per cui chi cerca l'erba con THC preferisce ricevere la varietà che ha un rapporto attendibile di CBD e THC. Aiuta a mantenere gli effetti che il THC ha sul nostro corpo e sulla mente. 

    Cosa fa il CBD?

    È importante rivolgere la nostra attenzione a ciò che questo piccolo ma potente composto può fare prima che possiamo approfondire ulteriormente i dettagli. Recentemente, il CBD sta dominando le discussioni relative alle applicazioni della cannabis e del CBD nel campo medico. Tuttavia, ciò non significa che gli utenti occasionali non apprezzano il prodotto. Ci sono alcune qualità uniche nel CBD che possono renderlo una parte importante della nostra routine quotidiana. L'uso del CBD è un modo naturale per ridurre lo stress e il dolore. Può aiutare il corpo a sentirsi più rilassato e a proprio agio, influenzando il rilascio dei recettori nel Sistema Nervoso Centrale. 

    5. Cos'è il CBN?

    What is CBN

    Sei curioso riguardo ad alcuni dei cannabinoidi meno conosciuti come il CBN? Allora vediamo cos'è il CBN e quali sono alcuni dei suoi benefici medicinali.

    Esistono circa 113 diversi cannabinoidi che si trovano nella pianta di cannabis, e tutti possono svolgere un ruolo importante nei nostri sistemi endocannabinoidi e nella salute e nel benessere. Come il tetraidrocannabinolo (THC), e il cannabidiolo (CBD), cannabinolo (CBN) è uno di quei 113 cannabinoidi. Le proprietà del CBN sono simili a quelle del CBD, perché il CBN non ha effetti psicoattivi sul cervello. Quindi, se il vostro obiettivo è quello di ottenere alto, si consiglia di trasmettere CBN. Tuttavia, il CBN presenta altri benefici medicinali interessanti e potenzialmente in grado di cambiare la vita.

    Il CBN si trova spesso in quantità maggiori nelle vecchie piante di cannabis. Man mano che il THC invecchia, o è esposto all'ossigeno nel tempo, cambia in CBN. Quindi, se si lasciano le piante di cannabis incustodite per mesi o anni, è molto probabile che il THC contenuto in esse si trasformi in CBN.

    Alcuni dei benefici che gli scienziati e i ricercatori che stanno studiando il CBN hanno scoperto, includono:

    increase anandamide levels in your body

    • Sollievo dal dolore
    • Promozione della crescita di cellule ossee
    • Anti-insonnia
    • Anti-infiammatorio
    • Anti-batterico
    • Stimolante dell'appetito
    • Anti-convulsivo

    Uno degli aspetti più promettenti del CBN è il suo effetto sedativo. La ricerca sulle proprietà del CBN è arrivata al punto di suggerire che 5 mg di CBN potrebbero equivalere ad una dose di diazepam di 10 mg. Il beneficio del CBN rispetto al diazepam è che il primo è un sollievo dal dolore e un aiuto per dormire, e le probabilità di dipendenza sono minime. Molti prodotti antidolorifici a base di oppioidi hanno anche gravi effetti collaterali e una maggiore possibilità di dipendenza, specialmente tra i più giovani.

    Se ti piace dormire bene la notte usando la cannabis, un po' di CBN potrebbe essere uno dei più efficaci ausili per dormire! A differenza del THC, il CBN non influisce sul cervello e ti lascerà con la mente lucida. Tuttavia, c'è un lato negativo del CBN - non è presente in natura nelle stesse quantità di THC o CBD. Mentre i fiori o le gemme di cannabis possono contenere fino al 30% di THC o CBD, di solito contengono meno dell'1% di CBN.

    6. Cos'è il CBC?

    What is CBC

    Curiosi di saperne di più sul CBC e su cosa sia il CBC? Allora vale la pena leggere questo articolo.

    Analogamente al THC (tetraidrocannabinolo) e al CBD (cannabidiolo), il CBC o cannabichromene è un altro cannabinoide comune presente nella cannabis. Il CBC è considerato uno dei sei cannabinoidi principali, ma non è così studiato come il CBD o il THC. Gli scienziati stanno ancora rivelando tutti i segreti che il CBC e gli altri cannabinoidi stanno nascondendo.

    Come il CBD, il CBC non ti farà sballare o ti lascerà "couch locked" come fa il THC. È un composto non psicoattivo, ma ha comunque una varietà di potenziali benefici per la salute. Il CBC si lega male con i recettori CB1 situati nel cervello. È più probabile che si leghi al recettore vanilloide 1 (TRPV1) e al potenziale recettore transitorio anchirina 1 (TRPA1), che sono stati collegati alla percezione del dolore. Quando si consuma CBC e si lega con questi recettori, il numero naturale di endocannabinoidi del corpo aumenta.

    Come altri cannabinoidi ed endocannabinoidi, gli scienziati ritengono che il CBC funziona meglio quando viene combinato con la variante cannabinoidi. La reazione della CBC al CBD e al THC non è stata ancora studiata correttamente. La crescita dei mercati legali della marijuana medica e la progressiva legalizzazione della marijuana in tutto il mondo sta stimolando un aumento della ricerca e degli studi.

    Potenziale medicinale del CBC

    CBC’s medicinal potential

    Mentre la ricerca è ancora in corso, ci sono già alcuni potenziali benefici medicinali legati al CBC. Sebbene la marijuana sia stata usata in medicina per secoli, la sua classificazione come narcotico all'inizio del 1900 ha rallentato la ricerca su come funziona con il nostro corpo e su come i cannabinoidi influenzano i nostri sistemi endocannabinoidi.

    Il CBC ed il cancro

    Il CBC potrebbe potenzialmente essere un alleato molto potente nella lotta contro il cancro. Questo perché il CBC interagisce con il nostro sistema endocannabinoide e con l'anandamide. L'anandamide si è dimostrato vitale nella lotta contro il cancro al seno e il CBC potrebbe ridurre il suo tasso di assorbimento nel sangue, il che significa che l'anandamide potrebbe circolare in tutto il nostro corpo per periodi di tempo più lunghi. Uno studio condotto di recente ha dimostrato che la CBC potrebbe anche rallentare e inibire l'infiammazione e la crescita tumorale.

    Il CBC, il dolore e l'infiammazione

    CBC blocca sia l'infiammazione che il dolore, entrambi associati all'osteoartrite. L'uso dei cannabinoidi può essere un modo più sano per gestire il dolore e l'infiammazione, evitando i brutti effetti collaterali associati alla prescrizione medica e al sollievo dal dolore da oppioidi.

    Il CBC e le cellule cerebrali

    Uno studio del 2013 ha dimostrato che il CBC ha avuto un effetto positivo sulle cellule staminali staminali progenitrici neurali (cellule NSP) dei topi. Queste cellule sono essenziali per il sano funzionamento del cervello. Questo potrebbe essere un importante passo avanti nella lotta contro il morbo di Alzheimer.

    Il CBC e acne

    Molti cannabinoidi, compreso il CBC, hanno dimostrato di essere potenti inibitori dell'acne e di altre malattie della pelle.

    Il CBC e la depressione

    Il CBC funziona bene se associato al THC e al CBD come arma per aiutare a combattere condizioni di salute mentale come ansia, stress, ADD, PTSD e depressione.

    7. Cos'è il CBG?

    What is CBG?

    Oltre ai due cannabinoidi più noti, CBD (cannabidiolo) e THC (tetraidrocannabinolo), la cannabis contiene anche altri cannabinoidi come il CBG (cannabigerolo). Mentre il CBG può non essere presente nelle stesse quantità di altri cannabinoidi, ha un ruolo importante da svolgere.

    Il CBG è simile al CBD in quanto non contiene proprietà psicoattive e non vi darà quella sensazione che provate quando consumate ceppi di cannabis con alti livelli di THC. Il CBG si trova di solito solo a livelli molto bassi, circa l'1%.

    La cosa interessante del CBG è che sia il CBD che il THC nascono come CBG. La pianta di cannabis produce acido cannabigerolico (CBGA), che è il precursore di tre dei più importanti acidi cannabinoidi - THCA, CBDA e CBCA. Gli enzimi all'interno della pianta di cannabis trasformano il CBGA in CBDA o THCA. Il rispettivo acido viene poi attivato dalla luce o dal calore e si trasforma in CBD o THC. Con la maggior parte dei ceppi di marijuana, il CBGA viene rapidamente convertito in CBDA o THCA.

    Nel tentativo di ottenere varietà di cannabis con maggiori quantità di CBG, i coltivatori e gli allevatori hanno provato l'ibridazione delle piante e la manipolazione genetica. Per recuperare più CBG dalle piante di cannabis, queste ultime devono essere raccolte in un certo periodo di tempo durante il ciclo di crescita. I coltivatori devono individuare quando è presente la quantità massima di CBG, che normalmente è di sei settimane nel ciclo di crescita di otto settimane.

    I potenziali benefici medici del CBG

    The potential medical benefits of CBG

    All'interno del nostro corpo, il sistema endocannabinoide lavora duramente per mantenere il nostro corpo in equilibrio in uno stato di omeostasi. Gli endocannabinoidi aiutano a controllare diverse aree del corpo, con i recettori nervosi diffusi in tutto il cervello e il tronco. Il CBG influenza aree specifiche del corpo, e ci sono state molte ricerche promettenti focalizzate su quest'area.

    Il CBG ed il Glaucoma

    Il CBG è un vasodilatatore molto potente e possiede molti benefici neuroprotettivi. Dato che ci sono recettori endocannabinoidi situati all'interno della struttura oculare, si ritiene che il CBG sia uno dei migliori cannabinoidi per il trattamento del glaucoma, diminuendo la quantità di pressione intraoculare negli occhi.

    Il CBG ed il Colon Irritabile

    Durante un recente studio sui topi, gli scienziati hanno scoperto che il CBG è stato efficace nel diminuire le caratteristiche infiammatorie del colon irritabile.

    Il CBG e la Malattia di Huntington

    La malattia di Huntington è caratterizzata da degenerazione delle cellule nervose e danni al cervello. Durante uno studio sui topi condotto nel 2015, i ricercatori hanno scoperto che il CBG protegge i neuroni e ostacola la degenerazione delle cellule nervose.

