Spedizione veloce in Italia con UPS: 2-3 giorni lavorativi per € 12. Gratuita da € 150.

Cannabis e CBD

L'olio di CBD è migliore delle capsule di CBD

L'olio di CBD è migliore delle capsule di CBD

La varietà di farmaci disponibili sul mercato rende difficile per l'acquirente decidere quale sia il modo migliore per conseguire risultati efficaci. Data la crescente consapevolezza delle masse, molte persone dicono addio alle medicine dannose a causa dei loro pericolosi effetti collaterali e sperimentano i nuovi elementi naturali di recente introduzione per migliorare la salute.

Mentre alcuni si rifiutano di credere ai miracoli degli elementi biologici, molti ne hanno già beneficiato, curando e prevenendo varie malattie. Tra le medicine naturali popolari e impopolari, l'olio di CBD e le capsule di CBD sono due delle più vantaggiose in termini di ottenimento di risultati utili e desiderabili.

Il motivo per cui l'olio di CBD e le capsule sono diventati un fenomeno comune nel mondo medico, ciò è dovuto al successo e alla comprovata ricerca che dimostra che vale la pena di provare il farmaco una volta nella vita solo per convincersi dei suoi effetti estremamente pratici.

Tuttavia, a seguito del dibattito sul perché il CBD è migliore degli altri elementi naturali e sul suo dosaggio, la domanda più importante posta dai consumatori abituali è la differenza funzionale tra l'olio di CBD e le capsule per una migliore comprensione di entrambi i metodi e un risultato più efficace.

Come viene prodotto l'olio di CBD?

L'olio di CBD è composto di CBD, un componente naturale che si trova nella pianta di cannabis insieme agli altri elementi. Il CBD viene estratto dalla piante con l'aiuto di speciali tecniche manuali in quanto le macchine potrebbero danneggiarne la vera essenza. Il CBD estratto viene poi miscelato con un olio biologico per ottenere una preziosa e utile combinazione per ottenere i massimi benefici. L'olio di CBD viene solitamente combinato con l'olio d'oliva, essendo il migliore tra gli altri; tuttavia, alcune aziende utilizzano anche altri tipi di oli naturali per lo stesso scopo.

Detto questo, non è più necessario che l'olio di CBD venga preparato a mano perché gli esperti medici hanno introdotto nuovi metodi avanzati che sono stati in grado di estrarre il CBD dalla canapa di cannabis con l'aiuto di attrezzature e strumenti. Questo è il motivo per cui il petrolio è un piuttosto costoso a seconda dell'azienda.

Inoltre, l'olio di CBD viene spesso confuso con l'olio di canapa che viene utilizzato per un altro scopo. Mentre l'olio di CBD viene estratto dalla canapa della pianta di cannabis, la canapa stessa contiene un altro elemento noto come THC che ha proprietà psicoattive.

Pertanto, è importante assicurarsi che l'olio che si sta acquistando per curare la malattia deve essere di CBD perché, in caso contrario, la canapa o altri tipi di olio potrebbero influenzare la mente e il corpo.

Cosa sono le capsule di CBD?

A differenza dell'olio di CBD e della sua preparazione, le capsule di CBD hanno un metodo di creazione completamente diverso. Le capsule sono costituite da un gel morbido che è CBD puro estratto dalla canapa della pianta di cannabis. Anche se è necessario combinare ogni farmaco con ingredienti diversi per ridurre la concentrazione, le capsule di CBD contengono anche altri elementi, ma la quantità di CBD è sempre superiore a qualsiasi altro.

Questo è il motivo per cui molte persone che vogliono risultati rapidi preferiscono assumere le capsule perché, secondo loro, producono effetti superiori rispetto all'olio di CBD.

Molti scienziati e medici negano questa teoria e sostengono che anche le capsule di CBD sono realizzate con olio CBD, con l'unica differenza che il loro consumo è più facile di quello dell'olio, che potrebbe anche essere la ragione principale della loro crescente popolarità.

Tuttavia, secondo la ricerca, le capsule di CBD hanno uno strato esterno di ingredienti vegani utilizzati per formare la capsula, che provoca un ritardo nel ritmo di assorbimento dell'olio che funge da barriera. Questo significa che mentre l'olio di CBD viene consumato direttamente mettendolo sotto la lingua, le capsule non sono così pure da poter reagire correttamente alle parti del corpo interessate.

Perché l'olio di CBD è migliore delle capsule di CBD?

Ecco alcuni dei motivi per cui l'olio di CBD è migliore delle capsule di CBD.

  1. Contatto diretto con il corpo:

A differenza delle capsule che hanno uno strato esterno separato di un elemento diverso, l'olio CBD viene consumato direttamente senza alcun impedimento. Dovrebbe essere posizionato sotto la lingua, in modo che poi possa entrare nel corpo e reagire efficacemente. Inoltre, la quantità di concentrazione nell'olio di CBD è maggiore di quella delle capsule, il che significa che produrrà alcuni risultati positivi nel tempo minimo. Il CBD è un ingrediente completamente sicuro da consumare per il trattamento di diverse malattie, quindi non c'è bisogno di preoccuparsi del suo alto livello di concentrazione nell'olio.

  1. La concentrazione del CBD:

Oltre alla concentrazione di CBD nell'olio, possiede anche alcune sorprendenti qualità dell'olio naturale e biologico con cui viene mescolato per creare una composizione . Questo è il motivo per cui molte persone che hanno fiducia nell'olio d'oliva tendono ad essere più convinti degli effetti pratici dell'olio perché più gli ingredienti sono utili, migliore è il risultato. Questo è anche uno dei motivi per cui l'olio CBD è più popolare tra le aziende di marketing che promuovono il prodotto giusto con i massimi benefici.

  1. La giusta dose:

Mentre la dose di capsule di CBD resta non identificata, l'olio di CBD può essere facilmente consumato nel dosaggio corretto. Questo perché, sebbene l'azienda indichi la quantità di olio presente nelle capsule, la loro potenza rimane un mistero. Occorre considerare che la dose di CBD è molto precisa come suggerito da esperti di salute medica, ad esempio, 1-6 mg per 10 libbre di peso corporeo.

La dose di CBD sotto forma di olio è a disposizione dell'utilizzatore, mentre le capsule hanno una quantità fissa dell'elemento che lascia il consumatore incerto sulla loro efficacia. Pertanto, l'olio di CBD è un'opzione migliore delle capsule di CBD per constatare un risultato rapido e utile.

Fonti

https://www.quora.com/What-is-the-difference-between-CBD-capsules-and-CBD-oil

https://medterracbd.com/blogs/news/cbd-oil-vs-gel-capsules

http://www.chronictherapy.co/hemp-oil-vs-cbd-oil-whats-the-difference-2/?age-verified=4a7a30f6c4

4 minuti di lettura

Leggi di più
Come i chiropratici utilizzano il CBD nei loro trattamenti

Come i chiropratici utilizzano il CBD nei loro trattamenti

Secondo un recente rapporto della National Marijuana Law Reform Organization, più di 14 milioni di americani che fumano regolarmente CBD. Ciò significa che la marijuana, o CBD, è la terza droga più comunemente usata negli Stati Uniti.

All'inizio, le persone usavano la cannabis per il sollievo che offriva loro, ma adesso la maggior parte delle persone la consuma per i suoi benefici medici derivati. Ecco perché il CBD viene ora introdotto in diversi prodotti per aiutare le persone a consumare o applicare facilmente il prodotto nel modo desiderato.

Recentemente, è stato scoperto che esistono diversi chiropratici che intendono usare il CBD mentre curano i loro pazienti e ci sono alcuni chiropratici che stanno già praticando l'uso del CBD. Ecco alcuni dei modi comuni con cui usano il CBD per trattare i loro pazienti.

CBD in modo topico per il dolore superficiale.

L'obiettivo primario dei chiropratici è quello di aiutare i pazienti che devono affrontare diversi tipi di dolore associato alla colonna vertebrale e alla schiena. Sono molte le persone che soffrono di dolori superficiali dovuti a malattie, affaticamento o altri problemi. I chiropratici spesso suggeriscono a questi pazienti di utilizzare prodotti con CBD. Esistono creme con CBD e altri prodotti che si possono applicare sulla parte dolorante del corpo.

È perfetto per il dolore superficiale perché non solo allevia il dolore, ma non ha effetti collaterali associati alle creme con base chimica disponibili sul mercato. Alcuni chiropratici si basano su questi argomenti perché hanno visto risultati positivi nella maggior parte dei loro pazienti. Il rilassamento dei muscoli migliora il flusso sanguigno in modo che il paziente non dovrà affrontare il dolore.

