CBN - Cannabinolo

09 21, martedì 8 minuti di lettura

  1. Generale
  2. Effetti
  3. Uso in medicina
  4. Sedativo
  5. CBN e CBD
  6. Storia
  7. Riferimenti

Generale

Chiunque abbia mai esaminato i diversi ingredienti della pianta di cannabis si sarà sicuramente imbattuto nel termine cannabinolo in un momento o nell'altro. Il cannabinolo, o CBN in breve, è il nome di un altro fitocannabinoide che, a differenza delle sue controparti correlate, ha una caratteristica speciale. Anche se ha le sue radici all'interno della pianta di cannabis, non si forma lì.

CBN si crea attraverso il processo di invecchiamento e l'ossidazione esterna del cannbinoide psicoattivo "tetraidrocannabinolo" o THC in breve. L'esposizione all'ossigeno o ai raggi di calore e di luce favorisce la degradazione dell'effetto psicoattivo nel processo. Più basso è il contenuto di THC, più alto è il contenuto di CBN. Per questo motivo, il cannabinolo si trova solo in quantità molto piccole nelle piante di cannabis fresche.

Come altri cannabinoidi, il CBN non è idrosolubile ma liposolubile. È nota per essere una molecola liposolubile, con bassi effetti psicoattivi e si lega solo debolmente ai recettori CB1. Strutturalmente, il CBN si lega alle stazioni di attracco dei nostri recettori CB2. Il modo esatto in cui il CBN agisce sul recettore CB2 è ancora parte dei test in vari studi.

In Germania, il CBN non rientra nella legge tedesca sugli stupefacenti, a meno che non provenga dalla pianta di cannabis a scopo di intossicazione. Inoltre, il CBN non fa parte della "Convenzione unica delle Nazioni Unite sugli stupefacenti del 30 marzo 1961"[1] e della "Convenzione sulle sostanze psicotrope". Questo rende il CBN una preparazione legale, soprattutto per scopi medici.

Effetti

Proprio come il suo parente THC, il dosaggio di CBN è fondamentale per ottenere i giusti effetti. Questo spiega anche perché è difficile confrontare il metodo d'azione del CBN con il THC, anche se è un successore diretto di questo noto fitocannabinoide. Per esempio, l'assunzione di CBN in alte concentrazioni può portare a sensazioni di spossatezza. Questo fenomeno contraddice i risultati di uno studio che ha trovato che i partecipanti allo studio hanno migliorato le loro capacità cognitive assumendo cannabis (1LINK). Questo suggerisce che il CBN funziona come antagonista dei cannabinoidi come il THC. Un contributo importante è dato da entrambi i recettori CB e questi si appropriano degli effetti di molti cannabinoidi.

Siccome il CBN sembra avere una migliore connessione con i siti di legame dei recettori CB2, possiamo trarre ulteriori conclusioni sulle possibili aree di utilizzo. Questi recettori si trovano principalmente nel sistema immunitario e sono componenti importanti nel trattare i casi clinici neuropatici, così come il dolore infiammatorio, le malattie neuronali e neurodegenerative.

Si tratta di una combinazione di altri cannabinoidi.

In combinazione con altri cannabinoidi, si dice che il CBN stimoli l'appetito.

Altre modalità d'azione sono:

    • Sedativo
    • Analgesico
    • Antibatterico
    • Anti-infiammatorio
    • Antispasmodico
    • Promozione del sonno
    .

    I potenziali effetti antidepressivi del CBD sono stati testati anche con il CBN, ma non hanno potuto essere provati.

    Gli studi sui fitocannabinoidi sono ancora in corso e continuano a fornire risultati nuovi e rivisti. Poiché c'è un potenziale beneficio medico dall'assunzione di CBN, la ricerca su questo fitocannabinoide è ovviamente ancora in corso.

    Uso in medicina

    Anche se molti cannabinoidi si sovrappongono e hanno somiglianze nei loro effetti, ognuno è unico e offre sempre nuove potenzialità terapeutiche nell'uso medico per sostenere i processi di recupero in modo efficace e sostenibile. I processi di ossidazione dal tetraidrocannabinolo che danno origine al "nuovo" cannabinoide, CBN, avvengono attraverso un cambiamento del profilo chimico del fiore, che a sua volta causa questi importanti cambiamenti nelle proprietà terapeutiche.

    Sedativo

    I sedativi hanno un effetto calmante e ansiolitico sui pazienti. Allo stesso tempo, possono ridurre i livelli di attività, promuovere il sonno, alleviare gli spasmi e rilassare i muscoli. I sedativi sono usati per le persone con grave irrequietezza interiore, trauma o ansia.

    Internet fornisce informazioni sull'uso del CBN come sedativo. A questo scopo, vengono citati studi in cui il cannabinolo ha un effetto sedativo e calmante. In questo contesto, il cannabinolo è spesso messo alla pari con il noto sedativo diazepam. Ma non c'è quasi nessuna prova a sostegno di ciò:

    Il supposto effetto sedativo del CBN è probabilmente la sua caratteristica più nota. Tuttavia, non ci sono molti studi che supportano totalmente questa teoria.

