La Rivoluzionaria Raccomandazione della FDA per il Cannabis

Bandiera americana e foglia di cannabis

La Rivoluzionaria Raccomandazione della FDA per il Cannabis

In un importante sviluppo, l'Amministrazione per gli Alimenti e i Farmaci degli Stati Uniti (FDA) ha compiuto un passo storico sostenendo la riclassificazione del cannabis come sostanza di Categoria III. Questa mossa, documentata in un dettagliato rapporto di 252 pagine, potrebbe rivoluzionare il panorama del cannabis medicinale, equiparandolo a sostanze regolamentate come la terapia ormonale sostitutiva o la ketamina.

Comprendere la Proposta di Riclassificazione

La raccomandazione della FDA all'Amministrazione per il Controllo delle Droghe (DEA) degli Stati Uniti suggerisce di spostare il cannabis dalla Categoria I alla Categoria III in base alla Legge sulle Sostanze Controllate (CSA). Questa riclassificazione si basa su un'Analisi in Otto Fattori, che conclude che il cannabis "ha un uso medico attualmente accettato nel trattamento negli Stati Uniti" e non è un precursore immediato di un'altra sostanza controllata.

L'analisi considera vari aspetti, tra cui il potenziale di abuso, gli effetti farmacologici, le conoscenze scientifiche, la storia e il modello di abuso, i rischi per la salute pubblica e la dipendenza. I documenti della FDA evidenziano che attualmente 43 giurisdizioni degli Stati Uniti autorizzano l'uso medico del cannabis, riconoscendo il suo valore medico.

Impatto della Classificazione in Categoria III

Riclassificare il cannabis come sostanza di Categoria III, definita come avente un "potenziale di dipendenza fisica e psicologica moderato a basso", comporterebbe cambiamenti significativi. Collocerebbe il cannabis nella stessa categoria di Tylenol 3, ketamina, steroidi anabolizzanti e testosterone, tutti richiedendo prescrizioni e fortemente regolamentati. Questo cambiamento significherebbe anche che il Codice di Entrate Interne 280E (IRC 280E) non si applicherebbe più alle imprese di cannabis, consentendo detrazioni fiscali e altri benefici finanziari.

Tuttavia, è importante notare che questa riclassificazione non legalizzerebbe automaticamente i programmi di cannabis a livello statale. Creerebbe invece un ambiente più favorevole per la ricerca e lo sviluppo nel settore.

Reazioni dall'Industria del Cannabis

Il Tavolo Nazionale del Cannabis (NCR) e altri attori del settore hanno applaudito questa evoluzione. Saphira Galoob, Direttrice Esecutiva del NCR, ha sottolineato l'impatto positivo sulle imposte e sul reinvestimento operativo per le aziende di cannabis, in particolare per le piccole e le imprese a conduzione minoritaria.

I leader del settore come Deborah Saneman, CEO di Wurk, e Socrates Rosenfeld, co-fondatore e CEO di Jane Technologies, hanno espresso il loro sostegno. Riconoscono i progressi compiuti nella smantellamento del divieto del cannabis e riconoscono i benefici medicinali e sociali della pianta.

Brady Cobb, un lobbyist e CEO di Sunburn Cannabis, ha condiviso una prospettiva personale, citando il rapporto come una giustificazione e un passo significativo avanti nella riforma del cannabis.

Il Cammino verso la Riclassificazione

La spinta per la riclassificazione ha preso slancio dopo la direttiva del Presidente Biden del 6 ottobre 2022, che ha esortato le agenzie federali a considerare la riclassificazione del cannabis. Questa direttiva ha portato varie organizzazioni e aziende a fornire feedback sulla proposta della FDA.

L'iniziativa è stata in parte guidata dagli sforzi dell'avvocato Matthew C. Zorn, che ha utilizzato una richiesta in base alla Freedom of Information Act (FOIA) per ottenere il memorandum sulla riclassificazione. Questo passo segue un modello di azioni legali volte a facilitare la ricerca sul cannabis medicinale e a sfidare la posizione del governo federale sul cannabis.

Il 29 agosto 2023, il Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani (HHS) degli Stati Uniti ha raccomandato alla DEA la riclassificazione del cannabis dalla Categoria I alla Categoria III, segnando un momento cruciale nel percorso verso la riclassificazione del cannabis.

Apertura alle Ricerche sul Cannabis

La riclassificazione in Categoria III avrebbe un impatto significativo sulla ricerca sul cannabis, consentendo studi più approfonditi e diversificati. Questo cambiamento è atteso con grande interesse dall'industria, poiché aprirebbe nuove opportunità per l'esplorazione scientifica e l'innovazione nel settore.

L'industria sta ora seguendo attentamente la risposta della DEA alle raccomandazioni del HHS e della FDA, poiché questa decisione potrebbe plasmare il futuro del cannabis negli Stati Uniti.

Torna al blog

Lascia un commento

Si prega di notare che, prima di essere pubblicati, i commenti devono essere approvati.

Robin Roy Krigslund-Hansen

Robin Roy Krigslund-Hansen

About the author:

Robin Roy Krigslund-Hansen è noto per la sua vasta conoscenza ed esperienza nei campi della produzione di CBD e canapa. Con una carriera che si estende per oltre un decennio nell'industria della cannabis, ha dedicato la sua vita a comprendere le complessità di queste piante e i loro potenziali benefici per la salute umana e l'ambiente. Nel corso degli anni, Robin ha lavorato instancabilmente per promuovere la piena legalizzazione della canapa in Europa. La sua affascinazione per la versatilità della pianta e il suo potenziale per una produzione sostenibile lo hanno portato a intraprendere una carriera in questo campo.

Maggiori informazioni su Robin Roy Krigslund-Hansen

Prodotti Correlati