Olio di CBD per massaggi profondi.

La maggior parte dei pazienti soffre di dolore non superficiale. Di solito ciò è dovuto a causa della compressione dei nervi o della formazione di nodi nei muscoli, causando dolori profondi nei muscoli difficili da localizzare, ma che sicuramente influenzano le attività della vita quotidiana.

Per far fronte a questa situazione, i chiropratici suggeriscono spesso l'uso di olio di CBD. Massaggiando la zona dolorante l'olio viene assorbito nella pelle e aiuta a trattare la zona che è la causa del dolore. Gli esperti utilizzano speciali movimenti della mano per assicurarsi di poter stimolare i muscoli per rimuovere i nodi o rilasciare i nervi per alleviare il dolore. Questo aiuta a migliorare le condizioni generali del paziente. Questo, insieme all'uso di olio di CBD contribuisce a migliorare il recupero.

Tintura di CBD per i problemi muscolari.

È stato recentemente scoperto che molte persone hanno a che fare con dolori lombari. La causa comune di questo problema è la cattiva postura e la mancanza di esercizio fisico. Questo è il motivo per cui i chiropratici raccomandano ai loro pazienti di utilizzare le tinture. Si tratta di integratori con CBD che vengono somministrati per via orale.

  1. Ci sono alcuni prodotti che bisogna tenere sotto la lingua.
  2. Entrano nel flusso sanguigno e raggiungono l'area interessata.
  3. Stimolano i recettori del rilassamento in quella zona e inibiscono i recettori del dolore. In questo modo, il paziente non dovrà sentire alcun tipo di dolore.

Le tinture si sono rivelate efficaci in molti casi perché hanno aiutato i pazienti ad essere talmente rilassati da non sentire nemmeno le tecniche di mobilizzazione e manipolazione che i chiropratici stavano usando per trattare i muscoli e le articolazioni. Il CBD ha reso il processo di trattamento più facile per i pazienti e i chiropratici.

Vapore di CBD per l'ansia

Sappiamo già che ci sono molte persone che stanno già usando il vapore di CBD per rilassarsi. Tuttavia, i chiropratici sono stati in grado di constatare che ci sono molti pazienti che devono affrontare problemi muscolari e dolori indotti da ansia e stress. Quando si manifesta ansia o attacchi di panico, tutti i muscoli del corpo si contraggono. I pazienti spesso hanno difficoltà a rilassarsi. Ecco perché quando i muscoli non possono tornare alla loro posizione originale, i pazienti tendono a soffrire di dolore.

A parte tutte le altre tecniche di cura, i chiropratici suggeriscono a questi pazienti di utilizzare il vapore di CBD, in quanto li aiuta con la loro ansia. Con un ridotto stress, i pazienti non sentono alcun dolore nel loro corpo. Così molti pazienti sono stati aiutati di recente.

Capsule di CBD per il controllo del dolore e di altri disturbi.

Ecco perché consigliano ai pazienti di assumere capsule per un po' di tempo per assicurarsi che il dolore possa essere controllato e alleviato. Dopo di che, suggeriscono ai pazienti di muovere i muscoli e le ossa in modo che i muscoli tornino nella loro posizione originale. Una volta fatto ciò, gli esperti a volte suggeriscono che i pazienti debbano continuare ad assumere capsule di CBD, in modo da non avere a che fare nuovamente con il dolore.

Concludendo

I chiropratici garantiscono l'utilizzo dei migliori prodotti di CBD disponibili sul mercato. Utilizzano solo prodotti certificati e affidabili per garantire che i loro pazienti non debbano fronteggiare effetti collaterali. Alcuni esperti sono persino pronti a produrre i propri prodotti per infusione certificati CBD per essere sicuri che i loro pazienti ricevano i prodotti migliori e più affidabili da applicare ai loro corpi.

Fonti

https://www.chiroeco.com/cbd-topicals-incorporate-chiropractic-practicelegally/

http://www.healtheducationresearch.com/?p=106

https://hempmedspx.com/chiropractors-guide-cbd-2/

https://receptranaturals.com/chiropractic-cbd-oil-receptra/

4 minuti di lettura

Leggi di più
Quali celebrità utilizzano il CBD?

Quali celebrità utilizzano il CBD?

La popolarità del CBD è in rapido aumento e adesso ha raggiunto le stelle. Sappiamo che le celebrità lavorano duramente per mantenere una buona reputazione nel settore. Devono mostrare ai loro fan che sono persone buone perché sono fonte di ispirazione per milioni di fan. Un solo passo falso e la carriera degli attori ne risente.

Di recente, è stato scoperto che molti attori hanno utilizzato l'olio di CBD. Usano il prodotto per via dei benefici medici che ne derivano. Sono consapevoli del fatto che il CBD non ha effetti psicotici e può aiutare ad alleviare il dolore. La maggior parte delle celebrità assume CBD ma lo tengono nascosto, tuttavia, alcuni di loro hanno dichiarato esplicitamente di farne uso. Qui abbiamo l'elenco degli attori più importanti, che assumono CBD.

Whoopi Goldberg

Whoopi Goldberg è un'attrice e comica top, che ha intrattenuto i fan per molti anni. Tuttavia, i problemi di salute possono spingere chiunque ad abbandonare il proprio lavoro. È successo qualcosa di simile a Whoopi Goldberg e per questo motivo non è stata in grado di garantire le migliori performance. Proprio come molti altri pazienti, i farmaci e le cure non sono state efficaci ed è per questo che ha pensato che non sarebbe riuscita a curarsi.

Tuttavia, come ultima spiaggia ha iniziato ad assumere CBD. L'ha aiutata ad affrontare tutti i problemi di salute che ha dovuto affrontare. Era così sorpresa degli effetti positivi del CBD che voleva presentare i propri prodotti. Sostiene che i prodotti per fumatori che sta presentando aiuteranno a curare i seguenti problemi:

  1. Fastidio
  2. Stress
  3. Dolore
  4. Pressione
  5. Glaucoma
  6. Dolori mestruali
  7. Dolore nervoso
  8. Altri problemi della salute

Nate Diaz

Nate Diaz è un ex campione UFC che ha usato a lungo la penna vape e lo ha ammesso di recente. Rimarrete sorpresi sapendo che quando ha confessato di fumare con le penne vape ha suscitato un enorme clamore nell'industria. Gli organizzatori e i tifosi non erano ancora pronti ad accettare il fatto perché pensavano che fosse illegale. Nessuno era pronto a chiedergli cosa fumava con le penne vape. Tuttavia, in una delle sue conferenze, quando gli è stata fatta la domanda su cosa stava assumendo con la penna vape, ha affermato esplicitamente che fosse olio di CBD.

Non che un lottatore abbia bisogno dell'olio più di qualsiasi altra persona al mondo. Il motivo è che i lottatori devono affrontare combattimenti durissimi. Il dolore muscolare, il logorio e lo stress sono fattori comuni in questa situazione. A volte il dolore diventa insopportabile. L'unica soluzione a questo problema è assumere olio CBD perché è un rimedio naturale senza effetti collaterali. Non solo Nate Diaz, ma ci sono tanti altri combattenti che fumano il CBD ma non sono pronti ad ammetterlo.

Morgan Freeman

Non ha bisogno di presentazioni. La sua voce profonda e rilassante e le sue stravaganze gli hanno fatto guadagnare un sacco di rispetto nel settore. Quello che tantissime eprsone non sanno di lui è che è un fervente utilizzatore di CBD. Freeman ha utilizzato alcuni prodotti di CBD. È contento di aver fatto questa scelta incredibile. È stato in grado di trovare la cura per la sua fibromialgia e il dolore cronico che ha dovuto affrontare per diversi anni.

Ha sofferto a causa di un incidente nel 2008, che gli ha causato un dolore cronico. L'olio di CBD era un sollievo per lui. Lo ha aiutato con il recupero. Il CBD è la ragione per cui è ancora capace di recitare perfettamente.

Mandy Moore

Mandy Moore deve potersi presentare perfettamente ai fan e per questo i tacchi sono un must. Tuttavia, questi tacchi sono il motivo per cui soffre di continui dolori ai piedi. Per sbarazzarsi di questo dolore, l'attrice e artista utilizza una crema idratante con CBD, in particolare la Lord Jones Pure CBD Body Lotion.

Tommy Chong

È un artista canadese, direttore e comico. Chong è un amante del CBD. Il suo affetto per il CBD si è instauratoo durante il recupero dal cancro alla prostata. È una storia ispiratrice.