    Questo potrebbe essere in parte dovuto al fatto che molti studi e lavori scientifici sulla pianta della cannabis si sono fermati per decenni in seguito alla proibizione collettiva dopo gli anni '70 e '80. La ricerca è ancora impegnata a recuperare la mancanza di tempo e ad acquisire conoscenze sulla versatile pianta della cannabis. Un'altra ragione potrebbe risiedere nella libera interpretazione di uno studio che ha testato gli effetti su solo cinque partecipanti maschi dopo aver assunto CBN.[2]

    Già nel 1975, il CBN è stato testato in varie dosi (da 0mg a 50mg) se assunto per via orale in combinazione con 25mg del cannabinoide THC. Il cannabinolo sembrava modificare l'effetto del THC sui soggetti del test. I cinque uomini si sentivano più sonnolenti dopo aver preso la combinazione e sentivano che gli effetti della "droga" erano più evidenti rispetto agli effetti del solo THC. In conclusione, si può dire che il CBN sembrava aumentare l'effetto del THC in alcuni processi, ma solo in piccola misura. L'effetto sedativo del cannabinoide consumato da solo non è stato specificamente testato o trovato in questo studio. Quindi, potrebbe essere che il CBN in definitiva abbia solo aumentato le proprietà del THC.

    Anche gli studi sugli animali si sono occupati precocemente di questo settore e hanno dimostrato danni motori nei cani aggiungendo 12mg o più del cannabinoide CBN in base al peso corporeo.[3] Tuttavia, non è stato mostrato alcun effetto di smorzamento sul sistema nervoso centrale umano.

    Un'altra ragione per l'ipotesi che il CBN abbia effetti sedativi sugli esseri umani potrebbe essere dovuta all'osservazione del modo d'azione delle piante mature di cannabis. Come già descritto sopra, queste hanno una proporzione maggiore di CBN e hanno un maggiore effetto sedativo. La domanda cruciale è se questo fenomeno sia attribuibile solo al cannabinolo. La scienza non ha ancora risolto questo problema.

    Analgesico

    Gli analgesici sono agenti farmaceutici che alleviano il dolore. Si fa una distinzione tra antidolorifici oppioidi e non oppioidi, poiché i due gruppi hanno diversi meccanismi d'azione.

    Gli antidolorifici non oppioidi intervengono su un enzima molto specifico, che è l'enzima COX. Bloccano lì l'ulteriore produzione di prostaglandine. Questo ormone locale gioca un ruolo cruciale nelle sindromi dolorose locali.

    Gli antidolorifici a base di cannabis si legano ai recettori dei cannabinoidi nel nostro sistema nervoso centrale. Da lì, possono usare il sistema endocannabinoide per alleviare il dolore e sostenere i cannabinoidi del nostro corpo mentre lavorano. Anche il dolore cronico può essere alleviato da azioni sui recettori. Il vantaggio delle medicine a base di cannabis per alleviare il dolore è, tra l'altro, che un livello ematico costante può essere mantenuto nei pazienti attraverso un dosaggio preciso.

    Secondo uno studio del 2002, il CBN può alleviare il dolore rilasciando endorfine.[4] Anche il THC ha questo effetto, che avviene attraverso il centro di controllo del dolore nel sistema endocannabinoide.

    Antibatterico e antinfiammatorio

    Sappiamo da molti decenni che diversi fitocannabinoidi hanno un effetto antibatterico. Già negli anni '50, i cannabinoidi vegetali sono stati utilizzati per trattare le malattie infettive microbiche come la tubercolosi. Anche prima di questo, sono stati fatti i primi tentativi sui casi di tubercolosi in India con la cannabis, che hanno avuto luogo alla fine del 19° secolo.

    Si sospetta che l'alta concentrazione di acidi grassi polinsaturi, principalmente nell'olio di semi di canapa, sia una parte essenziale di questo. Il corpo umano non può produrre autonomamente questi acidi grassi e si affida a noi per ingerirli attraverso il cibo. Inoltre, i semi di canapa forniscono la quantità ideale (3-4: 1 equilibrio) di alcuni acidi grassi omega di cui il corpo ha normalmente bisogno. Questi acidi grassi, omega-3 e omega-6, sono necessari al corpo per le malattie infiammatorie perché aiutano a regolare i processi infiammatori.

    Quindi, il cannabinolo ha i requisiti ideali per le proprietà antibatteriche. Infatti: il cannabinoide relativamente sconosciuto, insieme ad altri quattro fitocannabinoidi testati, ha mostrato risultati promettenti in uno studio scientifico del 2005 sui germi MRSA, che sono germi ospedalieri multiresistenti e resistenti agli antibiotici particolarmente pericolosi. [5] Questi germi multiresistenti, conosciuti anche come superbatteri, sono in aumento negli ospedali e nelle case di riposo e, secondo un'analisi dell'OCSE, potrebbero costare la vita a più di 2,4 milioni di persone nel mondo entro il 2050. La guarigione è difficile perché i germi possono cambiare il loro corredo genetico e costruire una resistenza dopo il contatto con gli antibiotici. I costi stimati si aggirano sui miliardi e rappresentano il 10% del budget totale per la lotta alle malattie infettive contro i germi resistenti.

