Il CBD può essere usato per il Morbo di Chrohn?

24 19, Lunedì 5 minuti di lettura

Il CBD può essere usato per il Morbo di Chrohn?

La cannabis spesso viene considerata come un "oggetto magico", fornendo benefici terapeutici oltre alle cure che devono essere considerate sorprendenti da chi ne conosce le varie proprietà terapeutiche.

In ogni caso alla base dell'olio di CBD c'è una notevole quantità di conoscenze scientifiche. Potrebbe essere reperibile nelle piante di marijuana. La cannabis è la scienza della medicina corrente e non solo varie sostanze che apportano benefici medici sorprendenti.

Esistono ricerche recenti e approfondite che sfruttano le proprietà mediche della pianta di marijuana. L'obiettivo è quello di permetterci di comprendere meglio tutte le condizioni che la cannabis può trattare.

Il morbo di Crohn è solo uno dei numerosi problemi di salute per i quali la cannabis potrebbe essere usata. Sia la scienza che le esperienze di persona stanno mostrano con esattezza come l'olio di CBD tratti il morbo di Crohn. Qui, analizzeremo che cos'è il morbo di Crohn, chi può esserne vittima, come l'olio di CBD può aiutare per la maggior parte dei rimedi più estremi.

Cos'è il morbo di Crohn?

Il morbo di Crohn è definito come una malattia cronica che colpisce soprattutto la mucosa del tratto digestivo del corpo. Potrebbe estendersi negli strati più profondi del tessuto intestinale.

Sorprendentemente, il morbo di Crohn è un possibile elemento letale del tratto gastrointestinale che porta ad aggravamenti, dolore, nausea e una notevole riduzione di peso. In numerosi casi, il morbo di Crohn inizia con l'irritazione della bocca, che a quel punto viaggia verso il basso nello stomaco, nell'ano e nell'intestino.

Cause del morbo di Crohn:

Numerosi esperti sanitari e professionisti medici hanno pubblicato studi sul National Institutes of Health e diversi siti web e risorse, dichiarando che la causa del morbo di Crohn potrebbe essere collegata alla genetica, allo stile di vita e allo stress. In ogni caso, è possibile che quella di Crohn possa essere causata dalla risposta dell'organismo agli antigeni. Così, gli antigeni adesso vengono studiati approfonditamente per capire se sono la causa principale del morbo di Crohn.

Inoltre, alcuni studi hanno scoperto che un batterio o un virus potrebbe essere la causa principale. Finora, scienziati e ricercatori credono che il morbo di Crohn sia causato da una serie di fattori, tra cui la degradazione del sistema immunitario, la condizione e la genetica acquisita.

Questa malattia potrebbe essere innescata da un disagio e uno stress rilevanti, come dichiarato da GreenFlower, una risorsa di cannabis online.

Sintomi più comuni del morbo di Crohn

Per la maggior parte, i pazienti affetti dal morbo di Crohn incontrano diversi sintomi dolorosi tra cui mal di stomaco cronico e crampi, nervosismo, intestino rilassato, febbre, stanchezza cronica, riduzione del peso, sangue nelle feci, e a volte anche afte in bocca. Di base, gli individui affetti dal morbo hanno un appetito diminuito, che porta ad una riduzione significativa del peso.

Per trattare questi sintomi, ai pazienti vengono normalmente prescritti diversi farmaci come antibiotici, calmanti, anestetici, e farmaci antidolorifici per alleviare i loro sintomi. Spesso non funzionano nemmeno.

In alcuni casi peggiorano la situazione a causa degli effetti collaterali negativi che provocano. Inoltre, oltre ai pazienti oncologici, i malati di Crohn sono uno dei maggiori gruppi di pazienti che hanno beneficiato della chemioterapia. Nei casi più gravi, i pazienti di Crohn sono sottoposti a chemioterapia e in aggiunta a interventi chirurgici per la rimozione di segmenti intestinali infetti all'interno del corpo.

Come l'olio di CBD può essere d'aiuto contro il morbo di Crohn?

