Il CBD può essere d'aiuto con l'autismo?

4 minuti di lettura

Il CBD può essere d'aiuto con l'autismo?

L'autismo è un disturbo complesso, ovvero un insieme di vari disturbi che influenzano lo sviluppo del cervello fin dalla prima infanzia. Si tratta di una condizione medica che colpisce tutti in modo diverso, ma esistono alcuni sintomi comuni in tutti i pazienti autistici. Questi sintomi includono, ma non solo, difficoltà di comunicazione, problemi di interazione con gli altri, e alcuni problemi comportamentali che potrebbero anche essere autolesionistici.

Un punto da sottolineare è che non tutti i bambini autistici sono influenzati a livello intellettuale. Esistono molti bambini autistici con funzioni cerebrali di alto livello. Si comportano in modo eccellente in alcuni settori, come la musica, l'arte e la matematica.

In questo articolo, discuteremo se il CBD può essere d'aiuto con l'autismo

Autismo e olio di CBD

Se chiedete ad un medico professionista, vi dirà che questo è molto più facile per trattare un disturbo che ha una causa nota, a differenza di quelli senza una causa accertata. Purtroppo, l'autismo è uno dei disturbi medici che non hanno una sola causa, e quindi, gli scienziati devono affrontare grandi difficoltà nella realizzazione di farmaci per questa condizione.

Mutazioni genetiche e alcuni fattori ambientali, come l'età dei genitori, l'esposizione prenatale ai farmaci e un'eccessiva esposizione ai pesticidi possono portare allo sviluppo dell'autismo. La grande diversità di questi fattori scatenanti rende i sintomi negli individui autistici molto diversi tra loro.

Tuttavia, molti tipi di ricerca mostrano una relazione tra il trattamento dell'autismo e l'olio di CBD. Essa ha dato una speranza all'umanità, e molti studi hanno iniziato a condurre ricerche per trovare qualsiasi prova di trattamento dell'autismo con olio di CBD.

In un recente studio, i ricercatori hanno trovato prove precliniche che indicano che il CBD può essere d'aiuto nel trattamento dell'autismo. Questa ricerca è stata condotta su topi autistici.

Ai topi autistici non piace socializzare e interagire con altri topi. Quando a questi topi è stato somministrato l'olio di CBD, la loro attitudine di trascorrere del tempo con altri topi e socializzare con loro è migliorata. Questi risultati dimostrano che l'olio di CBD può aiutare a migliorare l'interazione sociale, che è un problema comune nei bambini autistici. Tuttavia, non dimostra la qualità di questa interazione sociale.

L'olio di CBD ha la capacità di migliorare la funzione inibitoria del cervello aumentando l'attività dei neuroni che è responsabile della regolazione dei livelli di inibizione nel cervello.

Il sistema endocannabinoide e le scoperte scientifiche

Il sistema endocannabinoide (EC) è una parte importante del sistema neurologico del corpo umano che regola la reattività comportamentale nel contesto, delle risposte emotive e delle interazioni sociali. Questo sistema è inoltre associato ad ansia, disturbi del sonno e disabilità intellettive.

Nelle ricerche scientifiche degli ultimi anni sono stati raccolti dati per chiarire l'associazione del sistema endocannabinoide con i disturbi autistici.

Vari studi rivelano che le parti del cervello in cui i recettori CB1 dei cannabinoidi sono nella maggioranza gli stessi che gli scienziati ritengono causino disfunzioni nei pazienti autistici, ovvero sono i gangli basali, l'ippocampo e il cervelletto.

Durante lo sviluppo del feto umano, l'intero sistema endocannabinoide svolge un ruolo importante in diversi processi neurologici importanti. Inoltre, i recettori CB1 svolgono anche un ruolo importante nel definire la posizione delle sinapsi durante lo sviluppo della prima infanzia. Questo studio ha indicato che l'attivazione dei recettori CB1 nelle prime fasi dello sviluppo potrebbe avere qualcosa a che fare con l'autismo.

