Le nuove linee guida del Regno Unito sull'assunzione di CBD: Un cambiamento sismico per il settore?

Nuove linee guida sul CBD

Introduzione alle nuove linee guida sul CBD nel Regno Unito

L'Agenzia per gli standard alimentari del Regno Unito (FSA) ha recentemente implementato nuove linee guida sulla sicurezza del Cannabidiolo (CBD), causando forti scosse nel settore. Questa decisione ha notevolmente abbassato l'assunzione giornaliera raccomandata di CBD da 70 mg a soli 10 mg, suscitando reazioni decise da parte degli attori del settore e dei rivenditori.

Risposta immediata dei rivenditori

I principali rivenditori nel Regno Unito, attenendosi alle direttive della FSA, hanno iniziato a rimuovere alcuni prodotti a base di CBD dai loro scaffali. Ciò include la catena di salute e benessere Holland & Barrett, che ha rimosso oltre 30 prodotti a base di CBD, poiché le singole porzioni superano il nuovo limite di 10 mg.

Reazioni dell'industria

Esponenti e organizzazioni del settore hanno espresso preoccupazioni, prevedendo confusione tra i consumatori, ridotta fiducia degli investitori e potenziali perdite di fatturato. Mike Barnes di Maple Tree Consultants ha criticato il nuovo limite, definendolo privo di solide prove e dannoso per la sopravvivenza del settore.

La ragione dietro le linee guida riviste

La decisione della FSA si basa su un documento di posizione dei comitati governativi chiave, che hanno esaminato i dati provenienti da oltre 12.000 prodotti. La raccomandazione aggiornata mira ad affrontare le preoccupazioni sulla sicurezza, in particolare per quanto riguarda i potenziali impatti sul fegato e sulla tiroide.

Linee guida non obbligatorie

Sebbene la nuova raccomandazione giornaliera di assunzione non sia vincolante, spetta ai singoli rivenditori decidere se mettere in vendita prodotti che superano questo limite. La FSA non ha imposto richiami di prodotto o modifiche all'imballaggio.

Visioni divergenti all'interno del settore

Mentre alcuni membri del settore vedono le linee guida come un grave ostacolo, altri come Caroline Coen, fondatrice del produttore di CBD Pureis, lo considerano un passo verso garantire l'accesso dei consumatori a prodotti di CBD sicuri.

Analisi comparativa con altre normative

La posizione del Regno Unito sulla regolamentazione del CBD contrasta con quella di altre regioni. Ad esempio, l'Associazione europea dell'industria del canapa (EIHA) ha proposto un dosaggio giornaliero di CBD di 17,5 mg, superiore al nuovo limite del Regno Unito.

Contesto internazionale

Questo cambiamento normativo nel Regno Unito potrebbe avere implicazioni più ampie, influenzando la regolamentazione del CBD in altri paesi e potenzialmente influenzando il commercio internazionale e le norme del settore.

  • Le nuove linee guida della FSA riducono l'assunzione giornaliera raccomandata di CBD.
  • I rivenditori rimuovono i prodotti a base di CBD che superano i nuovi limiti.
  • Gli attori del settore esprimono preoccupazioni e critiche.
  • Confronto con le normative internazionali sul CBD.
Torna al blog

Lascia un commento

Si prega di notare che, prima di essere pubblicati, i commenti devono essere approvati.

Robin Roy Krigslund-Hansen

Robin Roy Krigslund-Hansen

About the author:

Robin Roy Krigslund-Hansen è noto per la sua vasta conoscenza ed esperienza nei campi della produzione di CBD e canapa. Con una carriera che si estende per oltre un decennio nell'industria della cannabis, ha dedicato la sua vita a comprendere le complessità di queste piante e i loro potenziali benefici per la salute umana e l'ambiente. Nel corso degli anni, Robin ha lavorato instancabilmente per promuovere la piena legalizzazione della canapa in Europa. La sua affascinazione per la versatilità della pianta e il suo potenziale per una produzione sostenibile lo hanno portato a intraprendere una carriera in questo campo.

Maggiori informazioni su Robin Roy Krigslund-Hansen

Prodotti Correlati