    Il CBG ed il Cancro

    Anche il CBG si è dimostrato prezioso nella lotta contro il cancro - blocca i recettori responsabili della crescita delle cellule tumorali e inibisce tale crescita.

    8. Cos'è il 2-AG?

    What is 2-AG

    Il 2-Arachidonoilglicerolo o 2-AG è uno dei principali endocannabinoidi e fa parte del sistema endocannabinoide insieme all'anandamide. 2-AG interagisce con entrambi i tipi di recettori CB situati nel sistema nervoso centrale e periferico del nostro corpo. 2-AG è un agonista per entrambi i recettori CB, ed è la molecola di legame primario per il recettore CB2.

    Il 2-AG è tra le molecole estratte dall'acido arachidonico o da altri due acidi grassi essenziali al carbonio 20 - DGLA e EPA. Queste molecole vengono chiamate "eicosanoidi" e sono versioni ossidate degli acidi grassi essenziali. Svolgono un ruolo importante in diverse funzioni e processi corporei come l'immunità o l'infiammazione.

    Essendo uno degli endocannabinoidi più diffusi nel nostro corpo, il 2-AG svolge un ruolo importante nella regolazione dell'appetito, nella gestione del dolore e nelle funzioni del sistema immunitario. Ci sono diversi modi per aumentare i livelli di 2-AG nel vostro corpo. La cannabis è una di queste opzioni, ma ci sono anche modi per aiutare il sistema endocannabinoide senza cannabis:

    boost 2-AG levels

    La tua dieta

    Poiché il 2-AG è costituito essenzialmente da grassi, o acido linoleico metabolizzato, è possibile mangiare cibi ricchi di acidi linoleici come uova, pollame, cereali e semi di canapa. Per aumentare i livelli di 2-AG, diete ad alto contenuto di acidi grassi essenziali omega-6 è un ottimo modo per iniziare. Ricordate di consumare la stessa quantità di acidi grassi omega-3 e omega-6 per ottenere il massimo beneficio per il tuo sistema endocannabinoide.

    Probiotici

    Alcune ricerche suggeriscono che i probiotici aiutano ad aumentare la funzione dei recettori CB2 situati nell'intestino. Si possono mangiare cibi prebiotici come porri, carciofi, cipolle e aglio. Aiuta anche a mangiare un sacco di verdure verdi ad alta fibra.

    Riposo

    Il riposo è un ingrediente essenziale per mantenere l'equilibrio del sistema endocannabinoide. Assicurati di dormire regolarmente ogni giorno.

    9. Cos'è l'Anandamide?

    What is Anandamide

     Se sei interessato a saperne di più sugli endocannabinoidi come l'anandamide e il sistema endocannabinoide, allora continua a leggere.

    N-arachidonoylethanolamine (Anandamide), è un analogo endogeno del THC. È interessante notare che l'anandamide è anche conosciuta come la "molecola della beatitudine", o la versione del THC del corpo stesso. L'anandamide viene prodotta dal nostro corpo ed è molto simile al THC nel suo contenuto chimico. Si lega agli stessi recettori del sistema endocannabinoide e potrebbe agire come neurotrasmettitore e stimolatore dell'umore.

    A differenza del THC, CBD, CBN, l'anandamide è un endocannabinoide. I cannabinoidi si trovano nella pianta di cannabis, mentre gli endocannabinoidi vengono prodotti naturalmente dal nostro corpo. L'anandamide è prodotta all'interno delle membrane cellulari e dei tessuti del corpo. Viene sintetizzato dall'N-arachidonoyl fosfatidil-fosfatidiletanolammina e scomposto dall'idrolasi dell'ammide degli acidi grassi, un enzima.

    L'anandamide interagisce e si lega con entrambi i tipi di recettori dei cannabinoidi nel cervello (CB1 e CB2). L'anandamide è considerato un composto fragile in quanto, una volta assorbito dall'organismo, si scompone rapidamente nei suoi componenti. L'anandamide viene prodotta nella parte del cervello che è responsabile della memoria, del controllo del movimento e dei processi di pensiero avanzati. Inoltre, l'anandamide svolge un ruolo importante in molti processi fisiologici come la gestione dell'appetito, la gestione del dolore e la fertilità.

    Come funziona l'anandamide nel corpo umano

    How anandamide works in the human body

    L'anandamide funziona interagendo con i recettori che fanno parte del sistema endocannabinoide. Questi recettori si trovano nel cervello e in tutto il tronco. Agiscono come serrature, e i cannabinoidi ed endocannabinoidi agiscono come chiavi di queste serrature - i cannabinoidi e gli endocannabinoidi si legano con i recettori e creano reazioni chimiche. Nel sistema nervoso centrale, l'anandamide si lega principalmente con i recettori CB1, mentre nella parte periferica si lega con i recettori CB2.

    Secondo un articolo pubblicato nel Journal of Clinical Investigation nel 2005, si credeva che l'anandamide aiutasse a promuovere la neurogenesi. L'articolo affermava che l'anandamide, tra gli altri cannabinoidi, promuoveva la neurogenesi nella parte del cervello responsabile della gestione della nostra memoria, della nostra capacità di apprendimento e delle nostre emozioni. Hanno anche dimostrato di avere alcuni effetti antidepressivi.

    Un foglio del 2007 che è stato pubblicato dal dipartimento di ricerca dell'Università del Michigan ha dichiarato che l'anandamide svolge un ruolo importante nel determinare le nostre abitudini alimentari e nel generare sensazioni di piacere e motivazione. Lo studio ha dimostrato che una certa quantità di anandamide, iniettata nel proencefalo di un topo, in seguito raddoppia la durata della sua reazione quando ha ricevuto una ricompensa per aver completato un compito stabilito. Tuttavia, l'andamide non ha influenzato la reazione dei topi quando non hanno ricevuto una ricompensa.

    Altri studi, condotti presso l'Università della California e l'Università del Connecticut, hanno scoperto che l'aumento della quantità di anandamide nel cervello umano potrebbe aiutare nel sollievo dei sintomi associati all'ansia e alla depressione.

    Modi per aumentare i livelli di anandamide nel tuo corpo

    Ways to increase anandamide levels in your body

    Se dopo aver letto tutti quegli studi che sostengono i potenziali benefici per la salute di anandamide, vorresti anche provare ad aumentare i livelli di questo endocannabinoide, ci sono alcuni semplici modi per farlo:

    • Facendo esercizio fisico
    • Mangiando cioccolato fondente
    • Mangiando tartufi

    10. Conclusione

    Anche se i cannabinoidi variano per proprietà, usi e benefici, tutti loro, come parte della pianta di cannabis, offrono l'opportunità di trattare condizioni mediche, dolore, ansia, ecc. senza l'uso di sostanze artificiali. Quindi la prossima volta che cerchi opzioni alternative per la medicina, prova uno dei prodotti a base di cannabis - non te ne pentirai!

    Questo articolo è stato scritto da un autore indipendente e di terze parti specializzato nella ricerca su CBD, canapa e cannabis. Qualsiasi opinione, consiglio o raccomandazione espressa nell'articolo non riflette l'opinione di Formula Swiss AG o dei nostri dipendenti. Non facciamo alcuna affermazione su nessuno dei nostri prodotti e rimandiamo al nostro disclaimer per ulteriori informazioni.

    17 minuti di lettura

    Leggi di più

    Cosa sono la canapa, la marijuana e la cannabis? La guida completa per la comprensione della cannabis

    Cosa sono la canapa, la marijuana e la cannabis? La guida completa per la comprensione della cannabis

    Canapa, marijuana e cannabis possono significare tutti la stessa cosa per te, ma ti assicuriamo che sono in realtà molto diverse tra loro.

    La canapa e la marijuana sono prodotti della pianta di cannabis, che hanno funzioni ed effetti contrapposti sull'organismo umano. I prodotti della canapa sono noti per alleviare il dolore, aiutare a lenire i disturbi e le condizioni sia esterne che interne, mentre i prodotti della marijuana sono ricchi di THC e quindi hanno un potente effetto psicotico sulla mente.

    Nelle righe seguenti, potete conoscere meglio i benefici e anche i possibili effetti collaterali di entrambe le specie di piante di cannabis.  

    Indice:
    1. Che cos'è la canapa?
    2. Che cos'è l'olio di semi di canapa?
    3. Che cos'è l'olio di cannabis?
    4. Marijuana, cannabis e canapa - qual è la differenza?*
    5. Cosa sono i terpeni?
    6. Piante che contengono cannabinoidi
    7. Cannabis sativa
    8. Cannabis Ruderalis
    9. Harlequin
    10. Katelyn Faith
    11. ACDC
    12. Conclusione

    1. Cos'è la canapa?

    La canapa fa parte della nostra cultura da oltre 10.000 anni. La canapa è una delle più antiche colture domestiche conosciute dall'uomo e si ritiene che abbia avuto origine nell'Asia meridionale o centrale. È una delle fibre naturali più resistenti, più durevoli e morbide del pianeta. Le sue applicazioni includono carta, carburante, olii, medicina, abbigliamento, edilizia, plastica, corda e persino cibo per migliaia di anni. Infatti, la Columbia History of the World afferma che la più antica reliquia dell'industria umana è un frammento di tessuto di canapa risalente a circa 8.000 aC.

    Un altro fatto interessante è che la canapa è stata usata come moneta a corso legale (denaro), poiché la gente ha potuto pagare le tasse con la canapa per oltre 200 anni in America.

    La canapa non è marijuana. La marijuana non è canapa

    hemp and marijuana are different

    Marijuana e canapa sono due diverse forme di cannabis. Ognuna di esse ha le proprie applicazioni e benefici.

    Una delle prime differenze tra la canapa e la marijuana è il fatto che la marijuana viene solitamente utilizzata per trattamenti medici e ricreativi. Molti la usano per i suoi effetti e benefici psicoattivi ("sballo") o non psicoattivi, che dipendono dal contenuto di cannabinoidi.

    La canapa, invece, contiene naturalmente un'elevata quantità di cannabidiolo (CBD) e solo una traccia di tetraidrocannabinolo (THC). Fortunatamente, i ceppi di cannabinoidi della canapa sono il modo ideale per beneficiare della cannabis senza l'effetto psicoattivo ("sballo").