Chong ha affermato di soffrire di cancro alla prostata nel 2012. Pochi mesi dopo ha rilasciato una nuova dichiarazione dicendo che attualmente è guarito al 99%. Chong ha attribuito la guarigione dal male all'olio di canapa.

Mentre gli esperti stavano conducendo ricerche sui benefici per la salute del CBD hanno usato l'esempio di Chong come ispirazione. Tuttavia, Chong non ha confermato che il CBD non è psicoattivo. Piuttosto, ha sostenuto che gli effetti psicoattivi del CBD erano la ragione per cui ha dovuto soffrire di dolore cronico.

Killa the Ghost Face

Non è soltanto un rapper. Ghost Face, il componente del gruppo Wu-Tang ha dichiarato che sta provando il "Wu-Goo", la famosa marca di olio di CBD. Gli articoli di questa marca avranno THC, saranno accessibili come penne vape, e un tiro di vape sarà sufficiente.

Killa non e' l'unico in questa storia. Ha unito le sue forze con un'organizzazione californiana che lavora nel settore delle penne vape penne. I rappresentanti dell'organizzazione hanno comunicato ai media che Killa ha preso la palla al balzo di questa moda temporanea nel momento giusto.

L'olio di hashish sarà disponibile in diversi gusti in modo che possa coprire una base di consumatori più ampia. La prima scelta assoluta di Killa è Coconut Pineapple e ha assicurato ai suoi clienti che avrà un sapore incredibile. Le due caratteristiche dell'olio d'erba Wu-Goo in arrivo sono: non sarà erba ingegnerizzata e, inoltre, manterrà le proprietà psicoattive.

Montel Williams

Williams non è semplicemente un'altra celebrità che utilizza olio di canapa per rimettersi in sesto. È stato uno dei principali speaker di riferimento di un evento tenutosi nel 2015 a Orlando. Il punto dell'incontro è stato quello di portare alla luce questioni relative ai benefici dell'erba curativa e dell'olio di CBD.

Non è stato l'unico evento in cui Williams ha trattato l'olio di CBD. Ha lottato fiduciosamente per la depenalizzazione del CBD. Rappresentante della Partnership for Prescription Assistance, Montel ha ricoperto un ruolo attivo all'interno dell'associazione di beneficenza MS Foundation.

4 minuti di lettura

Leggi di più
Come posso inserire il CBD nel mio cibo?

Come posso inserire il CBD nel mio cibo?

Adesso che il CBD è legale in molti paesi del mondo per scopi medici e ricreativi, i prodotti alimentari sono uno dei modi migliori per consumarlo. Molte persone sono interessate a brownies e biscotti con CBD. Tuttavia, il vero problema è che non si possono mangiare dolci tutti i giorni se si vuole assumere la propria dose giornaliera di CBD. Devono esserci altri modi in cui è possibile utilizzare il CBD in altri prodotti commestibili. Qui abbiamo alcuni semplici modi in cui è possibile inserire il CBD nei vostri pasti.

Burro con CBD

Il burro viene utilizzato in cucina e nella frittura di diversi tipi di prodotti. Ciò significa che si può facilmente introdurre l'olio di CBD nel burro e sfruttare i vantaggi che ne derivano. Quando si prepara il burro di CBD la cosa più importante da considerare è che si dovrebbe aggiungere lentamente il CBD al burro a fuoco basso. Ciò vi permetterà di creare una miscela perfetta senza far evaporare il CBD.

Prendete una pentola e aggiungete 500 gr di burro. Assicuratevi di aver tagliato il burro a piccoli pezzi. Dopo di che versate lentamente 15 ml di olio di CBD e 1 litro d'acqua. Lasciate cuocere per 3 o 4 ore a fuoco basso. Assicuratevi di mescolare il burro ogni 30 minuti. Una volta che il composto sarà combinato potrete versare il composto in una ciotola e lasciarlo raffreddare per 2 ore.

Una volta che il vostro burro di CBD sarà pronto, potrete utilizzarlo per cucinare una grande varietà di snack. Usatelo come spalmabile sul vostro toast, siamo sicuri che vi gusterete il vostro pasto.

Olio di CBD per cucinare

Nel caso in cui non ti piace il burro, è disponibile un'opzione migliore. Potete prepararvi l'olio di CBD che potete usare per cucinare diversi prodotti. È possibile utilizzare l'olio di cocco o di oliva per il processo. Questi sono perfetti per il CBD. Dovrete utilizzare un metodo simile a quello del burro per preparare l'olio. La cosa migliore dell' olio è che potete usarlo anche sulle insalate se mangiate sano. Vi consentirà di mantenere la vostra salute e il sapore.

Tuttavia, quando preparate il vostro pasto utilizzando l'olio di CBD dovrete stare un po' attenti. Dovete assicurarvi di non cucinare mai oltre i 180 gradi C, in quanto il CBD evapora al di sopra di questa temperatura.

Aggiungere il CBD alla vostra pasta

Se state pensando di aggiungere il CBD nel vostro cibo italiano preferito non c'è niente di meglio della pasta. Motivo per cui dovrete cuocere la pizza ad una temperatura più alta a causa della quale il CBD evapora. D'altra parte, nel caso della pasta, si può facilmente aggiungere l'olio ai condimenti. Così come se ne può versare un po' alla fine, una volta che la porzione è pronta, per gustare il risultato.

Fritture con CBD

Uno dei modi migliori per gustare i prodotti con CBD è quello di preparare le proprie patatine fritte. La cosa più bella delle patatine fritte è che nessuno può rifiutarle e sono perfette per uno spuntino notturno. Ci sono diversi modi per preparare le patatine fritte. Qui ne condividiamo alcune con voi.

  1. È sempre possibile friggere le patatine fritte a fuoco basso, ma si è un lavoraccio. Bisogna tenere sotto controllo la temperatura dell'olio per tutto il tempo.
  2. Se volete fare uno spuntino più sano, privilegiate le patatine fritte al forno. Tutto quello che dovete fare è tagliare le patate e metterle su una teglia da forno. Impostate la temperatura del forno. Coprire le patatine fritte con olio di CBD e lasciatele cuocere per qualche minuto. Potrete quindi gustarvi questo piatto gustoso.
  3. Le patate non sono le uniche verdure che si possono utilizzare per preparare le fritture. Esistono molte altre verdure, come il cavolo.

Insalate di CBD

Esistono molte persone che preferiscono un pasto più sano. Questo è il motivo per cui la loro prima scelta sarà sempre l'insalata. Potreste chiedervi come possono usare il CBD nelle loro insalate. È molto semplice, è possibile aggiungere l'olio di CBD nel vostro condimento per ottenere il sapore e i benefici del prodotto. Esistono anche altri metodi,i come far saltare le verdure in olio di CBD per assicurare che abbiano la consistenza perfetta. Tuttavia, assicuratevi di non cuocere eccessivamente le verdure perché questo è l'unico modo per gustare il vostro pasto.

Curry di CBD

Se provieni dall'asia conosci sicuramente l'importanza del curry a pranzo o a cena. Tuttavia, è necessario che tu ti chieda come si possa preparare un curry utilizzando il CBD. La cosa migliore dell'olio di CBD è che può essere aggiunto a tutto ciò che si prepara. Tutto quello che devi fare è mantenere la giusta temperatura.

Se volete mascherare il sapore del CBD, il modo migliore per farlo è quello di utilizzare l'olio nel curry. Tutte le spezie, le erbe e le verdure non solo mascherano l'odore, ma anche il sapore. Ciò vi permetterà di gustare il curry senza dover sentire un sapore strano in bocca.

Frullati di CBD

I frullati sono sostituti perfetti per i pasti. Tuttavia, potreste chiedervi come si possa preparare un frullato di CBD. Non c'è molto di cui preoccuparsi. Tutto quello che dovete fare è mantenere tutti gli ingredienti uguali e aggiungere solo qualche goccia del vostro olio di CBD nel mixer. Non vi sembrerà nemmeno di aver aggiunto il CBD nel frullato perché il sapore verrà mascherato con il latte e la frutta o la verdura.

Assicuratevi di preparare quanti più alimenti sani possibile. Con il CBD è molto facile essere creativi.

