L'Austria dà un giro di vite al mercato dell'HHC con nuove modifiche legali

2023-08-18T11:57:05Z
L'Austria dà un giro di vite al mercato dell'HHC con nuove modifiche legali

La popolarità dell'Esaidrocannabinolo (HHC) è in aumento, soprattutto tra i giovani che ne sono attratti come "sballo legale". Essendo un derivato della pianta di cannabis, come il THC e il CBD, i dati scientifici sulle sue potenziali conseguenze per la salute sono limitati. In risposta a questa crescente preoccupazione, il Ministero della Salute austriaco ha deciso di includere l'HHC nella regolamentazione delle Nuove Sostanze Psicoattive (NPS), portando a significativi cambiamenti nel panorama legale che circonda l'HHC. 

HHC: una nuova sostanza psicoattiva in Austria

Il Ministero della Salute ha annunciato che l'HHC sarà incluso nel regolamento sulle nuove sostanze psicoattive (NPS). Ciò significa che la produzione e il commercio di HHC di sintesi saranno vietati, mentre il possesso e il consumo rimarranno legali. Il nuovo regolamento entra in vigore giovedì.

Che cos'è l'HHC (esaidrocannabinolo)?

Il Ministro della Salute Johannes Rauch (Verdi) ha dichiarato che l'HHC sarà classificata come Nuova Sostanza Psicoattiva fino a quando non ci saranno sufficienti conoscenze sulle sue conseguenze per la salute. Gli esperti hanno ripetutamente criticato la mancanza di ricerche sull'HHC rispetto al THC e al CBD.

Misconcetti tra i giovani

La legalità dell'HHC ha portato i giovani a pensare erroneamente che sia sicuro e non dia dipendenza, secondo la psicologa Lisa Wessely dell'associazione di sostegno alle dipendenze Dialog. Ci sono stati anche casi in cui l'HHC ha prodotto risultati falsi positivi nei test antidroga per il THC.

Il THC estratto direttamente dalla pianta di cannabis è già soggetto alla legge sugli stupefacenti. I prodotti venduti sono solitamente estratti sinteticamente in laboratorio da THC o Cannabidiolo (CBD) - a differenza dei cannabinoidi completamente artificiali, noti come Spice.

La risposta europea all'HHC

La Finlandia ha già classificato l'HHC come nuova sostanza psicoattiva, e si prevede che Belgio e Ungheria seguiranno presto l'esempio. Anche altri Paesi europei stanno discutendo su come gestire in futuro l'HHC prodotto sinteticamente.

THC: la droga illegale più diffusa in Austria

Quest'anno Vienna ha partecipato per la prima volta allo studio sulle droghe illegali in tutta l'UE Score. Lo studio ha rivelato che la capitale austriaca si colloca a metà classifica in termini di consumo di cannabis. In generale, il consumo di alcol e droghe è aumentato, come indicato dalle analisi delle acque reflue dell'Istituto di Medicina Legale dell'Università di Medicina di Innsbruck (GMI), in seguito all'alleggerimento delle misure COVID-19.

In tutta l'Austria, il consumo pro capite di alcol e nicotina è rimasto relativamente uniforme. Mentre il THC è la droga illegale più consumata ovunque, il suo consumo è generalmente più elevato nelle aree urbane.

Conclusione

L'inclusione dell'HHC nella regolamentazione delle nuove sostanze psicoattive (NPS) segna un cambiamento significativo nell'approccio dell'Austria a questa sostanza sempre più popolare. Il nuovo quadro giuridico cerca di proteggere la salute pubblica limitando la produzione e il commercio di HHC di sintesi, mentre il possesso e il consumo rimangono legali.

Mentre altri Paesi europei contemplano misure simili, resta da vedere come queste modifiche legali influenzeranno il mercato dell'HHC e il panorama generale delle sostanze psicoattive.

Acquista qui l'olio di CBD

Torna al blog

Lascia un commento

Si prega di notare che, prima di essere pubblicati, i commenti devono essere approvati.

Robin Roy Krigslund-Hansen

Robin Roy Krigslund-Hansen

About the author:

Robin Roy Krigslund-Hansen è noto per la sua vasta conoscenza ed esperienza nei campi della produzione di CBD e canapa. Con una carriera che si estende per oltre un decennio nell'industria della cannabis, ha dedicato la sua vita a comprendere le complessità di queste piante e i loro potenziali benefici per la salute umana e l'ambiente. Nel corso degli anni, Robin ha lavorato instancabilmente per promuovere la piena legalizzazione della canapa in Europa. La sua affascinazione per la versatilità della pianta e il suo potenziale per una produzione sostenibile lo hanno portato a intraprendere una carriera in questo campo.

Maggiori informazioni su Robin Roy Krigslund-Hansen

Prodotti Correlati