    La canapa viene usata per produrre integratori a base di erbe, alimenti, fibre,, corde, carta, mattoni, olio, plastica naturale, e nella storia ha avuto molte altre applicazioni e benefici industriali e ambientali.

    Nell'ultimo decennio, i ricercatori sono diventati sempre più interessati ai benefici medici di un altro composto presente in entrambe le piante, noto come cannabidiolo (CBD). Il CBD è un componente non psicoattivo della pianta di cannabis, ma è noto per essere d'aiuto in una miriade di condizioni mediche.

    È importante sapere che, sebbene il THC e il CBD siano i componenti più studiati della cannabis, esistono più composti chimici nella pianta, come (CBG), (CBC), cannabidivarina (CBDV), tetraidrocannabivarin (THCV), terpeni e flavonoidi. Sebbene ci sia ancora molto da imparare su queste altre sostanze chimiche, i ricercatori hanno scoperto che gli estratti di cannabis vegetali interi che contengono queste altre sostanze chimiche sono più vantaggiosi degli estratti isolati che contengono solo CBD o THC.

    È tutta cannabis

    Scientificamente, la canapa industriale e la marijuana sono le stesse piante, con un genere e un nome di specie di Cannabis sativa. Hanno un profilo genetico completamente diverso tuttavia.

    Canapa e marijuana in genere si confondono, perché entrambi provengono dalla stessa specie vegetale, la Cannabis sativa L. Anche se sia la canapa che la marijuana hanno caratteristiche maschili e femminili, la canapa presenta caratteristiche più femminili che maschili, al contrario della marijuana.

    Nella pianta di marijuana, i ceppi femminili producono le gemme e i fiori da consumare per ottenere effetti psicoattivi o non psicoattivi. Con la canapa, invece, le piante femminili scoprono i semi e hanno fibre forti. Pertanto, la canapa viene utilizzata principalmente per scopi industriali e commerciali.

    La canapa industriale è una varietà di Cannabis sativa, mentre la marijuana potrebbe essere un prodotto di Cannabis sativa, Cannabis indica, o Cannabis ruderalis. La differenza principale è il modo in cui la canapa industriale è stata coltivata rispetto ad una varietà di marijuana di Cannabis sativa. In generale, la canapa industriale è molto fibrosa, con lunghi e robusti steli, e non ha praticamente boccioli di fiori, mentre la varietà di Cannabis sativa di marijuana è più piccola, più cespugliosa e piena di boccioli di fiori. Tuttavia, nuove varietà industriali di canapa vengono coltivate in Svizzera. Si prevede che avranno più fiori e maggiori rese di cannabinoidi e terpeni. In prospettiva, la marijuana può avere dal 5% a oltre il 20% del contenuto di tetraidrocannabinolo (THC), mentre la canapa ha solo dallo 0,3% all'1,5% del THC.

    2. Che cos'è l'olio di semi di canapa?

    what is hemp seed oil

    L'olio di semi di canapa è un olio dal sapore nocciolato, che viene il prodotto dei semi grezzi della pianta di canapa. Si tratta di un integratore alimentare documentato e un aiuto per la bellezza ed è stato utilizzato in tutto il mondo per centinaia di anni. Nel 6000 a.C., sia i semi che l'olio sono stati utilizzati per l'alimentazione in Cina. A cavallo tra il 20 ° secolo negli Stati Uniti, è stato comunemente usato in lampade, olii essiccanti per vernici, vernici per legno e altri scopi domestici.

    L'olio di semi di canapa, però, non è lo stesso dell'olio di canapa. Quest'ultimo proviene dalle varietà ad alta coltivazione di cannabis, ma non contiene THC - il principale composto psicoattivo della marijuana. Invece, viene estratto per i suoi acidi grassi sani e offre alcuni potenti benefici per la salute se usato sia internamente che esternamente.

    La ricerca ha scoperto che la canapa contiene tutti gli amminoacidi essenziali e anche quelli grassi, che sono entrambi la condizione necessaria per l'esistenza della vita umana. I semi di canapa sono ricchi di proteine, acidi grassi polinsaturi, omega 6, omega 3 e fibre insolubili. Sono una buona fonte di tocoferoli, o antiossidanti della vitamina E. Sono ricchi di minerali come potassio, magnesio, ferro, zinco, calcio e fosforo, e microelementi come stronzio, torio, arsenico e cromo. Pertanto, l'olio di canapa può essere utilizzato per aumentare il sistema immunitario, contrastare i processi di invecchiamento e migliorare la salute cardiovascolare. Diversi studi dimostrano che l'acido linoleico presente nell'olio di canapa potrebbe combattere la psoriasi.

    L'olio di semi di canapa contiene anche una proteina unica chiamata globulina edestina, simile alla globulina nel plasma sanguigno umano. L'olio di semi di canapa possiede potenti proprietà antinfiammatorie e antiossidanti. È anche considerato l'olio più nutriente che si trova in natura. Anche l'olio di canapa è facilmente digeribile.

    Tutto questo combinato fornisce molti benefici meravigliosi per la salute e la bellezza, dentro e fuori.

    I benefici per la salute dell'olio di semi di canapa

    Secondo la ricerca scientifica in questo settore, l'olio di semi di canapa presenta i seguenti benefici per la salute:

    1. L'olio di semi di canapa aiuta a mantenere un equilibrio ormonale

    La canapa è l'unico seme commestibile che contiene acido gamma-linolenico, che alla fine viene convertito in prostaglandina PGE1, l'ormone protettivo che regola l'equilibrio ormonale e favorisce la salute durante la menopausa.

    2. L'olio di semi di canapa rigenera ed energizza lo strato protettivo della pelle

    Il suo alto contenuto di acidi grassi omega 3 e omega 6 fa dell'olio di semi di canapa un eccellente emolliente e idratante naturale. È particolarmente utile per la pelle secca, stanca o disidratata e per le unghie. Aumenta l'elasticità della pelle e la capacità di ritenzione idrica dei tessuti. L'olio di semi di canapa puro può essere usato per trattare i capelli secchi ed viene spesso incluso nei balsami per capelli.

    3. L'olio di semi di canapa è ottimo per i vegetariani

    Trovare il giusto equilibrio di acidi grassi omega-3 e omega-6 può essere difficile per vegetariani e vegani. L'olio di semi di canapa possiede il rapporto ottimale di questi acidi.

    4. L'olio di semi di canapa aiuta ad abbassare il colesterolo

    Essendo l'unico olio vegetale che contiene acidi grassi omega-3 e omega-6 (3:1), l'olio di semi di canapa può aiutare ad abbassare i livelli di colesterolo accelerando i processi metabolici. Con un metabolismo più veloce, i grassi bruciano più rapidamente e non si depositano sulle pareti delle arterie.

    5. L'olio di semi di canapa può essere ottimo per i diabetici

    Grazie al suo basso contenuto di carboidrati e zuccheri, l'olio di canapa è un ottimo additivo alimentare per i diabetici. I nutrienti presenti in esso possono aiutare a moderare i livelli di zucchero nel sangue.

    6. L'olio di semi di canapa può aiutare a prevenire la psoriasi

    La psoriasi è dovuta ad una carenza di acidi grassi omega-6 nell'organismo. Gli acidi grassi presenti nell'olio di canapa aiutano a migliorare l'ossigenazione e l'idratazione della pelle.

    7. L'olio di semi di canapa puo' aumentare le difese immunitarie

    Gli acidi grassi omega-3 e omega-6 migliorano anche l'immunità e regolano la flora intestinale, creando così una barriera naturale contro i microbi e aumentando la resistenza dell'organismo.

    8. L'olio di semi di canapa aiuta a prevenire la demielinizzazione del sistema nervoso.

    Gli acidi grassi essenziali sono necessari per una sana struttura della membrana cellulare. Prevengono anche la demielinizzazione, la distruzione della guaina mielinica (una membrana che protegge le cellule nervose).

    9. L'olio di semi di canapa può prevenire le vene varicose

    Perché contiene alte qualità di omega-3s, l'olio di canapa può ridurre i coaguli di sangue e le vene varicose.

    Queste dichiarazioni e affermazioni non sono fatte da noi, quindi assicurati di leggere il nostro disclaimer sulla salute.

    3. Che cos'è l'olio di cannabis?

    what is cannabis oil

    Avrai incontrato il termine "olio di cannabis" ogni volta che hai cercato un trattamento a base di erbe o biologico per diverse malattie e condizioni. Ma è molto probabile che tu non l'abbia ancora usato.

    Questo è il caso di molte persone, semplicemente perché i blog medici online e l'industria medica non hanno ancora la giusta consapevolezza nei confronti della cannabis. Questa mancanza di consapevolezza è uno dei motivi per cui alcune malattie sono tuttora incurabili e portano a risultati fatali. Il modo migliore per affrontare queste condizioni è cercare metodi di prevenzione, invece che nuovi trattamenti.

    L'olio di cannabis è un'opzione naturale e biologica per tale prevenzione. Quindi, parliamone nei paragrafi che seguono. E dopo aver acquisito familiarità con i modi in cui questo olio viene estratto e dopo che i miti intorno al concetto sono stati infranti, potresti decidere tu stesso quale sia la tua opinione in materia.

    Comprendere il termine cannabis

    La cannabis è una pianta che spesso viene erroneamente chiamata "marijuana". Quest'ultimo è un termine più comune per i non scienziati. Esistono diversi ceppi all'interno della pianta di cannabis. L'olio viene estratto da essi e poi mescolato con altri oli biologici come l'olio d'oliva.

    Così, la pianta di cannabis può produrre diversi tipi di oli per numerosi scopi, tutti legati al campo della medicina. Tuttavia, il fatto che ogni tipo di olio di cannabis ha un nome diverso e proprietà diverse ha creato confusione tra i consumatori.

    Un mito collegato agli oli di cannabis è che hanno lo stesso effetto psicoattivo sul cervello umano della marijuana.

    I quattro diversi tipi di olio di cannabis

    In poche parole, la pianta di cannabis è composta da varietà di canapa, e i semi di canapa hanno ingredienti diversi a seconda della razza della pianta. Questi ingredienti potrebbero essere utilizzati per il trattamento di diverse condizioni fisiche e mentali.

    La ragione principale della suddetta confusione circa l'olio di cannabis e i suoi effetti collaterali è che nella canapa della pianta di cannabis ci sono alcuni ingredienti, che potrebbero influenzare negativamente l'organismo umano.