Fonti

https://www.prnewswire.com/news-releases/cbd-infused-foods-becoming-a-new-health-trend-and-penetrating-the-market-663937073.html
https://www.health.com/food/healthy-cannabis-infused-food
https://cannabinoidcreations.com/cbd-infused-recipes-cooking-with-cbd/ 

4 minuti di lettura

Leggi di più

La guida completa alle pomate, creme e balsami di CBD

La guida completa alle pomate, creme e balsami di CBD

Prima di addentrarci nella comprensione di cos'è esattamente una pomata e per cosa viene utilizzata, dovremmo parlare di argomenti di attualità. Gli argomenti in questione sono balsami, oli e creme idratanti a base di cannabis, che vengono assorbiti attraverso la pelle per alleviare il dolore e l'irritazione. In breve, sono elementi naturali e potenti sia per la pelle e per la salute che possono alleviare qualsiasi cosa, dal dolore muscolare alla dermatite senza alcun impatto psicoattivo.

Pomate, balsami, oli, tinture, burri, lozioni, creme, idratanti, questi sono i termini solitamente usati nel mercato commerciale della cannabis. In questo articolo parleremo di cos'è una pomata, del modo in cui viene prodotta, delle condizioni che trattano, del loro funzionamento e della distinzione tra olio di CBD e pomata di CBD.

Probabilmente esisteranno molte perplessità riguardo alla comprensione delle attuali alternative alla cannabis accessibili su Internet e dai rivenditori di cannabis. Questo è il motivo per cui abbiamo scelto il momento di spiegare nel modo più completo possibile tutto quello che volete sapere sulle pomate di CBD.

Con le informazioni di base e un po' di ricerca, scoprirete che imparare il gergo e distinguere le cose relative alla cannabis non è così sconfortante come possa sembrare.

Numerosi consumatori a livello ricreativo e malati sono tipicamente legati alla cannabis direttamente per alcune ragioni, ma soprattutto a causa del ridotto sollievo dal dolore e del fastidio che può dar loro. Scoprite cos'è la pomata di CBD e quali sono i suoi vantaggi, gli usi e tutto ciò che volete sapere su di essa.

Cos'è la pomata di CBD?

I rimedi topici alla cannabis sono stati usati per secoli, e sono stati associati all'antica Europa e all'Egitto, dove sono stati usati per le proprietà disinfettanti, antinfettive e antidolorifiche per trattare infezioni cutanee, malattie batteriche, dolori localizzati e infiammazioni ai piedi. Sfortunatamente, la società moderna ha l'abitudine di sottrarsi alle usanze domestiche degli antenati, tuttavia, poiché la fama della cannabis medicinale si sta diffondendo, stiamo osservando il ritorno di applicazioni topiche.

La stragrande maggioranza delle persone usa le pomate di CBD per ottenere i vantaggi utili della cannabis, senza i sintomi psicoattivi che si trovano nelle diverse tecniche di somministrazione. In realtà, le pomate di CBD contengono meno dello 0,3% di THC, limite legale richiesto.

Lozioni e creme di CBD:

Per quanto riguarda le lozioni e le creme di CBD, il loro principale elemento di contrasto con le pomate, unguenti o balsami è che gli idratanti e le creme fanno uso di una piccola quantità di acqua insieme agli agenti idratanti delle basi; i balsami e le pomate usano solo gli oli grassi insieme alla cera come base, senza acqua. Ovviamente, questo spiega più di ogni altra cosa una distinzione nella consistenza, le differenze utili reali, di cui discuteremo più avanti, risiedono in particolare nei materiali impiegati e nella quantità di CBD presente nelle pomate.

Le pomate di CBD vengono utilizzate per alleviare il dolore localizzato con il dolore, il fastidio, la tensione, l'infiammazione e l'indolenzimento muscolare. Nel momento in cui l'unguento viene strofinato sulla pelle, può trattare condizioni specifiche sotto la pelle. Per esempio, gli individui che soffrono di infiammazioni articolari possono applicare la crema direttamente sulle zone colpite per ridurre il gonfiore.

Come viene preparata una pomata di CBD?

La pomata è un'invenzione super-basica che potrebbe essere preparata in moltissimi modi diversi, con tantissime ricette e metodi diversi da seguire. Ognuno di loro, tuttavia, è comparativa in quanto integra la base (la base funziona come un "veicolo" ed è responsabile del trasporto del farmaco) di olio grasso o oli e cera naturale.

La cera d'api come la scelta più comune per la parte in cera della base:

Per la parte in cera della base, la cera d'api naturale è la scelta più diffusa e comune. Nel caso in cui non abbiate mai visto la cera d'api, si tratta di una sorta di sostanza appiccicosa, spessa e dura che deve essere sciolta fino ad avere un certo tipo di uniformità.

Possono essere utilizzate anche cere vegetali:

Cere vegetali come la cera Candelilla che proviene dalle foglie della pianta di Candelilla messicana e funziona bene, ma è più comunemente usata negli articoli che sono da intendersi puramente vegani. In molti casi, la cera d'api pura è generalmente una scelta migliore.

Parte oleosa della base:

Il segmento di olio di base è la parte che si occupa di "trasportare" il farmaco nella pomata. Mentre diversi oli distintivi potrebbero essere utilizzati per preparare le insalate di CBD, l'olio di cocco si è dimostrato essere la scelta migliore fino ad ora, fondamentalmente grazie alla sua elevata concentrazione di acidi grassi. Maggiore è la quantità di acidi grassi che l'olio possiede, più CBD probabilmente avrà capacità di trasporto.

Per infondere l'olio con il CBD funzionale attivo, la pianta di cannabis viene macinata in particelle sottili ma non in polvere, e dopo di che viene immersa per alcune ore a 200+ gradi Fahrenheit in olio. Il calore decarbossila il cannabidiolo nella sua forma atomica attiva, e subito dopo gli acidi grassi nell'olio possono aderirvi.

Quando l'olio viene mescolato con CBD attivo, viene semplicemente miscelato (generalmente insieme ad altri oli fondamentali come la vitamina E) con cera fusa per la preparazione della pomata. Tutte le pomate di CBD dovrebbero avere una lista distinta dei suoi elementi sul contenitore, e quindi, quando si cercano alternative, bisogna fare attenzione a quale cera è stata usata, a quale base di olio è stata aggiunta, e così via. Inoltre, nel caso in cui non siate sicuri da dove il CBD provenga effettivamente, contattate semplicemente il produttore e chiedetegli i dettagli. La maggior parte delle marche usano l'olio di semi di canapa come fonte di cannabidiolo (la canapa meccanica viene accumulata con il CBD), ma molti altri usano anche l'olio di oliva o di cocco infuso con la canapa.

Come funziona la pomata di CBD?

Il consumo del CBD dipende dal metodo di somministrazione. Indipendentemente dal fatto che il CBD venga ingerito, respirato, posto sotto la lingua o applicato sulla pelle, esso gioca un ruolo fondamentale nell'assorbimento del composto. Potremmo facilmente vedere come il CBD quando viene ingerito o infuso nel corpo venga consumato attraverso il sistema digestivo o circolatorio, e come l'applicazione del CBD sulla pelle venga recepita a livello cellulare?

Non raggiunge mai il sistema circolatorio quando viene applicato sulla pelle:

Sebbene il CBD venga applicato direttamente sulla pelle e non raggiunga mai il sistema circolatorio, potrebbe essere conservato attraverso la superficie cutanea per associarsi con i recettori dei cannabinoidi vicini. In realtà, la pelle è un organo straordinariamente attivo e funzionale che funge da recipiente atomico e si affretta ad assorbire gli oli a base lipidica, per esempio quelli usati nelle pomate di CBD.

Quando si applica il CBD per via topica, i lipidi a base di olio che trasportano cannabinoidi vengono trasportati trasversalmente sugli strati cellulari della pelle, e immediatamente dopo il CBD inizia il suo meccanismo curativo e terapeutico includendo sia gli strati cellulari che quelli dei tessuti. Questo è il motivo per cui le pomate sono il metodo migliore per trattare le patologie come, per esempio, le malattie della pelle, come la dermatite e la psoriasi, poiché è possibile applicare la pomata direttamente sulla regione interessata e iniziare il trattamento alla fonte del dolore.

Il sistema endocannabinoide gioca un ruolo importante:

A livello più fisiologico, il CBD lavora interagendo con il particolare sistema endocannabinoide dell'organismo, noto come ECS. Si ritiene che il sistema endocannabinoide assuma un ruolo cruciale nella corretta reazione della nostra pelle. Una reazione negativa resistente può causare irritazione e questo è il motivo per cui il CBD agisce apparentemente come anti-infiammatorio per le condizioni della pelle legate all'infiammazione. L'ECS comprende un sistema di recettori naturali dei cannabinoidi o recettori dei cannabinoidi che controllano e trattengono, tra l'altro, il dolore, la sensibilità cutanea, l'irritazione, la memoria, l'appetito e la risposta immunitaria.