Secondo uno studio del 2013 sulla cannabis e sul Crohn, è stato scoperto che l'olio di CBD può creare benefici clinici come la riduzione del dolore, il sollievo dalla nausea e la riduzione dei disturbi in generale.

All'interno del nostro corpo, esistono innumerevoli cannabinoidi che collaborano con i recettori CB1 e CB2 che si trovano nell'intestino, nel colon, nel cervello e nel sistema nervoso centrale. Questo a quel punto porta alla capacità dei recettori dei cannabinoidi di alleviare il dolore, la nausea e i disturbi.

Data la grande diversità dei benefici medici o delle proprietà che l'olio di CBD possiede, questo componente viene solitamente usato per dare sollievo ai pazienti di Crohn. Tutto sommato, l'olio di CBD può favorire il controllo e diminuire il dolore insieme al gonfiore frequentemente associato a quello di Crohn. Di conseguenza, molte persone sentono la loro vitalità, la fame e la vivacità tornare dopo il consumo.

Perciò, per GreenRushDaily, è stata formulata questa dichiarazione riguardo l'olio di CBD e il morbo di Crohn, "Quando il CBD si collega ai recettori dei cannabinoidi del corpo, aiuta a controllare il dolore e il fastidio, diminuendo contemporaneamente il peggioramento e aumentando l'appetito. La maggior parte di questi si coniuga per fornire ai pazienti di Crohn un tipo di trattamento vitale e sicuro." Fortunatamente, il corpo contiene recettori dei cannabinoidi all'interno del tratto gastrointestinale e su cellule sicure, che forniscono benefici significativi.

Benefici utili e positivi dell'olio di CBD

I cannabinoidi contengono effetti immunomodulatori, che impediscono al sistema invulnerabile dell'organismo di rilasciare proteine ACE. Invece, l'olio di CBD è un composto calmante. Una ragione fondamentale per cui i pazienti di Crohn consumano l'olio di CBD è percche contiene proprietà calmanti e analgesiche, che sono in gran parte utili nel trattamento di questa malattia.

Inoltre, è stato scoperto che l'olio di CBD ha la possibilità di stimolare l'uso di piastrine bianche aggiuntive, che aiutano a difendersi da malattie, malattie e, inoltre, quando si cerca di evitare un peggioramento, sono perfette per i portatori di Crohn. Inoltre, in uno studio pubblicato dal National Institute of Health, è stato scoperto che l'olio di CBD fornisce effetti antibatterici. Questo è particolarmente vantaggioso per i malati di Crohn perché le infezioni "opportunistiche" sono comuni tra gli individui che presentano condizioni gastrointestinali croniche, come indicato dallo stesso studio.

Oltre a questi benefici, l'olio di CBD potrebbe consentire ai malati di Crohn di controllare gli effetti collaterali negativi che generalmente derivano dai farmaci e dalla chemioterapia, in particolare dal nervosismo. Chi soffre di Crohn e di l'IBD è spesso nervoso, e l'olio CBD può calmare i nervi, alleviare la tensione e diminuire l'esaurimento surrenale.

Conclusioni sull'olio di CBD per il morbo di Crohn

Esistono diversi studi che dimostrano la capacità dell'olio di CBD di trattare i malati di Crohn. Tuttavia, sono ancora necessarie ulteriori ricerche con un obiettivo finale specifico per decidere l'efficacia e gli effetti a lungo termine del trattamento a base di cannabis.

Mentre la cannabis offre un gran numero di benefici terapeutici, per quanto riguarda la malattia di Crohn è l'olio CBD che contribuisce maggiormente al trattamento.

Questo articolo è stato scritto da un autore indipendente e di terze parti specializzato nella ricerca su CBD, canapa e cannabis. Qualsiasi opinione, consiglio o raccomandazione espressa nell'articolo non riflette l'opinione di Formula Swiss AG o dei nostri dipendenti. Non facciamo alcuna affermazione su nessuno dei nostri prodotti e rimandiamo al nostro disclaimer per ulteriori informazioni.


Lascia un commento

I commenti verranno approvati prima di essere pubblicati

Join our our newsletter to get a free welcome gift