    Ecco una lista di diversi tipi di oli di cannabis con i loro rispettivi benefici ed effetti collaterali:

    1. Olio di CBD:

    Uno degli ingredienti della canapa della pianta di cannabis è il cannabidiolo, noto anche come CBD. L'olio estratto dal CBD, chiamato olio CBD, viene usato da persone che preferiscono il trattamento biologico alla medicina tradizionale. Questo è il motivo per cui l'olio di CBD sta diventando un modo sempre più efficace per il trattamento naturale in molte parti del mondo.

    2. Olio di THC:

    Il tetraidrocannabinolo, cioè il THC è un altro dei principali ingredienti che si trovano nella canapa della pianta di cannabis. Tuttavia, il THC non è così comune come il CBD a causa del suo effetto psicoattivo. Sebbene il THC sia un componente completamente diverso della pianta di cannabis, anche l'olio di CBD viene definito pericoloso a causa di una comune confusione.

    D'altra parte, oltre agli effetti collaterali, l'olio di THC viene anche usato come trattamento di alcune condizioni che richiedono che il paziente si trovi in una particolare condizione mentale.

    3. Olio di canapa:

    Come accennato sopra, la canapa è una parte della pianta di cannabis che potrebbe differenziarsi dalle diverse razze che esistono. Tuttavia, l'olio di canapa viene estratto dalla canapa della pianta di cannabis per produrre l'effetto desiderato e la quantità richiesta di CBD e THC.

    Per riassumere, ci sono un sacco di cose da considerare prima di acquistare l'olio di canapa – non limitarti alla descrizione del prodotto.

    4. Olio di marijuana:

    Anche l'olio di marijuana viene estratto dalla pianta di cannabis. Possiede alcuni effetti collaterali dannosi come l'eccessivo rilascio di dopamina artificiale. Questo è il motivo per cui l'olio di marijuana, sebbene sia lo stesso dell'olio di cannabis, viene considerato un prodotto biologico nocivo su cui non si può fare affidamento per il trattamento delle condizioni mentali e fisiche.

    Altri tipi di olio di cannabis comprendono l'olio di butano, l'olio di Rick Simpson e l'olio di CO2, che hanno tutti diversi benefici, il più comune dei quali è il trattamento e la prevenzione delle malattie pericolose nel periodo di tempo specificato con effetti collaterali minimi.

    Benefici dell'olio di cannabis

    • È adatto per il trattamento di gravi disturbi neurologici come l'Alzheimer e il Parkinson.
    • È altamente benefico per il trattamento di dolori corporei lievi e severi.
    • È noto per essere una buona cura e un buon modo per prevenire condizioni della pelle come l'acne e l'eczema.
    • Si è dimostrato un mezzo di successo per la perdita di peso.
    • L'ansia e la depressione sono curabili anche con l'olio di cannabis.

    L'olio di cannabis presenta una vasta spiegazione per il termine che negli ultimi anni è diventato controverso. Tuttavia, con la maggiore consapevolezza e la quantità di trattamenti di successo a suo favore, l'olio di cannabis sta diventando ugualmente popolare con il giusto tipo di attenzione che merita.

    4. Marijuana, cannabis e canapa - qual è la differenza?

    marijuana cannabis and hemp

    A causa dell'enorme sviluppo del mercato degli estratti e degli isolati di cannabis, stiamo incontrando numerose pagine di siti web, gruppi sui social media e pagine che attualmente si occupano di questo mercato, e con ciò si diffondono inevitabilmente informazioni false e incontrollate, diffuse da individui che non hanno alcuna conoscenza effettiva o che stanno portando avanti un'agenda. Indipendentemente dalle ragioni, il problema è che informazioni false e contraddittorie seminano confusione e dubbi. Questi prodotti posseggono un enorme potenziale medico, ma purtroppo è ancora in atto un forte movimento contro di loro.

    Opinioni diverse

    Diverse persone ancora non capiscono che marijuana e canapa sono la stessa pianta con lo stesso genere e specie, chiamata Cannabis sativa o Cannabis indica.

    La "canapa" consiste di ceppi genetici che hanno contenuti alti di Cannabidiolo (CBD) mentre la "marijuana" presenta ceppi che hanno contenuti di tetraidrocannabidiolo (THC) più alti. Il CBD e il THC sono i principali cannabinoidi (tra i tanti) presenti nella cannabis.

    Sia i termini che i prodotti, basati su di essi, variano anche nei loro usi. La "canapa" è riservata all'uso industriale/commerciale del fusto e dei semi di cannabis per tessili, alimenti, carte, prodotti per la cura del corpo, detergenti, materie plastiche e materiali da costruzione, mentre il termine "marijuana" viene utilizzato per l'uso ricreativo e medicinale di prodotti derivati dal fiore e dalle foglie.

    Chiaramente, queste prospettive possono suscitare contraddizioni perché, secondo una definizione, un materiale ad alto contenuto di CBD si chiamerebbe canapa e sotto un'altra visione del mondo la stessa si chiamerebbe cannabis. Per questo motivo, molte persone sono confuse, e dovremmo smettere di usare nomi banali e adottare la nomenclatura chemotipica dell'industria dell'olio essenziale. Per esempio, esistono numerosi chemotipi di olio fondamentale di basilico, la maggior parte dei quali proviene dalla famiglia e dalla specie Ocimum basilicum basilicum. L'olio di basilico ad alto contenuto di linalolo si chiama Basilico ct. linalolo. L'olio di basilico ad alto contenuto di metil chavicol è indicato come Basilico ct. metil chavicol. Sarà più facile se parliamo semplicemente di Cannabis ct. CBD o Cannabis ct. THC. Questo dimostra che stiamo parlando della stessa pianta, solo di ceppi diversi che producono diversi cannabinoidi principali quando vengono estratti.

    Questo ci porta alla differenza tra CBD e THC. Mentre entrambi sono cannabinoidi molto importanti, possiedono molti effetti diversi sul corpo umano. Il THC possiede l'ulteriore proprietà di collegarsi agli endocannabinoidi del cervello e di produrre un effetto psicoattivo. Poiché il CBD non possiede questa proprietà, viene considerato più idoneo in medicina, almeno dal punto di vista pratico. La quantità di CBD per trattare condizioni mediche gravi come crisi o dolore cronico può raggiungere anche centinaia di milligrammi al giorno. D'altra parte, 100 milligrammi di THC puro sarebbero pericolosi per le persone per un minimo di 12 ore.

    Il THC è comunque utile dal punto di vista medico, ma con esso si deve procedere con cautela. Esistono casi in cui la combinazione di CBD e THC dovrebbe avere un valore medicinale ottimale.

    I produttori di "marijuana" (Cannabis ct. THC), per esempio, che hanno trasformato le loro attività un tempo illegali in enormi aziende di vacche da latte in stati come il Colorado e i relativi nuovi arrivati sul mercato, si stanno ora concentrando sugli estratti di Cannabis ct. CBD. Casi come questo portano ad una disinformazione diffusa nel mondo e ciò è dovuto alla mancanza di istruzione o agli interessi economici.

    Esempi di false affermazioni

    L'affermazione "Il CBD della canapa non è di alta qualità come il CBD della cannabis" è falsa per almeno due motivi. Innanzitutto, il CBD della canapa è il CBD della cannabis, perché la cannabis è semplicemente il genere di quelle piante. In secondo luogo, il CBD è una molecola con una specifica struttura tridimensionale. Quindi, non è importante da quale genetica viene prodotto il CBD, esso avrà esattamente lo stesso effetto sul corpo, indipendentemente da dove è stato isolato.

    Altre affermazioni false sono affermazioni come "Gli estratti di CBD dalla canapa non sono buoni quanto gli estratti di CBD dalla cannabis perché la canapa non possiede i terpeni necessari per l'effetto entourage". Con'"effetto entourage" si intende la maggiore efficacia dei cannabinoidi offerta dall'inclusione dei terpeni nativi della pianta. In generale, si associa ad una maggiore efficacia nell'uso dell'estratto vegetale intero rispetto ad un singolo cannabinoide isolato.

    Nel mondo curativo dell'olio essenziale e del profumo, lo chiameremmo essenzialmente l'impatto sinergico, poiché la sinergia di tutte le molecole dell'olio essenziale esercita un impatto più importante della semplice somma delle sue singole parti. Il problema di questa affermazione è quindi che quello che viene definito il profilo terpenico della cannabis è semplicemente l'olio essenziale della cannabis.

    L'olio essenziale è la frazione volatile biologica della pianta ottenuta mediante vapore o idrodistillazione. Si tratta di un metabolita secondario e fondamentalmente determina l'odore della pianta di cannabis di interesse. Ma indipendentemente dall'odore, l'olio essenziale di solito contiene tre terpeni principali - mircene, alfa-umulene e beta-cariofillene. Il mircene è un monoterpene mentre l'alfa-umulene e il beta-cariofillene sono sesquiterpeni. I vari odori, indipendentemente dal fatto che l'olio in questione sia estratto dalla "canapa" o dalla "marijuana", sono il risultato della varietà di rapporti di questi componenti. Inoltre, potrebbero esistere centinaia di diversi componenti minori del terpene e del terpenoide. È piuttosto probabile imbattersi in due ceppi genetici che possono avere profili di oli essenziali molto simili, odore più o meno lo stesso, eppure uno potrebbe avere un profilo di CBD più alto e l'altro più alto di THC. Questo si verifica naturalmente, ma potrebbe anche essere ottenuto attraverso la coltivazione selettiva.

    Ultimamente, molte compagnie stanno impiegando "isolati terpenici di cannabis" e aggiungendoli agli estratti di cannabis per ottenere l'effetto entourage desiderato. Questi isolati sono frazioni di terpeni provenienti dall'effettiva estrazione di CO2 della cannabis. Le frazioni di terpene sono molto costose, ma i compratori sono attenti, il più delle volte i prodotti terpenici a buon mercato che provengono da altri prodotti botanici, o addirittura vengono prodotti sinteticamente sono ciò che viene presentato sul mercato. È abbastanza facile per un laboratorio come il nostro determinare l'origine dei terpeni mediante analisi GC/MS, poiché la nostra specialità è l'analisi del terpene di centinaia di piante e possiamo rilevare adulterazioni in tutte le piante. La cosa migliore da usare per ottenere l'effetto entourage sarebbe semplicemente il vero olio essenziale di cannabis che è il risultato della distillazione a vapore di una varietà di ceppi di cannabis. Tuttavia, la distillazione viene solitamente effettuata con una bassa biomassa di cannabinoidi in quanto il processo è in qualche modo distruttivo per il materiale vegetale e ridurrebbe drasticamente la resa di estrazione delle preziose parti contenenti cannabinoidi.