Quando il CBD collabora con i recettori naturali dell'ECS, permette all'organismo di lavorare in modo più efficace e di controllare meglio una vasta gamma di procedure interne relative all'omeostasi. Come regola generale, l'uso topico del CBD dà solo sollievo locale e non influisce sul cervello, il che significa che non c'è alcun "sballo" o nessun impatto psicoattivo. Questo perché i cannabinoidi si legano ai recettori CB2 che sono vicini alla pelle, attivando l'ECS e non vengono mai assorbiti nel sistema circolatorio.

Cosa dicono i ricercatori dell'ECS?

Come indicato dal Dr. Tamas Biro, il capo di immunologia presso l'Università di Debrecen in Ungheria, per quanto riguarda la particolare vicinanza della ECS nelle cellule cutanee, afferma che gli strati cutanei sono "sicuramente preparati per creare endocannabinoidi", e richiama l'attenzione sulla probabilità che "la maggior parte, se non tutte, le capacità della pelle siano controllate in misura specifica dall'ECS vicino".

Il Dr. Raj Gupta, di Folium Bioscience's, ha inoltre sviluppato questa idea sostenendo che "sulla base del fatto che la pelle ha il suo particolare sistema endocannabinoide, semplicemente l'applicazione superficiale del CBD potrebbe essere fantastica".

Come si utilizza una pomata di CBD?

Lavare innanzitutto la zona con acqua e sapone per eliminare eventuali accumuli di olio, sporco in eccesso o creme o unguenti già applicati. Così facendo ci si assicura che non ci siano confini tra il trattamento e la pelle e si creano le migliori condizioni per l'assorbimento.

Per gli adulti, massaggiare abbondantemente l'unguento sulla regione interessata e lasciarlo assorbire dalla pelle per alcuni minuti coprendola con gli indumenti o bende in modo che non venga sfregato. Assicuratevi di controllare la zona per eventuali reazioni negative come arrossamenti, irritazioni, eruzioni cutanee, piaghe o bolle.

Per i giovani e gli anziani, che hanno una pelle più sottile, applicare l'unguento in piccole quantità.

Una volta applicata, la pomata potrebbe richiedere da 1 a 48 ore per dare sollievo, a seconda del dosaggio e da quanto frequentemente viene utilizzato così come la gravità della vostra condizione.

Benefici della pomata di CBD

Mentre l'olio di CBD pare che offra vantaggi curativi se assunto in qualsiasi modo, per alcuni tipi di patologie cutanee, dolori cronici e altri problemi localizzati, l'applicazione diretta sulla pelle è la scelta migliore in quanto consente ai consumatori di rivolgersi direttamente alla fonte. L'applicazione diretta potrebbe anche funzionare più rapidamente, in quanto non ha bisogno di spostarsi attraverso il sistema digestivo. Le pomate di CBD sono quindi la scelta ideale per le condizioni, come l'infiammazione, i dolori articolari artritici e le condizioni croniche della pelle come la dermatite e la psoriasi. In ogni caso, i tipi di CBD ingeriti per via orale sono più adatti a condizioni come il nervosismo, depressione, e malattie del sistema immunitario.

Sollievo dal dolore

Si sono svolte molte ricerche sui vantaggi del CBD sulle persone. In effetti, una ricerca è stata pubblicata l'anno scorso dal Dr. Brio dell'Università di Debrecen, che ha mostrato come le applicazioni del CBD hanno funzionato come sollievo dal dolore e hanno persino diminuito l'infiammazione nel dolore articolare dall'artrosi. L'indagine ha chiarito che l'uso immediato del CBD per la pelle potrebbe eventualmente alleviare il dolore legato all'artrite.

Proprietà curative e ricostruttive

Inoltre, sono state effettuate ricerche approfondite sugli effetti riparativi e curativi delle pomate di CBD sulle malattie della pelle, come la dermatite e la psoriasi. Allo stesso modo sono stati individuati impatti utili per problemi lievi come ferite, ustioni, infezioni cutanee, eruzioni cutanee, e dolore muscolare generale.

Un rapporto simile ha elogiato gli effetti curativi dei cannabinoidi sulle "capacità tangibili legate alla palle" come il dolore generale e il formicolio. Il dottor Brio ha affermato che l'ECS probabilmente controlla il deterioramento della pelle. Questa scoperta si basava sugli effetti di una ricerca sulla somministrazione di CBD che egli, insieme al suo gruppo, ha condotto sulle cellule cutanee umane che si sviluppano nella piastra di Petri. Hanno scoperto che quando un'irritazione o una stimolazione infiammatoria attaccava la pelle, sembrava che l'ECS l'avrebbe combattuta.

Il consumatore non si sballa

I diversi aspetti positivi dell'uso delle pomate topiche di CBD sono che il cliente percepisce immediatamente il sollievo senza dover aspettare che gli effetti si manifestino quando si contrappongono agli alimenti consumati. Inoltre, dal momento che i clienti non si sballano grazie alla topicità del CBD, sono in grado di mantenere la loro routine e godersi il sollievo dal dolore in qualsiasi momento e in qualsiasi luogo. La tecnica topica viene utilizzata solo sulla pelle. In questo modo, non entra nel sistema circolatorio del corpo. Piuttosto, rompe la pelle e la barriera muscolare per ridurre il dolore localizzato.

In generale, la pianta di cannabis ha un ventaglio di impieghi degni di nota. Ogni componente e parte della pianta trasmette numerosi vantaggi positivi alle persone che soffrono, ed è una delle principali motivazioni che sono alla base del motivo per cui la cannabis viene usata così ampiamente. Inoltre, le foglie, i fiori e i tricomi sono parti della pianta che vengono spesso utilizzati per produrre prodotti topici. Sfortunatamente, al momento, non c'è alcuna prova che dimostri come gli elementi topici della cannabis possano alleviare l'emicrania e il mal di testa, ma questo cambierà con il tempo.

Differenza tra l'olio di CBD e la pomata di CBD

Invece di ingerire gli oli di CBD per via orale, cosa che influenza tutto il corpo e che potrebbe richiedere fino a 2 ore o più per manifestare completamente gli effetti, la pomata di CBD viene assorbita specificamente nella zona interessata, frizionando il trattamento direttamente sulle zone cutanee interessate per impatti più rapidi e mirati.

Poiché le pomate si applicano specificamente alla fonte e non hanno bisogno di attraversare il sistema digestivo o di subire numerose fasi di ingestione e di utilizzo, agiscono molto più rapidamente e hanno un impatto più rapido rispetto agli oli di CBD.

Gli impatti della pomata di CBD possono essere percepiti molto rapidamente, mentre alcuni oli usati per via orale potrebbero richiedere più di un'ora per essere completamente efficaci.

Cosa bisogna considerare quando si cerca la migliore pomata di CBD?

Al giorno d'oggi, gli individui non hanno bisogno di fumare cannabis per percepirne i benefici. La cosa fondamentale da ricordare per quanto riguarda la pomata di CBD è che viene consumata attraverso la pelle e non vi farà sballare o sentirvi straniti.

Nel caso in cui avessi dubbi sull'uso della canapa o di altri prodotti legati al CBD per la paura di sballarti, non c'è bisogno che ti preoccupi! La maggior parte degli articoli contenenti CBD deriva dalla canapa industriale e non dalla marijuana. Sebbene le due piante abbiano entrambe la stessa classe biologica e la stessa specie, la canapa è il ceppo di cannabis con CBD sostanziale che non contiene praticamente nessuna traccia di THC, il componente responsabile dell'euforia e ha proprietà psicoattive, che sballa la mente.

Svolgi le tue ricerche

Per quanto possa essere affidabile, è fondamentale ricordare che, sebbene siano state fatte ampie ricerche sulle pomate CBD e sui suoi diversi benefici, in genere non hanno esattamente lo stesso effetto su tutti. Svolgi le tue ricerche, prova diverse misurazioni e anche con i diversi prodotti per capire quale sia quello adatto a voi e alla vostra condizione.

Fai attenzione

In ultima battuta, fai con cautela quando acquisti le pomate di CBD o altri articoli di attualità della cannabis. Sebbene ci siano vari prodotti disponibili, esistono tantissimi articoli assolutamente fasulli, dei "falsi". Solo un anno fa, la FDA ha inviato lettere di avvertimento ad alcune organizzazioni per avere composto "articoli CBD" che non contenevano praticamente nessuno dei cannabinoidi attivi.

Le pomate di CBD così i prodotti topici della cannabis sono ancora una novità, ma senza dubbio assisteremo ad un aumento esponenziale dell'attenzione che verrà loro dedicata nel corso dei prossimi due anni nella dermatologia tradizionale.