Uno studio su animali nel 2013 ha rivelato che il sistema endocannabinoide potrebbe essere coinvolto nello sviluppo dell'autismo. Un altro studio del 2015, gli scienziati hanno concluso che quando l'anandamide, una sostanza chimica presente nel cervello, attiva i recettori CB1, interessa il sistema di risposta delle ricompense attraverso le interazioni sociali. Gli scienziati suppongono che il disturbo in questo sistema di segnalazione del sistema nervoso può contribuire a problemi sociali nei pazienti con autismo.

Olio di CBD e autismo negli umani

Nel corso degli anni, sono state raccolte molte prove aneddotiche a sostegno dell'efficacia dell'olio di CBD nel trattamento dell'autismo. In molti casi, dove i pazienti non rispondono al trattamento convenzionale, i loro genitori devono cercare opzioni alternative come l'olio di CBD.

Madre di un figlio di 12 anni, Shirfa Klein, è una forte sostenitrice dell'uso dell'olio di CBD per il trattamento dell'autismo. A suo figlio è stato diagnosticato un grave autismo quando aveva solo 2 anni. Secondo Klein, l'utilizzo dell'olio di CBD è stato miracoloso per suo figlio, infatti adesso è più concentrato a scuola, può comprendere facilmente nuovi concetti ed è in grado di seguire indicazioni multi-step in classe.

Sebbene l'olio di CBD si sia dimostrato un buon trattamento per l'autismo del figlio di Klein, a causa della mancanza di prove cliniche, molti stati degli Stati Uniti non ne consentono l'uso.

Shirfa Klein è un'insegnante di educazione infantile e capisce i sentimenti, la paura e la stigmatizzazione dei genitori di bambini autistici. Incoraggia i genitori a utilizzare le risorse disponibili per il trattamento come le terapie, ma allo stesso tempo, insiste sull'aggiunta di olio di CBD da una fonte affidabile alla loro terapia di routine.

I medici non prescrivono l'olio di CBD per il trattamento dell'autismo in quanto non sono disponibili dati a sostegno di questa fonte di trattamento.

Tuttavia, l'indisponibilità dei dati non è dovuta all'inefficienza dell'olio di CBD contro l'autismo, bensì al timore di sperimentarlo sui bambini a causa di vari composti attivi che possono avere effetti potenzialmente incontrollabili su di loro.

Nonostante tutto, aumentano le prove non ufficiali che sostengono che l'uso dell'olio di CBD renda i bambini autistici più sani e felici. E queste prove non restano inascoltate.

Nuove ricerche sull'olio di CBD e sull'autismo

Molte ricerche sono state condotte in diverse parti del mondo per dimostrare gli effetti positivi dell'olio di CBD nel trattamento dell'autismo.

Una ricerca di primaria importanza è prevista presso l'Università della California al fine di studiare l'olio di CBD come risorsa per il trattamento dell'autismo, e per questo, l'Università ha ricevuto più di 4,7 milioni di dollari di donazioni dal settore privato.

Secondo Igor Grant,il direttore del Dipartimento di Psichiatria della San Diego School of Medicine, esistono molti effetti positivi apparenti dell'olio di CBD sul sistema nervoso umano che possono essere rilevanti per l'autismo.

L'olio CBD è una potenziale fonte di trattamento dell'autismo. Le prove aneddotiche sono numerose e, si spera, nel giro di pochi anni, avremmo anche prove scientifiche per dimostrare questa tesi.

Riferimenti:

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5618565/
http://thehempoilbenefits.com/cbd-oil-and-autism
https://herb.co/marijuana/news/cbd-and-autism-complete-guide
https://www.leafly.com/news/health/cannabis-cbd-autism-treatment
https://www.leafly.com/news/health/how-does-cannabis-consumption-affect-autism
https://greenflowerbotanicals.com/cbd-affects-autism-spectrum-disorder-asd/

 


Lascia un commento

I commenti verranno approvati prima di essere pubblicati

Join our our newsletter to get a free welcome gift