    Tipi di cannabinoidi

    Un cannabinoide è un termine molto usato nell'industria della cannabis, ma sapevi che Madre Natura offre anche altri tipi di cannabinoidi?

    Questi tipi comprendono:

    • Fitocannabinoidi - questi sono i cannabinoidi prodotti dalle piante..
    • Endocannabinoidi - questi cannabinoidi vengono prodotti nei corpi degli esseri umani e degli animali.
    • Cannabinoidi sintetici - questi cannabinoidi vengono prodotti in laboratorio.

    Il fatto interessante è che la cannabis non è l'unica pianta che produce cannabinoidi curativi. Molti altri superalimenti producono anche questo composto curativo che nutre il sistema endocannabinoide del nostro corpo.

    Alcune piante producono componenti che hanno proprietà simili a quelle dei cannabinoidi, ma che sono strutturalmente un po' diversi. Questi composti sono noti come composti cannabimimetici.

    I cannabinoidi di queste piante non sono psicoattivi, in quanto non contengono THC. Invece, queste piante contengono cannabinoidi, la cui interazione con gli endocannabinoidi aiuta a mantenere l'omeostasi. In parole più semplici, queste piante non ti fanno sballare, ma ti aiutano ad alleviare il dolore e lo stress. 

    5. Cosa sono i terpeni?

    cannabis terpenes

    Qualsiasi componente naturale le cui proprietà non solo ne favoriscono l'origine, ma sono anche utili per il corpo umano è sempre apprezzato dalle masse. Soprattutto le persone che credono nel trattamento con prodotti naturali e biologici tendono ad essere più sane delle altre che diventano dipendenti dalle medicine dannose per la salute fisica e mentale. Il motivo principale per l'utilizzo degli ingredienti naturali è quello di eliminare permanentemente le malattie e i disturbi prolungati che rendono più debole il sistema immunitario della persona. A questo scopo, molta della consapevolezza viene creata dagli esperti scientifici che sono i veri credenti degli elementi vegetali.

    Per questo motivo il numero di farmaci dannosi diminuisce di giorno in giorno rispetto al numero di trattamenti naturali. Le piante sono le fonti migliori per questo e la pianta di cannabis è una di queste.

    La pianta di cannabis è un tipo comune di marijuana che è popolare per le sue proprietà altamente efficaci nel trattamento di gravi malattie mediche senza produrre effetti collaterali. La canapa della pianta di cannabis contiene terpeni, responsabili della produzione di un aroma specifico.

    Definizione di terpeni

    I terpeni sono componenti della pianta di cannabis, presenti nella sua canapa. Il particolare aroma dei fiori della pianta di cannabis è prodotto principalmente dai terpeni. Questo aroma è un elemento distintivo delle caratteristiche della pianta. Alcuni la considerano dolce e fruttata, mentre altri la considerano un aspetto sgradevole dei prodotti a base di cannabis. Questo odore dei terpeni non è un odore comune, come quello di altre piante a base di erbe. Infatti, contiene alcune proprietà sorprendenti che sono medicamente adatte per il trattamento di gravi malattie fisiche e mentali, tra cui il cancro e i disturbi neurologici.

    I terpeni della cannabis

    L'effetto dei terpeni della cannabis è in qualche modo simile a quello dei cannabinoidi, un altro elemento della pianta di cannabis. Detto questo, ciò che li separa entrambi sono gli effetti individuali sull'organismo umano. Le persone che hanno usato i terpeni sotto forma di olio per il trattamento di malattie gravi, sostengono che questi ultimi hanno effetti collaterali zero.

    Ti fa sballare?

    does cbd make you high

    Prima di effettuare esperimenti e ricerche scientifiche adeguate, la maggior parte delle persone pensava che i terpeni avessero effetti psicoattivi e di dipendenza sul cervello umano. Tuttavia, grazie alle ultime ricerche e tecnologie, i terpeni sono stati identificati come una fonte biologica sicura di olio che può essere comunemente usato senza bisogno di prescrizione medica.

    Gli effetti dei terpeni

    Una ricerca approfondita sulle differenze tra cannabidiolo, comunemente noto come CBD, e terpeni, ha concluso che a differenza del CBD, i terpeni si legano direttamente con l'endocannabinoide naturale presente nel nostro corpo solo per influenzare le cellule cerebrali che rilasciano dopamina, cioè le cellule del piacere. In questo modo, se i terpeni vengono presi sotto forma di olio o di un dabber, reagiscono con i recettori cerebrali. Questo processo agisce come rimedio al dolore, così come a malattie neurologiche come l'Alzheimer e la sclerosi multipla. Pertanto, i terpeni hanno una grande influenza sul nostro corpo senza produrre effetti collaterali come la dipendenza o un effetto di sballo sul cervello.

    Gli effetti immediati comuni dei terpeni includono:

    1. Sonnolenza
    2. Rilassamento
    3. Sollievo dall'ansia
    4. Migliora la frequenza cardiaca
    5. Migliora l'umore

    Esistono effetti collaterali dei terpeni?

    Il THC è l'ingrediente psicoattivo che si trova anche nella pianta di cannabis e la maggior parte delle persone lo mette in relazione con gli altri elementi della pianta che fanno scaturire un'idea sbagliata. Il THC "sballa" e diventa anche fonte di dipendenza. Tuttavia, i terpeni non contengono ingredienti psicoattivi dannosi per il cervello. Detto questo, quando i terpeni sono consumati, hanno immediatamente un effetto sulle parti del corpo che necessitano di riparazione. I terpeni sono uno dei rimedi naturali e biologici altamente efficaci ai tempi di oggi.

    Come vengono consumati i terpeni?

    Il modo più comune di consumare i terpeni è l'olio di canapa. Tuttavia, i terpeni sono naturalmente presenti in alcuni frutti come i manghi, il che permette all'uomo di consumarlo regolarmente o quotidianamente per mantenere un equilibrio nelle attività mentali dei recettori cerebrali. Inoltre, si dice che i terpeni rilasciano un aroma come quello dei chiodi di garofano e del pepe nero, il cui aroma è insopportabile in circostanze normali. I terpeni potrebbero anche essere assunti sotto forma di olio, capsule, frutta, ecc.

    L'odore dei terpeni ha essenzialmente lo scopo di attirare gli impollinatori e distrarre i predatori, motivo per cui viene anche chiamato "scudo" della pianta naturale della cannabis. I cannabinoidi e i terpeni presenti nella pianta di cannabis sono gli ingredienti naturali più efficaci quando si tratta di curare il cancro e il dolore cronico.

    6. Piante contenenti cannabinoidi

    Cacao (nome botanico: Theobroma cacao)

    Vi siete mai chiesti perché il cioccolato è apprezzato da persone di tutte le età in tutto il mondo? Beh, questo perché il cioccolato è composto da cacao, ricco di sostanze chimiche che scatenano la felicità nel cervello. Questi prodotti chimici includono teobromina, anandamide, triptofano e feniletilamina.

    L'anandamide, un endocannabinoide, è abbondantemente presente nel cacao. Questo endocannabinoide è prodotto naturalmente nel cervello e regola l'umore, la percezione del dolore, la memoria e l'appetito. Oltre a migliorare l'umore, il cacao ha anche altri benefici. Migliora la salute del cervello, accelera il processo di guarigione e aiuta anche a combattere il cancro.

    Per assorbire tutti i nutrienti e i benefici per la salute del cacao, è importante consumarlo nella sua forma grezza e organica. Se mangiate cioccolatini al latte e supponendo che otterrete tutti i benefici del cacao, vi sbagliate. Il latte in polvere aggiunto al cacao nei cioccolatini al latte inibisce l'assorbimento dei nutrienti utili nell'organismo.

    Elicriso (nome botanico: Helichrysum umbraculigerum)

    L'elicriso viene solitamente usato come stabilizzatore dell'umore e antidepressivo. È ricco di cannabigerolo (CBG), che è un fitocannabinoide e si trova comunemente nella pianta della cannabis.

    Gli scienziati hanno scoperto che questa pianta non solo contiene CBG, ma è anche ricca di composti acidi simili ai cannabigeroli.

    L'Helichrysum umbraculigerum è l'unica pianta finora scoperta che contiene CBG.

    In Sud Africa, la gente fuma questa pianta come metodo per scaricare lo stress.

    Pepe Nero (nome botanico: Piper nigrum)

    Il pepe nero è un elemento presente in ogni casa. Sia che lo usiate per condire la vostra bistecca o in un'altra ricetta, questo ingrediente offre sempre di più di un semplice gusto piccante.

    Un importante componente presente nel pepe nero è il beta cariofillene (BCP). Questo composto è presente in molte altre piante ed è noto per le sue proprietà antinfiammatorie.

    La presenza del BCP lo rende adatto ad alleviare il dolore dell'osteoporosi e dell'artrite. Diversi studi suggeriscono inoltre che aiuta a prevenire il cancro e aumenta l'efficacia dei farmaci antitumorali.

    Kava (nome botanico: Piper methysticum)

    La Kava è nota per i suoi effetti ansiolitici e calmanti. Gli abitanti dell'area del Pacifico facevano medicine con le radici della kava. Questa pianta allevia il dolore e ha un effetto sedativo sul corpo.

    Queste proprietà della kava sono dovute alla presenza di un composto noto come kavalattone. Un kavalattone si lega al recettore CB1, che è anche un recettore del THC. Gli scienziati ritengono che questa interazione sia forse la ragione degli effetti ansiolitici della pianta.

    Echinacea (nome botanico: Echinacea)

    L'echinacea è un'erba ben nota che è stata usata per secoli per trattare il raffreddore e l'influenza. Vari studi dimostrano che aiuta anche a ridurre i tempi di recupero, l'ansia e la fatica, l'emicrania e l'artrite.