Esistono effetti collaterali per la pomata di CBD?

Non ci sono sintomi insiti nella pomata di CBD. Tutto sommato, nel caso in cui si abbia una pelle estremamente sensibile, si potrebbe essere ipersensibili ad una parte dei prodotti, simili alla cera d'api, all'olio di vitamina E o all'olio d'oliva. In ogni caso, in verità, questi elementi di fissaggio sono utili per la vostra pelle, quindi è inverosimile che abbiate dei problemi.

Si possono riscontrare reazioni ingerendo la pomata. Il CBD ingerito nel vostro corpo (mangiato, fumato, o applicato sotto la lingua) potrebbe causare:

  • Secchezza delle fauci (anche se molti non lo considerano nemmeno un sintomo)
  • Una diminuzione della capacità del fegato di elaborare diversi prodotti farmaceutici

La seconda è la preoccupazione principale. Nel caso in cui si stia assumendo un farmaco per il cuore, per esempio, l'aggiunta di CBD alla formulazione negherà completamente tutti i vantaggi del farmaco per il cuore. Assicuratevi di consultare il vostro specialista prima di ingerire qualsiasi prodotto di CBD.

Comunque, non avete intenzione di mangiare la pomata di CBD, non è vero? La strofinerete semplicemente sulla pelle. Tutto sommato, non avete nulla di cui preoccuparti. Non avvertirete alcun sintomo dalla pomata di CBD.

Conclusioni:

Invece di consumare la cannabis attraverso il vapore o il fumo, è possibile sfruttare i prodotti topici! Nel caso in cui voi o qualcuno che conoscete stiate combattendo contro il dolore localizzato in una certa area o parti del corpo, la pomata topica di CBD potrebbe essere una tecnica fantastica da provare. Sia coloro che sono alle prime armi con la cannabis, sia coloro che sperano di trarre sollievo dal malessere senza sballarsi, dovrebbero pensare di sperimentare i prodotti topici della cannabis, in particolare la pomata di CBD.

Non solo i prodotti topici della cannabis sono potenti, ma non creano dipendenza, sono naturali, vantaggiosi e semplici da usare. C'è qualche motivo per cui non vorreste provarli e prescriverli a un parente o amico che ha bisogno di sollievo dal dolore?

11 minuti di lettura

Leggi di più
La differenza tra olio di CBD e olio di Rick Simpson

La differenza tra olio di CBD e olio di Rick Simpson

Anche se esistono molti benefici medici della cannabis, l'uso della cannabis per il trattamento di condizioni mediche è ancora molto dibattuto. La ragione principale alla base delle contese sull'uso della cannabis è la mancanza di ricerca e di studio in questo particolare settore. A causa degli effetti che la cannabis può avere sugli esseri umani; molti paesi non consentono di effettuare ricerche specifiche necessarie per le analisi della cannabis. Gli scienziati si limitano a condurre inchieste a causa della difficoltà dei permessi e delle autorizzazioni legali.

Tuttavia, continuiamo a raccogliere prove riguardo ai vantaggi terapeutici della cannabis. Diverse persone hanno fatto uso di cannabis e hanno ottenuto risultati convincenti. Dolori cronici e infiammazioni, cancro, epilessia, schizofrenia, nausea e vomito indotti dalla chemioterapia tendono tutti a risolversi grazie alla corretta applicazione della cannabis.

Olio di Rick Simpson (RSO)

Tuttavia, l'uso della cannabis è ampiamente riconosciuto grazie a Rick Simpson. È stato l'uomo che ha curato il cancro della sua pelle applicando olio di cannabis sulla sua pelle. Il suo famoso documentario "Run from the Cure" rivela come ha guarito il suo cancro e come produce il suo famoso olio di Rick Simpson. Anche se l'olio di Rick Simpson è un prodotto estremamente famoso, è ancora illegale in quasi tutti i paesi, e molte persone sono costrette a produrre il proprio olio di cannabis seguendo il processo di produzione dell'olio di Rick Simpson.

L'olio di CBD spiegato

Il CBD o olio di cannabidiolo è molto famoso anche per le sue caratteristiche salutari importanti. Le proprietà antiepilettiche dell'olio du CBD sono state comprovate quando la giovane Charlotte ha usato grandi quantità di olio di CBD per curarsi dalle sue devastanti crisi epilettiche. Il prodotto ad alto contenuto di CBD è ora conosciuto come “Charlotte's web”. Questo caso è stato riportato dal documentario della CNN “Weed”, con il dottor Sanjay Gupta, medico e giornalista.

Principali differenze tra l'olio Rick Simpson e l'olio di CBD.

Di fatto, l'olio di Rick Simpson e l'olio di CBD sono derivati dalla stessa pianta e forniscono più o meno gli stessi benefici medici, ma esiste un'enorme differenza tra l'olio di Rick Simpson e l'olio di CBD. La maggior parte delle volte le persone si confondono tra i due termini e le utilizzano alternandole; le informazioni riportate di seguito miglioreranno la vostra comprensione dell'olio di CBD e dell'olio di Rick Simpson.

Cannabis vs pianta della canapa

Il genere vegetale da cui si producono sia l'olio di Rick Simpson che l'olio di CBD è la cannabis. Tuttavia, la cannabis è stata attualmente suddivisa in vari tipi e specie a causa del cambiamento dei fattori geografici, del clima e dell'allevamento, e produce numerosi raccolti e piante diverse.

L'olio CBD è ottenuto da una pianta di canapa che è anche una pianta a base di cannabis. La pianta di canapa produce un minor numero di piccoli fiori, che sono a basso contenuto di cannabinoidi e ad alto contenuto di fibre. Questi sono prodotti per scopi industriali e forniscono un alto contenuto di CBD con una quantità di THC molto più bassa.

L'olio di Rick Simpson, invece, è costituito da ceppi di cannabis indica e sativa, che produce grandi fiori e in gran numero. Questi vengono tipicamente coltivati per scopi medici e sono ricchi di cannabinoidi e forniscono meno fibre. L'olio Rick Simpson è per lo più spesso composto da ceppi di indica che sono utili contro malattie fisiche, mentre i ceppi di sativa vengono aggiunti occasionalmente all'olio di Rick Simpson se usato per problemi mentali.

Quantità del contenuto di THC

La quantità di THC che si chiama tetraidrocannabinolo varia notevolmente nell'olio di CBD e nell'olio di Rick Simpson Oil. Il THC è un cannabinoide disponibile in grandi quantità nella pianta di cannabis; il THC è un composto psicoattivo che si traduce in capacità di alterazione mentale. Il THC è il cannabinoide della pianta di cannabis che fa sballare.

Poiché l'oliodi CBD viene estratto dalla pianta di canapa, è ricco di CBD e contiene solo tracce di THC e altri cannabinoidi come CBN o CBG. La quantità di THC è così bassa nell'olio di CBD che questi ultimi possono facilmente rientrare nei limiti di legge di vari paesi.

Al contrario, l'olio di Rick Simpson è ricco di THC. È considerato come un estratto a spettro completo di cannabis, per cui può fornire dal 50% al 60% di THC e dal 10% al 15% di CBD.

Obblighi legali

Poiché l'olio di CBD non contiene elevate quantità di THC, viene considerato legale nella maggior parte dei paesi. La quantità di THC deve essere compresa tra lo 0,2-0,3% per essere consentito legalmente.

Tuttavia, l'olio di Rick Simpson a causa dei suoi alti livelli di THC è considerato illegale nella maggior parte dei paesi del mondo, eccetto i paesi dove la cannabis è legale.

Estrazione

L'olio di Rick Simpson viene prodotto mediante solo un'estrazione a base di solventi. Mentre l'olio di CBD può essere ottenuto mediante estrazione con solvente così come l'estrazione di CO2.

Sicurezza

A causa del fatto che l'olio di Rick Simpson viene estratto in casa e non può essere prodotto ufficialmente, di conseguenza non è testato per sostanze inquinanti e batteri vari. Mentre l'olio di CBD viene prodotto commercialmente ed è testato per le sostanze inquinanti e prodotto secondo le buone pratiche di fabbricazione.

Ora sappiamo che l'olio di Rick Simpson e l'olio di CBD sono entrambi di natura completamente diversa. Nonostante il fatto che l'olio di Rick Simpson sia soggetto a varie accuse e non sia autorizzato alla produzione ufficiale, offre ancora molti vantaggi. Il THC è stato usato nel trattamento palliativo del cancro per ridurre nausea, vomito e dolore.

