Cannabis contro PTSD

52 19, martedì 3 minuti di lettura

Cannabis contro PTSD

La ricerca sull'uso della cannabis per il PTSD è stata condotta per la prima volta dalla dott.ssa Sue Sisley su larga scala. Sfortunatamente, nel 2014 è stata licenziata dal suo incarico all'Università dell'Arizona quando il suo studio sulla cannabis per il sollievo dei sintomi del PTSD è diventato un problema politico. Tuttavia, il suo studio era autentico e affidabile, questo è il motivo per cui è stata nuovamente assunta. Ora è la ricercatrice principale per uno studio multisito sponsorizzato dalla Multidisciplinary Association for Psychedelic Studies. La società ha finanziato 2,1 milioni di dollari per continuare la ricerca in questo campo.

Cannabis per sostenere le persone con PTSD

Il primo studio clinico controllato al mondo per la valutazione dei benefici della cannabis medica fumata per alleviare il PTSD è uno studio ambulatoriale, in triplo cieco, randomizzato e controllato con placebo. Allo studio partecipano 76 veterani, ai quali sono stati assegnati in modo casuale i ceppi di THC e CBD per trovare l'efficacia di entrambi i ceppi. Lo studio è al terzo anno e sta procedendo bene. Tuttavia, i suicidi avvenuti a causa del PTSD sono in rapido aumento tra i veterani. È importante trovare una soluzione efficace al problema e la cannabis sta mostrando risultati efficaci.

Perché è meglio usare il CBD

Gli esperti sono confusi sul fatto che sia il THC che il CBD siano un'opzione migliore perché entrambi i composti sono estratti dalla cannabis. Non c'è dubbio che gli effetti del THC finora sono stati benefici nella lotta contro il PTSD. Tuttavia, un problema comune è che il THC ha effetti psicotici. Questo è il motivo per cui un'overdose di THC può portare ad alcuni gravi effetti collaterali.

D'altra parte, la ricerca sul CBD non è molto chiara. La ragione è che ci sono varie procedure biochimiche che vengono avviate con l'assunzione di CBD. Questo è il motivo per cui fornisce un'ampia gamma di risultati. Si è scoperto che la CBD può aiutare efficacemente contro alcuni tipi di epilessia e vari altri problemi di salute mentale. Tuttavia, gli scienziati non sono ancora in grado di scoprire come la CBD possa aiutare contro vari problemi di salute mentale. Il CBD agisce mirando e aumentando il rilascio di 5 segnali HT1A per i recettori della serotonina che agiscono sulle cellule cerebrali e riducono l'ansia e lo stress.

La serotonina è un importante neurotrasmettitore che aiuta nella regolazione dell'umore. È legata alla sensazione di soddisfazione e felicità. Ci sono potenti proprietà antiossidanti e antinfiammatorie nel CBD che portano alla produzione di GABA che è un neurotrasmettitore inibitore. Può produrre effetti calmanti.

Tuttavia, ci sono ancora grandi speranze che lo studio condotto dagli esperti dimostri come la cannabis possa aiutare nel caso del PTSD e come sia più efficace rispetto a vari altri farmaci che vengono utilizzati. Gli esperti stanno anche conducendo studi sul dosaggio della cannabis che dovrebbe essere usato in caso di PTSD per assicurare che non ci saranno effetti collaterali del piano di consumo.

Questo articolo è stato scritto da un autore indipendente e di terze parti specializzato nella ricerca su CBD, canapa e cannabis. Qualsiasi opinione, consiglio o raccomandazione espressa nell'articolo non riflette l'opinione di Formula Swiss AG o dei nostri dipendenti. Non facciamo alcuna affermazione su nessuno dei nostri prodotti e rimandiamo al nostro disclaimer per ulteriori informazioni.


Lascia un commento

I commenti verranno approvati prima di essere pubblicati


Anche in Stress

Il CBD può aiutare a gestire lo stress e la depressione?
Il CBD può aiutare a gestire lo stress e la depressione?

03 19, giovedì 5 minuti di lettura

Leggi di più
Il CBD può ridurre lo stress
Il CBD può ridurre lo stress

59 19, mercoledì 3 minuti di lettura

Leggi di più

Join our our newsletter to get a free welcome gift