    Alcune specie di echinacea contengono cannabinoidi, chiamati N-alchilamidi (NAA). Questo composto interagisce con il recettore CB2 del sistema immunitario. Questi recettori sono responsabili del rafforzamento del sistema immunitario, dell'alleviamento del dolore e della regolazione della risposta infiammatoria.

    Il rosmarino

    Come il pepe nero, anche il rosmarino è ricco di beta cariofillene (BCP). È un terpene che agisce proprio come un cannabinoide. Il terpene è responsabile del sapore e dell'aroma delle piante.

    Molti studi hanno rivelato che il BCP possiede un potenziale terapeutico. Possiede anche effetti anti-ansia e antidepressivi. Quando il BCP è combinato con un cannabinoide come il CBD, aiuta nel trattamento delle ulcere dello stomaco e nel recupero dalla dipendenza da aiuti.

    Tartufi neri (nome botanico: Tuber melanosporum):

    Come discusso in precedenza, c'è una differenza tra i cannabinoidi prodotti dalle piante e quelli prodotti dagli animali. Quelli prodotti dalle piante sono noti come fitocannabinoidi, mentre gli endocannabinoidi sono prodotti dagli animali e dall'uomo. Anche se sono simili nel contenuto chimico, presentano qualche differenza.

    Gli scienziati hanno scoperto che i tartufi neri contengono anandamide (AEA). È anche conosciuta come la molecola della beatitudine, che è una versione del THC prodotto nel corpo umano.

    L'anandamide è responsabile della regolazione dell'umore e del dolore nel corpo umano legandosi ai recettori CB1.

    Electric daisy (nome botanico: Acmella Oleracea)

    Electric Daisy è una pianta originaria dell'Amazzonia. Gli abitanti della regione amazzonica la usano da secoli come gel antidolorifico. È anche conosciuta come "la pianta del mal di denti". Uno studio di un team dell'Università di Cambridge rivela che la margherita elettrica blocca i recettori del dolore all'estremità del nervo.

    Il componente responsabile dell'effetto antidolorifico è costituito da N-isobutilammidi. Si lega con il recettore CB2 e aiuta a regolare il dolore e l'infiammazione in tutto il corpo. 

    Marchantiophyta (nome botanico: Radula marginata)

    Questa pianta è originaria della Nuova Zelanda. Contiene un composto noto come acido perrottetinenico, che è come il THC nella struttura. Proprio come il THC, si lega ai recettori CB1 del sistema immunitario.

    Questa pianta è stata usata tradizionalmente per trattare bronchite, problemi al fegato, alla vescica e alla cistifellea.

    Queste sono solo alcune piante i cui composti cannabinoidi influenzano positivamente il sistema endocannabinoide. Gli scienziati stanno facendo ricerche su questo argomento per trovare composti simili ai cannabinoidi più naturali e utilizzarli per trattare diverse condizioni mediche.

    In conclusione, quando si trattano di estratti di cannabis, è fondamentale essere informati prima di acquistare o usare un prodotto. L'industria della cannabis è relativamente nuova e sta vivendo alcuni dei problemi simili di sofisticazione e frode su vasta scala che l'industria dell'olio essenziale e degli estratti tradizionali ha vissuto decenni fa. Il business della cannabis è scollegato dalle imprese più comuni a causa degli ostacoli legali. Le persone hanno un'enorme mancanza di competenze scientifiche e di informazioni sul mondo della cannabis, ma speriamo di svolgere un ruolo importante per aiutarti ad ottenere le giuste informazioni.

    7. Cannabis sativa

    cannabis sativa

    Introduzione alla Cannabis sativa

    La Cannabis sativa è una nota pianta erbacea che proviene da aree vicine all'Equatore in Asia e Sud America, come Messico, Thailandia, Colombia, ecc. Questa pianta è stata ampiamente utilizzata in medicina per secoli. La Cannabis sativa appartiene alla famiglia delle Cannabaceae. La Cannabis sativa è conosciuta come la migliore fonte di fibre. Era ampiamente conosciuta nell'antichità per il suo uso nella linea medica e tessile. Poiché richiedono meno acqua di altre colture, le piante di Cannabis sativa vengono raccolte a un livello record. I prodotti di questa pianta sono olio, semi e fibre, il che significa che è di migliore uso in campi come la nutrizione, il tessile e la medicina.

    Aspetto fisico della Cannabis sativa

    La Cannabis sativa ha un fusto alto e foglie verdi. Le foglie sono colorate in una tonalità di verde chiaro e sono lunghe e strette nella forma. Il suo fiore è sottile, il che significa che la pianta cresce in modo più sano e ha un rischio minore di attacco fungino sul suo fusto. Le sue piante maschili sono più alte di quelle femminili.

    Utilizzi della Cannabis sativa

    I semi di Cannabis sativa vengono usati più comunemente per la produzione di olio di semi di canapa le cui principali applicazioni includono la cottura, la produzione di lampade o la produzione di vernici. I semi di Cannabis sativa sono usati anche come mangime per uccelli perché forniscono la massima nutrizione richiesta agli uccelli.

    I composti chimici psicoattivi che sono contenuti nei fiori di Cannabis sativa, sono utilizzati per molteplici scopi spirituali e in medicina. Secondo fonti storiche, foglie e fiori di Cannabis sativa sono stati utilizzati nella preparazione di unguenti per la pelle, per la preparazione di tè e tinture, ecc.

    In India le foglie e i semi di Cannabis sativa sono un ingrediente principale nella preparazione di ipnotici, tranquillanti, antidolorifici o agenti antinfiammatori.

    Coltivazione di piante di Cannabis sativa

    Nel periodo di crescita vegetativa, la Cannabis sativa richiede da dodici a tredici ore di luce in un giorno. Il periodo di fioritura delle piante di Cannabis sativa dipende totalmente dalle condizioni ambientali.

    Il ciclo di fioritura non può avvenire prima delle prime nove-sedici settimane. Il range di Ph nel terreno della Cannabis sativa dovrebbe essere da 6,3 a 6,8. Ma se si vogliono ottenere i migliori valori nutrizionali dalla pianta di Cannabis sativa, è necessario mantenere il livello di pH nell'intervallo 5,2-5,8. Questo perché in questa gamma il terreno è ostile alla maggior parte dei tipi di batteri e funghi.

    Finalità della coltivazione di piante di Cannabis sativa

    Ci sono tre finalità principali dietro la coltivazione di piante di Cannabis sativa.

    Il primo è quello di ottenere la fibra dagli steli e dai rami della Cannabis sativa (poiché la pianta di Cannabis sativa è una ricca fonte di fibre).

    Il secondo scopo più comune della coltivazione della Cannabis sativa è quello di ottenere i semi da essa. I semi di Cannabis sativa hanno molteplici applicazioni, come detto sopra. Possono anche essere consumati in forma grezza.

    Il terzo scopo della coltivazione delle piante di Cannabis sativa è che sono un ingrediente importante nelle medicine ricreative. Queste droghe ricreative si ottengono come parte del processo di produzione industriale della canapa. In questo processo, la concentrazione di composti noti come psicoattivi è molto bassa, al fine di rendere il prodotto utile e non pericoloso. La marijuana si ottiene anche da piante di Cannabis sativa.

    Finalità medicinali delle piante di Cannabis sativa

    La Cannabis sativa possiede molteplici scopi di natura medicinale e ricreativa. Può essere inalata o assunta con il cibo o nel tè.

    Qui è possibile ottenere maggiori informazioni sui benefici medicinali dell'uso di Cannabis sativa:

    • La marijuana (a base di Cannabis sativa) può essere utilizzata per curare il glaucoma. Il glaucoma è una condizione che colpisce il disco ottico a causa della pressione nel bulbo oculare.
    • L'epilessia può essere curata con Cannabis sativa. L'epilessia è un'anomalia che si verifica principalmente a causa del rilascio irregolare di impulsi elettrici nel cervello.
    • La Cannabis sativa offre una soluzione sia per i disturbi sensoriali che per casi di svenimento.
    • Secondo i risultati di studi recenti, la Cannabis sativa aiuta anche nel trattamento del cancro.

    Effetti collaterali della Cannabis sativa

    Ecco una lista degli effetti collaterali dell'uso di piante di Cannabis sativa:

    • "Sballo" o alterazione del proprio stato di coscienza. Questo significa che la Cannabis sativa può distorcere il livello di percezione della persona che ha consumato la pianta.
    • La Cannabis sativa può aumentare l'appetito.
    • Cannabis sativa può incrementare il livello normale della frequenza cardiaca.
    • Un livello di concentrazione inferiore.

    Le piante di Cannabis sativa sono comuni e si trovano facilmente intorno a te. Nella maggior parte dei casi, vengono coltivate tra le altre colture.

    8. Cannabis Ruderalis

    cannabis ruderalis

    Come probabilmente sapete, la cannabis è una pianta e le sue varietà più comuni sono indica e sativa. Un altro ceppo di cannabis è la ruderalis, che non è così comune. I botanici hanno opinioni contraddittorie sulla cannabis ruderalis come ceppo inusuale o sottospecie. Ci sono molte differenze tra la ruderalis e le altre due varietà di cannabis. Le informazioni dettagliate fornite in questo articolo ti aiuteranno ad acquisire conoscenze sulla ruderalis e ti aiuteranno a piantare o coltivare la pianta.

    Le origini della Cannabis Ruderalis

    La parola "ruderalis" deriva da una parola latina "ruderal" che significa "pianta selvatica". I botanici hanno usato il termine "ruderalis" per definire la sua qualità da coltivare come pianta selvatica e senza l'intervento umano, adattandosi alle condizioni ambientali estreme. Una ruderalis è quindi una pianta che cresce ed è facilmente coltivabile anche in zone abitate da persone o zone che sono state colpite da disturbi naturali, come incendi o valanghe.

    Si ritiene che le specie Ruderalis discendano da specie indica che a loro volta discendono da specie sativa. Quindi, negli ambienti scientifici ci sono accese discussioni sul fatto che le specie ruderalis siano la sottospecie di cannabis o le specie distinte stesse. La pianta ruderalis appartiene alle aree settentrionali dell'Asia, dell'Europa centro-orientale e soprattutto della Russia.