Sia il THC che il CBD con entrambi i recettori mostrano enormi risultati nel sistema endocannabinoide umano. Tuttavia, dato che sono necessarie ulteriori ricerche sia nell'olio di CBD che nell'olio di Rick Simpson, sono ancora necessarie le prove scientifiche degli oli che determinano il trattamento delle malattie. Tuttavia, i rapporti aneddotici dei consumatori sia dell'olio CBD che dell'olio di Rick Simpson hanno dato vari feedback positivi nel trattamento delle loro malattie.

L'incredibile importanza dell'uso della cannabis per le procedure mediche non può essere ignorata. L'olio di CBD e l'olio di Rick Simpson forniscono entrambi numerosi vantaggi medici e dovrebbero essere usati durante i trattamenti. Le persone devono comprendere l'importanza della cannabis e la ricerca fondamentale dovrebbe essere svolta a questo proposito.

4 minuti di lettura

Leggi di più
Cosa sono i cristalli di CBD?

Cosa sono i cristalli di CBD?

Le cose disponibili nella loro forma puramente naturale sono rare da trovare in questi giorni. Ciò è dovuto al fatto che la maggior parte dei componenti, soprattutto quelli relativi alla medicina, non sono al 100% autentici. Per questo motivo, molte persone cercano una cosa o un componente naturale e puro per curare una patologia o un dolore, ecc. Quando si parla della forma pura e naturale di un ingrediente usato per scopi medici, i cristalli di CBD sono un elemento che non può essere dimenticato per via delle sue elevate proprietà naturali della pianta di Cannabis e del cannabidiolo.

I cristalli di CBD stanno diventando popolari oggi, grazie alla loro esposizione al mondo di internet, grazie alla quale tutto è a portata di mano. Tutto ciò che è disponibile nella sua forma pura ha un proprio valore che non può essere trascurato anche quando la tecnologia e gli elementi lavorati hanno preso il sopravvento sui prodotti naturali benefici. Per questo motivo i cristalli di CBD hanno una domanda crescente che è anche la ragione principale per la sua produzione migliorata.

Il fatto che il CBD stesso è un efficace ingrediente naturale estratto dalla pianta di cannabis dimostra gli inaspettati vantaggi dei cristalli di CBD che lo rendono uno degli ingredienti più utili nel trattamento di condizioni mediche gravi e croniche.

Cristalli di CBD

In sostanza, i cristalli di CBD sono la forma più pura dell'estrazione dalla canapa della pianta di cannabis. La pianta di cannabis possiede alcune proprietà straordinarie nel trattamento di gravi condizioni mediche, specialmente il dolore cronico e altri problemi di salute che sono ampiamente diffuse in tutto il mondo. Mentre la gente sta diventando più consapevole degli ingredienti naturali e sta cercando di eliminare quelli lavorati, i cristalli di CBD sono una delle forme più pure degli elementi prodotti naturalmente che possono essere aggiunti successivamente in altri prodotti naturali con un rapporto preciso per creare una medicina erboristica, olio, o qualsiasi altra cosa che sia anche commestibile.

In poche parole, i cristalli di CBD sono la porzione concentrata di cannabidiolo che viene utilizzata dalle numerose aziende mediche per creare un prodotto che è il risultato della medicina erboristica naturale mescolata ad altri elementi biologici come l'olio o gli alimenti, ecc.

Modi per utilizzare i cristalli di CBD

Ci sono molti modi di utilizzare i cristalli di CBD che li rendono utili per il trattamento di particolari condizioni mediche. Molte delle persone che in precedenza credevano che il cannabidiolo rendesse il cervello umano sensibile sui nervi, adesso hanno cambiato prospettiva e rimosso il concetto errato che si basava su delle ipotesi.

Ecco alcuni dei modi in cui i cristalli di CBD possono essere utilizzati:

1. Oli

L'olio CBD è la forma più utile per alleviare il dolore cronico, e viene comunemente usato dalla maggior parte delle persone che credono nell'efficacia del prodotto naturale. A differenza degli altri oli normali per alleviare il dolore, l'olio CBD non viene applicato all'area interessata. Infatti, viene assunto direttamente per via orale versando alcune gocce dell'olio sotto la lingua, in modo da interessare direttamente le cellule cerebrali a causa delle quali il dolore viene rilasciato immediatamente e il paziente si sente calmo e rilassato invece che sballato.

2. Prodotti commestibili

I cristalli di CBD possono essere assunti anche attraverso le loro forme commestibili grazie alle quali possono essere miscelati con i grassi naturali presenti negli alimenti come formaggio, burro, latte e oli da cucina. Tuttavia, la forma commestibile più comune dei cristalli SBD è il cioccolato che la maggior parte delle persone adorano. Ecco perché i prodotti commestibili che contengono i cristalli naturali e puri di CBD sono più popolari degli altri perché sono facili da consumare senza sentirne il gusto naturale.

3. Massaggi

Il massaggio con i cristalli di CBD può essere effettuato tamponando la pelle o l'area interessata, il che aiuta enormemente ad eliminare il dolore o la condizione medica il più presto possibile. Oltre ai sintomi del dolore, i cristalli del CBD vengono utilizzati anche per i problemi di salute interna come la perdita di memoria, ecc. per i quali il dabbing fa miracoli.

4. Capsule

Le capsule sono anche una delle forme commestibili dei cristalli di CBD con l'unica distinzione che, a differenza del cibo, le capsule contenenti i cristalli di CBD possono essere assunte nella forma concentrata che non è sempre positiva soprattutto per coloro che non hanno la tendenza a tollerare i farmaci vegetali naturalmente forti perché potrebbero anche reagire negativamente con il cervello.

Olio o cristalli di CBD: Qual è il migliore ed il più efficace?

I cristalli di CBD sono senza dubbio il miglior rimedio per curare le gravi condizioni mediche dalle quali altrimenti occorrono anni per riprendersi. Tuttavia, per osservare i risultati più significativi, si raccomanda di utilizzare i cristalli di CBD sotto forma di olio di CBD che possiede la dose corretta dei cristalli naturali e puri per ottenere un rimedio sorprendente, facile e semplice da consumare per diversi scopi. Questo è il motivo per cui la forma più comune dei cristalli CBD è l'olio CBD, che è anche molto famoso tra i suoi utenti abituali.

Inoltre, i cristalli di CBD sono troppo concentrati per essere consumati separatamente, quindi, è necessario assumere la forma dell'olio CBD che è di gran lunga la medicina vegetale più efficace e un rimedio per il trattamento di malattie gravi e croniche.

Motivi per i quali acquistare cristalli di CBD

1. Se si soffre di una malattia cronica come dolori al corpo, ecc. i cristalli di CBD sotto forma di olio di CBD sono il rimedio più efficace di tutti.

2. Se sono stati assunti regolarmente farmaci dannosi che non servono a nulla e che creano una dipendenza, allora i cristalli di CBD sono una via di fuga da questo duro trattamento.

3. Se si è verificata una malattia protratta nel tempo e che può essere anche interna, allora i cristalli di CBD sono i più efficaci tra tutti gli altri prodotti naturali grazie alle qualità altamente sbalorditive della canapa della pianta di cannabis.

I cristalli di CBD sono stati dichiarati dai medici esperti come l'ingrediente più utile nella storia della medicina per il trattamento di condizioni mediche standard che erano altrimenti difficilmente trattabili.

4 minuti di lettura

Leggi di più
Marijuana, cannabis e canapa: qual è la differenza?

Marijuana, cannabis e canapa: qual è la differenza?

A causa dell'enorme sviluppo nel mercato degli estratti di cannabis e degli isolati, stiamo vedendo numerose pagine del sito web, gruppi di social media e pagine che sono attualmente dedicate a questo mercato, e con ciò arrivano false informazioni incontrollate propagate da individui che non hanno studi o che sono spingere un ordine del giorno. Indipendentemente dalle ragioni, il problema è che le informazioni false e contraddittorie lasciano i clienti confusi e dubbiosi. Questi prodotti hanno un enorme potenziale medico ma, sfortunatamente, nei gruppi di social media, esiste una battaglia senza fine contro miti e dicerie.

Opinioni differenti

Numerosi individui ancora non capiscono che la marijuana e la canapa sono le stesse piante con lo stesso genere e specie, vale a dire Cannabis sativa o Cannabis indica.

Recentemente, la canapa è definita come ceppi genetici che sono più alti nel Cannabidiolo (CBD) e la marijuana è definita come i ceppi che sono più alti nel tetraidrocannabidiolo (THC). CBD e THC sono i principali cannabinoidi (tra i vari) presenti nella cannabis.

