Il CBD allevia il dolore e l'infiammazione

3 minuti di lettura

Il CBD allevia il dolore e l'infiammazione

Sembrerebbe che viviamo in un periodo in cui passiamo da un'emergenza per il benessere a quella dopo. Oltre ai microbi resistenti alle tossine e alle infestazioni da oppioidi, abbiamo anche delle interminabili infiammazioni. C'è stato un cambiamento decisivo nei nostri piani per il controllo del peso, nello stile di vita e nella disponibilità del cibo, e il risultato è stata una diminuzione della salute generale.

L'infiammazione è la risposta naturale del nostro corpo alle cellule dannose e agli agenti patogeni. Agisce come misura protettiva contro il danno subito inizialmente dal sistema immunitario. Abbiamo bisogno di un nuovo modo per combattere il problema, dato che i prodotti farmacologici non riescono a portare a termine il lavoro. Può il CBD essere la nostra arma segreta contro l'infiammazione?

Come può il CBD aiutarmi con l'infiammazione?

Il CBD viene associato da tempo a caratteristiche antinfiammatorie e immunosoppressive, e il clamore per questo cannabinoide si è esteso sostanzialmente da quando l'FDA lo ha dichiarato come integratore alimentare.

I due recettori principali dei cannabinoidi nel sistema nervoso sono CB1 e CB2. Mentre il THC è più efficace quando si tratta del CB1 (controlla la percezione, l'umore, il sonno, la memoria e l'appetito), il CBD ha un maggiore impatto sul recettore CB2 (che influenza il sistema immunitario). Poiché l'infiammazione è una "risposta immunitaria", è indispensabile che qualsiasi componente si concentri sul recettore CB2 per diminuire il suo aggravamento. Mentre il CBD non è l'unico componente noto della cannabis ad attivare il recettore CB2, è il più diffuso. (1)

Benefici del CBD per il dolore

Le prove suggeriscono che i cannabinoidi possono dimostrarsi utili nella modulazione del dolore inibendo la trasmissione nervosa nei percorsi del dolore. Uno studio del 2012 pubblicato sul Journal of Experimental Medicine ha scoperto che il CBD sopprime in modo significativo il dolore cronico-infiammatorio e neuropatico cronico nei roditori senza causare tolleranza analgesica. I ricercatori suggeriscono che il CBD e altri componenti non psicoattivi della marijuana possono rappresentare una nuova categoria di agenti terapeutici per il trattamento del dolore cronico. (2)

Secondo una meta-analisi del 2007 condotta in Canada, una combinazione di CBD e THC spray orale è risultata efficace nel trattamento del dolore neuropatico nella sclerosi multipla, che può essere debilitante per il 50-70% dei pazienti con SM. (3)

Dolore da artrite

Un'indagine (4) dell'European Journal of Pain ha utilizzato un modello di una creatura per accertare se il CBD potesse consentire alle persone affette da artrite di controllare il dolore. Gli specialisti hanno applicato un gel topico contenente CBD a ratti affetti da artrite per 4 giorni.

La ricerca ha evidenziato un forte calo dell'aggravamento e degli indicatori del dolore, senza sintomi collaterali.

Dolore cronico

Uno studio (5) del Journal of Experimental Medicine suggerisce che il dolore e l'infiammazione possono essere ridotte mediante l'uso del CBD.

Hanno anche constatato che i soggetti non avevano la tendenza a sviluppare una tolleranza agli effetti del CBD, quindi non avrebbero avuto bisogno di aumentare continuamente la dose. I ricercatori hanno notato che i cannabinoidi come il CBD potrebbero essere un nuovo trattamento utile per le persone affette da dolore cronico.

Pensieri finali sul CBD per l'infiammazione e il dolore

L'infiammazione e il dolore sono due fattori estremamente dolorosi e fastidiosi. Anche se le pillole possono nuocerti perché possiedono degli effetti collaterali e hanno solamente effetti positivi temporanei, il CBD è completamente naturale e può aiutarti per un periodo più lungo.

Riferimenti

(1) https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2828614/

(2) https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22585736

(3) https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17257464/

(4) https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4851925/

(5) https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3371734/


Lascia un commento

I commenti verranno approvati prima di essere pubblicati

Join our our newsletter to get a free welcome gift