    Caratteristiche della Cannabis Ruderalis

    Le varietà di cannabis sono classificate in base alle loro proprietà. La dimensione, il tempo di crescita, la morfologia e il tempo di fioritura sono le caratteristiche che li distinguono.

    Dimensione della ruderalis

    La Cannabis ruderalis è la varietà di cannabis più corta, che fiorisce solo fino a circa 30 - 80 cm di altezza a piena crescita. Ha un aspetto aspro e ispido, con pochi rami con foglie larghe e grasse di colore verde chiaro. I boccioli che crescono dalla ruderalis sono piccoli ma grossi e hanno steli spessi e robusti. Poiché sono di piccole dimensioni, le ruderalis vengono chiamate anche cannabis "nana" o "bonsai".

    Il tempo di crescita della Cannabis Ruderalis

    Questa caratteristica della ruderalis la distingue da altre varietà di cannabis. Il ciclo di fioritura della ruderalis avviene secondo la maturità della ruderalis. La ruderalis può produrre fiori in circa 20-30 giorni dopo che i semi sono stati piantati, indipendentemente dal ciclo della luce solare. Completa il suo ciclo che va dall'essere un seme alla fornitura di semi in quasi 10 settimane. I semi di ruderalis possono staccarsi facilmente dalla pianta e sopravvivere nel terreno a meno che le condizioni siano favorevoli per una produzione continuativa. I semi della pianta ruderalis continuano a crescere anche se i gusci sono screpolati. Per questo motivo vengono chiamati ceppi autofiorenti. Grazie a questa caratteristica, producono fiori man mano che invecchiano, senza bisogno di vegetare. Questo tratto ha portato all'invenzione di vari ceppi di cannabis geneticamente modificati.

    La concentrazione di cannabinoidi

    La concentrazione del cannabinoide THC che si trova nella ruderalis è relativamente più bassa rispetto ad altre varietà. Per questo motivo, la ruderalis non è considerata adatta per usi ricreativi. Tuttavia, possiede un'alta concentrazione di CBD che la rende un'opzione migliore per essere coltivata per uso medicinale. Il contenuto di CBD, il breve ciclo di crescita, e le proprietà autofiorenti della ruderalis sono ciò che la rende molto preziosa per i coltivatori di cannabis.

    Autofiorente

    La auto-fioritura è la capacità della pianta di crescere e riprodursi a seguito di cambiamenti nella pianta stessa piuttosto che nell'ambiente. Di solito, le piante dipendono dai cambiamenti di stagione e dal clima per potersi coltivare, ma questo non è il caso della ruderalis. Questa è la caratteristica più importante della ruderalis che la distingue dagli altri ceppi. La crescita del ceppo ruderalis dipende dalla sua maturità - il ceppo continua a produrre fiori fino al completamento del loro ciclo riproduttivo.

    Le varietà ruderalis non hanno bisogno della luce per crescere e non dipendono da un ciclo di esposizione alla luce, a differenza delle varietà indica e sativa. I selezionatori hanno incluso questi geni autonomi nei cicli di fioritura di altri ceppi. Di conseguenza, si producono ceppi più efficaci e prolifici.

    Le piante autofiorenti hanno evoluto il processo di ibridazione e coltivazione. Questa proprietà della ruderalis permette ai coltivatori di essere negligenti nella coltivazione perché la pianta si prende cura di se stessa - non richiede molta luce, e presenta periodi di semina e raccolto più brevi. Così, è considerata molto popolare per la coltivazione domestica da parte di coltivatori principianti e ha creato un boom nel mondo della cannabis.

    Una delle più famose varietà autonome di cannabis a fioritura autonoma si chiama Amnesia Haze, che è di dimensioni ridotte e cresce fino all'intera lunghezza per circa 10 settimane. Questa versione di Amnesia Haze è una delle favorite della sativa. La Royal Haze Automatic è un'altra varietà popolare per le stesse ragioni di Amnesia Haze - tempi di crescita brevi, dimensioni ridotte e proprietà facili da coltivare. La Royal Bluematic è una varietà dall'odore dolce e dal sapore di mirtilli. È pronta per la raccolta in 8-10 settimane. La Northern Light Automatic, un'altra varietà ruderalis, ha un sapore dolce e un effetto rilassante. Questo ceppo ha raggiunto grandi vette di popolarità grazie al suo breve periodo di raccolta e alle gigantesche rese.

    La cannabis ruderalis viene ampiamente utilizzata dai coltivatori di cannabis per i suoi benefici in termini di qualità, così come per la produzione di altri ceppi straordinari in termini di sapore, contenuto e caratteristiche colturali. Questo ha contribuito allo sviluppo di vari ceppi di cannabis.

    9. Harlequin

    Harlequin

    Harlequin è una sativa 75/25 che ha un dolce profumo di mango muschiato. È famosa per l'elevata potenza del CBD che la rende una varietà affidabile da utilizzare a fini terapeutici. È stato riportato che il ceppo può far rilassare i suoi utilizzatori mantenendoli presenti a livello mentale. Il rapporto di CBD e THC nella Harlequin è 5:2, il che significa che è un ceppo ideale di cannabis per scopi medicinali. Aumenta di 2 volte la forza antidolorifica del ceppo. Rilassa il corpo senza sedazione o intossicazione. Ecco tutto quello che c'è da sapere su questo ceppo.

    Origini, genetica e storia del ceppo Harlequin CBD

    Si tratta di un ceppo ibrido che deriva da una combinazione di piante, tra cui:

    1. Thai Sativa
    2. Columbia Gold
    3. Swiss Sativa
    4. Nepali Indica

    Questa è una sativa coltivata con molta attenzione. Viene comunemente coltivata per scopi medici e alcuni la usano anche per scopi ricreativi. Una volta che si inizia a usare lHarlequin non si diventa dipendenti o "couck locked". Tuttavia, è importante evitare qualsiasi tipo di sovraesposizione al ceppo.

    Harlequin ti aiuta a risolvere qualsiasi tipo di sovraeccitazione e ad evitare qualsiasi sovrastimolazione nel tuo corpo. Aiuterà a contenere qualsiasi tipo di irritazione psicomotoria. L'Harlequin è un'opzione interessante per i trattamenti perché contiene THC ma è anche efficace contro diversi tipi di crisi. La ragione per cui Harlequin è un ceppo ibrido unico è che è una combinazione di vari ceppi e ha molti benefici terapeutici.

    Aspetto e odore

    La pianta ha un fusto più alto rispetto ad altre varietà. Le foglie sono verdi e hanno boccioli verdi, tricomi gelidi e pistilli arancioni. L'odore è generalmente floreale ed erbaceo. Ha un accenno di mango, agrumi, quercia, dolcezza, spezie e legno.

    Benefici terapeutici della Harlequin

    In qualità di cannabis terapeutica, Harlequin presenta livelli di THC fino al 15%. Anche i suoi livelli di CBD raggiungono il 15%. Questo la rende la varietà ideale per scopi medicinali. Harlequin è un ingrediente prezioso nel trattamento di alcuni tipi di epilessia, in quanto l'epilettico reagisce bene al trattamento con il CBD. Nei tipi giovanili di epilessia, si utilizzano regolarmente tipi di varietà di erba che contengono THC prossimo allo zero. Il THC è vitale nel trattamento delle crisi epilettiche derivanti da agonie e disforia.

    Harlequin è il ceppo ideale per gli adulti i cui specialisti prescrivono un preliminare di erba per curare la loro malattia e il dolore. L'erba Harlequin, ad esempio, può curare i dolori muscoloscheletrici. Nonostante i livelli di THC non siano elevati, il 15% di THC è sufficiente per dare un aiuto efficace in caso di disagio senza i sintomi del "couch lock" o della tensione.

    Harlequin è una Sativa e come tale, tonifica il cervello. I segnali di agonia da condizioni come mal di schiena, sciatica, dolori al collo, dolori al polso, dolori ai piedi e diversi tipi di dolori muscolari e spasmi potrebbero essere disturbati dalla capacità di abbattimento del dolore della cannabis riparativa Harlequin. Il livello di CBD di Harlequin riduce l'irritazione che è la causa del dolore. Il CBD diminuisce il dolore a lungo termine, anche dopo che gli impatti di base dell'erba si sono esauriti.

    La cannabis riparatrice Harlequin può anche avere la capacità di trattare manifestazioni legate all'ADD e all'ADHD. Il disturbo psicomotorio, presente in queste condizioni, può essere alleviato attenuando gli impatti del cannabidiolo. Nel frattempo, l'assenza di concentrazione può essere aumentata dagli impatti delle qualità ereditarie della Sativa e del THC, che può potenziare e migliorarle.

    Anche la cannabis Harlequin può essere utile contro gli attacchi di malessere e sofferenza. La capacità del CBD di ridurre l'irritazione può aiutare a combattere lo sconforto che è causato dall'autoimmunità e dall'aggravamento della mente, dell'intestino e del sistema sensoriale. Nel frattempo, gli impatti della Sativa possono affrontare gli effetti collaterali della sonnolenza e l'assenza di ispirazione.

    Poiché il suo consumo non provoca torpidità, couchlock, tensione o nevrosi, l'Harlequin è un metodo ideale per combattere la nausea. L'erba Harlequin può trattare quest'ultima senza causare reazioni brutali.

    L'erba ristoratrice Harlequin può anche aumentare la fame. L'erba Harlequin può aumentare le voglie senza i sintomi di altri ceppi. Non provoca voglie sconvolgenti o eccessive ed estreme. In ogni caso, avrai la maggior parte delle tue capacità durante l'utilizzo di questa erba. La tua mente sarà limpida e dinamica. 

    10. Katelyn Faith

    katelyn faith

    Recentemente, nel 2015, un produttore di cannabis autorizzato in Minnesota ha affermato di aver prodotto il ceppo di marijuana medica con il più alto contenuto di CBD al mondo. Il Minnesota Medical Solutions o MinnMed, con sede a Otsego, ha annunciato che il loro ceppo di cannabis medica si dice che abbia il rapporto di CBD a THC di 34:1, secondo test di laboratorio indipendenti.