Un'altra spiegazione separa i termini e i prodotti in base alla parte dell'impianto e anche in base a come viene utilizzata. Il termine "canapa" è riservato all'uso industriale / commerciale del gambo e dei semi di cannabis per tessuti, alimenti, carte, prodotti per la cura del corpo, detergenti, materie plastiche e materiali da costruzione, mentre il termine "marijuana" è usato per uso ricreativo e medicinale di prodotti derivati ​​dal fiore e dalle foglie.

Una terza opinione sembra considerare la canapa come una pianta con basso contenuto di cannabinoidi e cannabis come una pianta con un alto contenuto di cannabinoidi.

Chiaramente, queste prospettive possono scatenare contraddizioni perché, sotto una definizione, un materiale con un alto CBD si chiamerebbe "canapa" e sotto un'altra visione del mondo lo stesso si chiamerebbe cannabis. Per questo motivo, molte persone sono confuse e

dovremmo smettere di usare i nomi banali e adottare la nomenclatura dei chemotipi dall'industria petrolifera essenziale. Per esempio, ci sono numerosi chemiotipi di olio fondamentale di basilico, la maggior parte di ognuno di essi provengono da specie simili di famiglia e Ocimum basilicum. L'olio di basilico che è ricco di linalolo si chiama Basil ct. linalolo. L'olio di basilico che è alto in methyl chavicol è indicato come Basilico. methyl chavicol. Sarà più facile se parliamo semplicemente di Cannabis ct. CBD o Cannabis ct. THC. Ciò sottolinea che stiamo discutendo della stessa pianta solo ceppi diversi che producono un diverso cannabinoide maggiore quando estratti e porterebbero a molta meno confusione. Questo ci porta alla differenza tra CBD e THC. THC. Mentre entrambi sono cannabinoidi molto importanti hanno effetti osservabili molto diversi nel corpo umano. Ora è vago che è più utile dal punto di vista medico, ma ciò che è chiaro è che il THC ha l'ulteriore inconveniente (o vantaggio contingente sul tuo punto di vista) di farti diventare alto. Dal momento che il CBD non ha gli effetti psicoattivi che il THC fa, è considerato da molti il ​​cannabinoide più utile dal punto di vista medico, almeno dal punto di vista pratico, perché la quantità necessaria per essere efficace nel trattamento di gravi condizioni mediche come convulsioni o il dolore cronico può essere di molte centinaia di milligrammi al giorno. Se si utilizza un livello di dosaggio elevato di CBD non vi è alcun problema, ma 100 milligrammi di puro THC trasformerebbero la maggior parte delle persone in uno zombi per almeno 12 ore se prima non vomitassero dalla nausea. Non stiamo dicendo che il THC non sia utile dal punto di vista medico, ma c'è ancora molto lavoro da fare. Inoltre, ci sono casi in cui la combinazione di entrambi sarebbe un valore medicinale ottimale. Sembra esserci molta concorrenza tra i produttori di "marijuana" della vecchia scuola (Cannabis ct. THC) che hanno trasformato le loro attività una volta illegali in enormi aziende di mucche da masticare in stati come il Colorado e le relative nuove leve sul mercato che si stanno concentrando su estratti di Cannabis ct. CBD. Questa contesa porta a disinformazioni diffuse nel mondo e questo a causa della mancanza di istruzione o degli interessi economici.

Esempio di diverse false dichiarazioni

Ad esempio, sentirai spesso affermazioni come "Il CBD della canapa non è di alta qualità come il CBD della cannabis". Questa affermazione è falsa su due fronti. Primo, il CBD della canapa è il CBD della cannabis perché la cannabis è semplicemente il genere di tutte queste piante.

In secondo luogo, il CBD è una molecola con una specifica struttura tridimensionale, non sa da dove proviene. È solo la necessità di essere CBD è l'unica disposizione tridimensionale dei suoi atomi. Quindi, non fa differenza quale ceppo genetico ha prodotto il CBD, se è puro CBD allora agirà esattamente nello stesso modo nel corpo, indipendentemente da dove è stato isolato.

Altre affermazioni che vedrete sono cose come "Gli estratti di CBD dalla canapa non sono buoni come gli estratti di CBD dalla cannabis perché la canapa non ha i terpeni necessari per l'effetto entourage." Questa affermazione è falsa anche perché la canapa è di nuovo cannabis Le affermazioni sull'effetto entourage definiamo per prima cosa cosa ciò significhi. L'effetto entourage nel mondo della cannabis di solito si riferisce alla maggiore efficacia dei cannabinoidi offerti dall'inclusione dei terpeni nativi della pianta. Alcuni lo dichiareranno anche più generalmente riferiti alla maggiore efficacia dell'uso dell'intero estratto vegetale rispetto a un singolo cannabinoide isolato. Nell'olio essenziale e nel mondo di guarigione fragrante, lo chiameremmo fondamentalmente l'impatto sinergico, poiché la sinergia di tutte le molecole nell'olio essenziale ha un impatto più prominente della semplice somma delle sue singole parti. Ciò che il mondo della cannabis non ha ancora capito è che ciò che definiscono il profilo terpenico della cannabis è semplicemente l'olio essenziale di cannabis. L'olio essenziale è solo la frazione organica volatile della pianta ottenuta dal vapore o dall'idrodistillazione. L'olio essenziale è un metabolita secondario e fondamentalmente determina l'odore della pianta di cannabis di interesse. Ci sono letteralmente centinaia di ceppi genetici di cannabis e se hai passato un po 'di tempo a sentire i diversi ceppi, sai che l'odore può essere dappertutto. Ma a prescindere dall'odore, l'olio essenziale è in genere costituito principalmente da tre terpeni principali, vale a dire mircene, alfa-humulene e beta-cariofillene. Il mircene è un monoterpene mentre alfa-humulene e beta-caryofillene sono sesquiterpeni. La varianza nell'odore, indipendentemente dal fatto che provenga da "canapa" o "marijuana", è dovuta al variare dei rapporti di questi componenti insieme alla varianza in tutti gli altri componenti terpeni e terpenoidi minori, che possono variare a centinaia se si scava abbastanza in profondità nella tua analisi. Sarebbe abbastanza probabile che tu possa imbattersi in due ceppi genetici che potrebbero avere profili di olio essenziale molto simili, avere un odore più o meno lo stesso, eppure uno sarebbe più alto nel CBD e l'altro in THC. Se non si verifica naturalmente, allora questo certamente potrebbe essere realizzato attraverso l'allevamento selettivo.

Recentemente, molte aziende stanno prendendo in considerazione "cannabis terpene isolati" e li hanno aggiunti agli estratti di cannabis per ottenere l'effetto desiderato di entourage. Queste sono frazioni terpeniche dall'effettiva estrazione di CO2 della cannabis. Queste frazioni di terpeni sono molto costose ma attenzione al compratore, molto spesso ciò che viene venduto sul mercato sono spesso prodotti terpenici economici che provengono da altri prodotti botanici, o addirittura fatti sinteticamente, ed è abbastanza facile per un laboratorio come il nostro determinare l'origine di terpeni mediante analisi GC / MS poiché la nostra specialità è l'analisi terpenica di centinaia di botanici e abbiamo dovuto imparare come rilevare l'adulterazione in tutti loro. La cosa migliore da usare per l'effetto entourage sarebbe semplicemente il vero olio essenziale di cannabis ottenuto dalla distillazione a vapore di una varietà di ceppi di cannabis, ma tipicamente fatto su una scala di produzione da bassa biomassa cannabinoide poiché il processo di distillazione a vapore è alquanto distruttivo il materiale vegetale e ridurrebbe drasticamente la resa di estrazione delle parti contenenti cannabinoidi altamente valutate che vengono salvate per altri processi di estrazione come le estrazioni di CO2 o butano.

Conclusione

In conclusione, quando si tratta di estratti di cannabis, è fondamentale essere informati. L'industria della cannabis è relativamente nuova ed è in pieno boom. Per questo motivo, sta vivendo alcuni dei problemi simili di adulterazione su vasta scala e frode vera e propria che l'olio essenziale e gli estratti industriali tradizionali hanno sperimentato decenni fa. Il business della cannabis è così nuovo e, ora, così disconnesso dalle imprese più standard a causa degli ostacoli legali. Le persone hanno un'enorme mancanza di esperienza scientifica e di informazioni sul mondo della cannabis, ma speriamo di avere un ruolo importante per aiutarvi a ottenere le informazioni giuste.

6 minuti di lettura

Leggi di più


Join our our newsletter to get a free welcome gift