    Per questo motivo, gli scienziati di Londra, Rovigo e Novara in Italia hanno scoperto che i fitocannabinoidi possono essere efficaci nel combattere questi superbatteri altamente resistenti. Il CBN è stato classificato come particolarmente efficace insieme ai fitocannabinoidi tetraidrocannabinolo (THC), cannabigerolo (CBG), cannabidiolo (CBD), cannabicromene o CBC.[6]

    CBN, insieme agli altri quattro cannabinoidi testati, ha mostrato il maggior successo, in particolare nei batteri che avevano sviluppato resistenza all'antibiotico penicillina.

    Anche se questo studio è promettente nella lotta contro pericolosi agenti patogeni, lo stato attuale della ricerca è ancora nella sua fase pilota. Al momento è ancora incerto come il CBN possa effettivamente uccidere i pericolosi germi MRSA.

    Antispasmodico

    Non è un segreto che i cannabinoidi sono dei veri tuttofare quando si tratta di agire sul sistema endocannabinoide. Non sorprende che il cannabinolo abbia ancora un asso nella manica nell'aiutare con gli spasmi. Nel gennaio 1974, fu pubblicato un articolo su uno studio di "Life Science" che riportava dei test sugli animali.[7]

    Gli scienziati hanno sottoposto i topi a scosse elettriche massime per studiare l'effetto diretto dei tre cannabinoidi vegetali tetraidrocannabinolo (THC), cannabinoide (CBD) e cannabinolo (CBN). Questo è stato preso come soluzione salina, tra gli altri. Tutti e tre i fitocannabinoidi testati avevanoun effetto anticonvulsivo. La durata massima dell'azione era di circa due ore e il cannabinolo ha mostrato i risultati più passivi di tutti e tre.

    CBN e CBD

    Il cannabinolo e il cannabidiolo hanno delle somiglianze, ma differiscono significativamente nelle loro modalità d'azione. Entrambi i fitocannabinoidi sono ansiolitici, rilassanti e persino antiepilettici. Mentre il CBD non ha effetti psicoattivi sui consumatori, il CBN ne mostra molto pochi. I due hanno anche strutture chimiche diverse. Quindi, non sono affatto identici. Quando si arriva a lavorare sul sistema endocannabinoide, non hanno paura di mostrare queste differenze. Il CBD difficilmente lavora sui recettori CB1 e CB2 nel nostro sistema immunitario e nervoso. Invece, il fitocannabinoide agisce per equilibrare le funzioni fisiologiche del corpo (omeostasi). Il CBN, invece, mostra una debole affinità con entrambi i recettori.

    Storia

    Già alla fine del 19° secolo, il cannabinolo fu isolato dalla pianta di cannabis come il primo fitocannabinoide in assoluto. Il chimico britannico Robert Sidney Cahn, che in seguito diresse il Journal of the Chemical Society, studiò la struttura del cannabinoide negli anni '30. Non passò molto tempo prima che avvenisse la sintesi chimica nei laboratori degli Stati Uniti e della Gran Bretagna.

    Nel 1963, il pioniere della cannabis e docente universitario israeliano di prodotti naturali e chimica farmaceutica, il dottor Raphael Mechoulam, fece la prima scoperta sui diversi modi di azione dei numerosi fitocannabinoidi. Questa scoperta ha posto le basi per importanti studi sulla pianta di cannabis, che sono ancora in corso.

    Dopo che nel 1978 fu approvata per la prima volta nel New Mexico una legge che permetteva la ricerca di sostanze controllate a scopo terapeutico, Raphael Mechoulam fece un'altra svolta nel suo lavoro scientifico negli anni '80. Egli testò l'effetto mitigante del CBD nelle crisi epilettiche sui partecipanti al test.[8] Dopo quattro mesi, un'analisi dei test clinici mostrò che metà dei soggetti aveva una riduzione significativa della frequenza degli attacchi, mentre l'altra metà addirittura non aveva attacchi epilettici. Grazie a questo, il Dr. Mechoulam ha confermato che il cannabinoide CBD potrebbe essere usato come ipnotico per scopi medici e terapeutici.

    Riferimenti

    [1] https://www.admin.ch/opc/de/classified-compilation/19610057/index.html

    [2] https://www.karger.com/Article/Abstract/136944

    [3] https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7029731

    [4] https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2503660

    [5] https://pubs.acs.org/doi/10.1021/np8002673

    [6] https://www.worldcat.org/title/cannabis-health-index-combining-the-science-of-medical-marijuana-with-mindfulness-techniques-to-heal-100-chronic-symptoms-and-diseases/

    [7] https://www.researchgate.net/publication/18399501_The_anticonvulsant_activity_of_cannabidiol_and_cannabinol

    [8] https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/7413719

Lascia un commento

I commenti verranno approvati prima di essere pubblicati

Join our our newsletter to get a free welcome gift