    Alla varietà fu dato il nome di "Katelyn Faith" dalla MinnMed, in onore di una bambina di 8 anni, Katelyn Faith Pauling, morta per la malattia di Battens. I suoi genitori hanno combattuto per ottenere l'accesso alla cannabis allo scopo di curare le sue crisi. Katelyn Faith è morta pochi mesi prima che lo stato stabilisse le leggi sulla cannabis medica.

    La varietà Katelyn Faith e altre

    La varietà Katelyn Faith è la varietà di cannabis che ha il più alto contenuto di CBD, in precedenza questo titolo era stato attribuito alla varietà Charlotte Web, che aveva un rapporto CBD a THC di 20:1.

    Proprietà della varietà Katelyn Faith

    La varietà Katelyn Faith è stata coltivata mediante una ricerca sulla germinazione che è stata condotta nell'arco di pochi mesi. Il CEO di MinnMed Kyle Kingsley ha detto che questo è un ceppo con uno straordinario contenuto di CBD, anche se questa affermazione è ancora difficile da verificare con certezza perché i test non sono trasparenti e rigorosi come dovrebbero essere.

    Non c'è nessun tipo di modificazione genetica apportata nello sviluppo di Katelyn Faith. Il metodo di estrazione utilizzato per questo CBD di alta qualità significa che le molecole di anidride carbonica devono essere sottoposte ad alta pressione e a bassa temperatura, il che richiede attrezzature molto costose.

    Affermazioni sulla varietà Katelyn Faith

    Kingsley ha detto che hanno chiamato questo ceppo in nome di Katelyn per dare un tributo al coraggio della ragazza, e ha aggiunto che lo sforzo non avrebbe curato la malattia di Katelyn Faith, ma avrebbe potuto aiutarla a rendere migliore la qualità della sua vita.

    È stato anche rivelato che Katelyn Faith non ha effetti inebrianti. Kingsley ha detto che non c'è abbastanza THC in questa pianta per produrre intossicazione, quindi il ceppo fornisce i massimi benefici ai pazienti che soffrono di epilessia e convulsioni.

    La società è invitata a fornire la varietà a tutti i pazienti che soddisfano i requisiti. Le condizioni di qualificazione in Minnesota dipendono dalle malattie. I pazienti con cancro, crisi epilettiche, HIV/AIDS, glaucoma, sindrome di Tourette, SLA, spasmi muscolari o malattie con dolore lancinante possono ottenere benefici dal ceppo Katelyn Faith.

    L'azienda ha aggiunto che questo ceppo li aiuta a creare farmaci con CBD più efficaci e riduce i costi per tutti i pazienti dei dispensari MinnMed. L'abbassamento dei prezzi è dovuto all'ampia disponibilità del ceppo Katelyn Faith.

    L'azienda è stata stimolata dal numero di pazienti, provenienti da diverse parti del paese verso il Minnesota, al fine di ottenere benefici da questo ceppo. I pazienti epilettici e altri pazienti che usano farmaci convenzionali per le loro malattie come le crisi epilettiche avranno anche il vantaggio di ottenere il CBD ad un prezzo accessibile.

    La maggior parte degli esperti di cannabis dice che il CBD richiede un piccolo contenuto di THC per produrre i risultati desiderati. David Kowalsky di Cannabis Network Radio ha detto che quando si parla di uso medicinale della cannabis, dobbiamo assicurarci di usare la pianta nel suo complesso. L'intera medicina vegetale è più efficace nel trattamento delle malattie, ma le persone stanno eliminando il contenuto di THC che assomiglia solo alla pasta di canapa. Kingsley della MinnMed ha anche detto che la divisione 50-50 di CBD e THC è comune tra gli utenti, e mentre molti usano la combinazione di entrambi, ha aggiunto che i pazienti della malattia di Batten e dell'epilessia hanno maggiori probabilità di ottenere i maggiori benefici dalla varietà Katelyn Faith. 

    11. ACDC

    La cannabis viene utilizzata per una varietà di scopi che includono fini ricreativi e medici. Al fine di ottenere il massimo da questa pianta, i coltivatori non vedono l'ora di sviluppare varietà che forniscano il maggior numero possibile di benefici.

    La cannabis indica e la sativa sono le varietà di cannabis più comuni e una delle varietà di cannabis più pure. Un'altra categoria di ceppi di cannabis include ibridi che possiedono le qualità di entrambi i ceppi sopra menzionati. La maggior parte dei ceppi che i coltivatori di cannabis stanno coltivando oggi appartengono alle specie ibride di cannabis.

    Le piante di cannabis o di marijuana hanno molto di più da offrire che non solo per sballare o rilassare. Queste meravigliose piante sono anche un ottimo modo per trattare una serie di condizioni mediche - un esempio è il CBD, un composto che si trova nella cannabis, che sta gradualmente guadagnando popolarità per i suoi benefici medicinali.

    I coltivatori e i ricercatori stanno coltivando ceppi di cannabis che contengono sempre più CBD rispetto ad altri cannabinoidi presenti nel ceppo. Questo ha portato alla scoperta di molti ceppi di cannabis ricchi di CBD, come Cannatonic, ACDC, Charlotte's web e Katelyn Faith.

    Cos'è l'ACDC?

    Per poter comprendere cos'è l'ACDC devi essere a conoscenza di Cannatonic. Cannatonic è uno dei ceppi iniziali sviluppati allo scopo di curare le condizioni mediche. L'ACDC è una sostanza con un fenotipo sativa-prominente di Cannatonic che contiene una quantità ancora maggiore di CBD pur avendo il minor contenuto possibile di THC, il che significa che il suo effetto medicinale è più forte delle sue proprietà psicoattive.

    Caratteristiche dell'ACDC

    L'ACDC ha ricevuto un enorme consenso per le sue prestazioni mediche. Le seguenti caratteristiche lo distinguono dagli altri ceppi:

    1. Rapporto di CBD

    La ragione principale della popolarità dell'ACDC è il suo rapporto di CBD. Con tua grande sorpresa, è stato dimostrato che l'ACDC ha un rapporto CBD-THC di 20:1. Quando l'ACDC è stato testato in laboratorio, il campione conteneva il 16-24% di CBD pur avendo solo lo 0.5-1.2% di THC, il che lo rende un'alternativa migliore di Cannatonic nel contesto dei suoi vantaggi medici.

    Se vuoi provare un po' di effetto psicoattivo, Cannatonic è l'opzione migliore per te. Il suo contenuto di THC è del 6%. Però, se sei interessato solo ai benefici medicinali della pianta, allora l'ACDC è sicuramente la risposta - non compromette le capacità di pensare o lavorare.

    2. Aspetto e aroma dell'ACDC

    L'ACDC è simile ad un embrione in stile muschio con sfumature giallo-verde e abbinato a strisce arancioni. A causa del bassissimo contenuto di THC, i pistilli arancioni sono arricciati e avvolti nelle foglie di zucchero e non sono molto gelidi.

    Il sapore e l'odore dell'ACDC sono entrambi molto piacevoli. Ha un sapore dolce con un sapore piccante, e il profumo è legnoso e piccante. L'ACDC è preferito dai pazienti che soffrono di epilessia, ad esempio, che sono allergici agli odori sgradevoli.

    3. Struttura della pianta

    ACDC è di media altezza e cresce circa fino a 4 piedi di altezza. La struttura della pianta consiste in ceppi di skunk e grandi grappoli che sono raggruppati insieme, conosciuti come "colas". Coltivare l'ACDC richiede molto tempo e responsabilità. Ha bisogno di un forte supporto a cui i grandi grappoli possono appendersi. La pianta non è inoltre resistente ai parassiti o alle malattie, quindi un'osservazione attenta è vitale.

    Può essere coltivata all'interno o all'esterno, ma in genere si preferisce l'interno perché l'ambiente può essere controllato e la pianta può essere tenuta lontana da pesticidi e malattie. L'ACDC può essere coltivata in natura in condizioni di caldo o di freddo moderato, ma un clima molto freddo può aumentare il tempo di fioritura. Il tempo di crescita della pianta sia all'interno che all'esterno è di circa 9-10 settimane, ma se coltivata all'interno fornisce una resa maggiore.

    4. Effetti dell'ACDC

    Le varietà ACDC vengono prodotte con semi di resina e il rapporto indica e sativa è di 50:50, il che significa che possiede le caratteristiche di entrambe le varietà. Anche se non produce effetti psicoattivi, dopo il consumo di ACDC ci si può sentire un po' più rilassati e senza stress, gli utilizzatori hanno anche riferito che dopo aver fumato un po' di ACDC hanno assistito ad una maggiore capacità di concentrazione.

    5. Benefici medici

    Grazie al suo elevato contenuto di CDB, l'ACDC ha benefici medici, legati al trattamento di condizioni come convulsioni, spasmi muscolari, dolori cronici o dolori nervosi. Può anche aiutare a gestire lo stress e l'ansia e fornisce un miglioramento dell'umore. Rapporti e ricerche hanno stabilito che l'ACDC può guarire e fornire un effetto calmante anche in condizioni gravi come cancro, epilessia, sclerosi multipla o tremori.

    6. Effetti collaterali dell'ACDC

    Anche se non altera le capacità di pensiero di una persona grazie al basso contenuto di THC, l'unico effetto collaterale con cui l'ACDC è stato collegato è la bocca secca. La bocca secca può essere facilmente controllata attraverso la somministrazione di molti liquidi prima e dopo il consumo di ACDC. Una piccola preparazione può essere utile per eliminare questo effetto collaterale.

    12. Conclusione

    Speriamo che dopo aver letto questo articolo capirai la differenza tra canapa e marijuana, l'importanza dei terpeni e le caratteristiche molto diverse dei ceppi più diffusi.

    Fa Formula Swiss utilizziamo principalmente un ceppo basato sul Futura 75, che riteniamo superiore ai ceppi sopra descritti, e lo abbiamo ulteriormente migliorato. I dettagli esatti sono proprietari.

    Questo articolo è stato scritto da un autore indipendente e di terze parti specializzato nella ricerca su CBD, canapa e cannabis. Qualsiasi opinione, consiglio o raccomandazione espressa nell'articolo non riflette l'opinione di Formula Swiss AG o dei nostri dipendenti. Non facciamo alcuna affermazione su nessuno dei nostri prodotti e rimandiamo al nostro disclaimer per ulteriori informazioni.

    35 minuti di lettura

    Leggi di più

    Join our our newsletter to get a free welcome gift