Studio di ricerca: Localizzazione di recettori correlati ai cannabinoidi e ai cannabinoidi nel tratto gastrointestinale del gatto

13 20, venerdì 1 minuti di lettura

Studio di ricerca: Localizzazione di recettori correlati ai cannabinoidi e ai cannabinoidi nel tratto gastrointestinale del gatto

Lavoriamo con i migliori ricercatori e le migliori università di tutto il mondo per ottenere preziose conoscenze su come i prodotti con CBD agiscono negli esseri umani e negli animali e per acquisire informazioni dettagliate su come i cannabinoidi reagiscono con i recettori CB1 e CB2.

Lavoriamo con l'Università di Bologna e con il Professor Roberto Chiocchetti DVM, PhD. e stiamo finanziando una serie di studi di ricerca sul CBD e gli animali.

Disclaimer: abbiamo supportato l'Università di Bologna con fondi stanziati per la ricerca. Gli autori dichiarano di non avere alcun conflitto di interessi.

Studio di ricerca: Localizzazione di recettori correlati ai cannabinoidi e ai cannabinoidi nel tratto gastrointestinale del gatto

Un numero crescente di pubblicazioni indica che l'attivazione dei recettori dei cannabinoidi può avere effetti benefici sull'infiammazione gastrointestinale e sull'ipersensibilità viscerale.

Questo studio mirava a studiare immunoistochimico la distribuzione dei recettori cannabinoidi canonici CB1 e CB2 e di altri recettori chiave in campioni di tessuto del tratto gastrointestinale del gatto.

Abstract: I recettori dei cannabinoidi hanno mostrato un'ampia distribuzione negli strati del tratto gastrointestinale felino. Sebbene non sia ancora confermata/supportata da prove funzionali, la presente ricerca potrebbe rappresentare un substrato anatomico potenzialmente utile a sostenere, nelle specie feline, l'uso terapeutico dei cannabinoidi durante le malattie infiammatorie gastrointestinali.

Leggi l'intero studio di ricerca di 18 pagine gratuitamente qui.


Lascia un commento

I commenti verranno approvati prima di essere pubblicati

Join our our newsletter to get a free welcome gift