La guida completa alle pomate, creme e balsami di CBD

11 minuti di lettura

La guida completa alle pomate, creme e balsami di CBD

Prima di addentrarci nella comprensione di cos'è esattamente una pomata e per cosa viene utilizzata, dovremmo parlare di argomenti di attualità. Gli argomenti in questione sono balsami, oli e creme idratanti a base di cannabis, che vengono assorbiti attraverso la pelle per alleviare il dolore e l'irritazione. In breve, sono elementi naturali e potenti sia per la pelle e per la salute che possono alleviare qualsiasi cosa, dal dolore muscolare alla dermatite senza alcun impatto psicoattivo.

Pomate, balsami, oli, tinture, burri, lozioni, creme, idratanti, questi sono i termini solitamente usati nel mercato commerciale della cannabis. In questo articolo parleremo di cos'è una pomata, del modo in cui viene prodotta, delle condizioni che trattano, del loro funzionamento e della distinzione tra olio di CBD e pomata di CBD.

Probabilmente esisteranno molte perplessità riguardo alla comprensione delle attuali alternative alla cannabis accessibili su Internet e dai rivenditori di cannabis. Questo è il motivo per cui abbiamo scelto il momento di spiegare nel modo più completo possibile tutto quello che volete sapere sulle pomate di CBD.

Con le informazioni di base e un po' di ricerca, scoprirete che imparare il gergo e distinguere le cose relative alla cannabis non è così sconfortante come possa sembrare.

Numerosi consumatori a livello ricreativo e malati sono tipicamente legati alla cannabis direttamente per alcune ragioni, ma soprattutto a causa del ridotto sollievo dal dolore e del fastidio che può dar loro. Scoprite cos'è la pomata di CBD e quali sono i suoi vantaggi, gli usi e tutto ciò che volete sapere su di essa.

Cos'è la pomata di CBD?

I rimedi topici alla cannabis sono stati usati per secoli, e sono stati associati all'antica Europa e all'Egitto, dove sono stati usati per le proprietà disinfettanti, antinfettive e antidolorifiche per trattare infezioni cutanee, malattie batteriche, dolori localizzati e infiammazioni ai piedi. Sfortunatamente, la società moderna ha l'abitudine di sottrarsi alle usanze domestiche degli antenati, tuttavia, poiché la fama della cannabis medicinale si sta diffondendo, stiamo osservando il ritorno di applicazioni topiche.

La stragrande maggioranza delle persone usa le pomate di CBD per ottenere i vantaggi utili della cannabis, senza i sintomi psicoattivi che si trovano nelle diverse tecniche di somministrazione. In realtà, le pomate di CBD contengono meno dello 0,3% di THC, limite legale richiesto.

Lozioni e creme di CBD:

Per quanto riguarda le lozioni e le creme di CBD, il loro principale elemento di contrasto con le pomate, unguenti o balsami è che gli idratanti e le creme fanno uso di una piccola quantità di acqua insieme agli agenti idratanti delle basi; i balsami e le pomate usano solo gli oli grassi insieme alla cera come base, senza acqua. Ovviamente, questo spiega più di ogni altra cosa una distinzione nella consistenza, le differenze utili reali, di cui discuteremo più avanti, risiedono in particolare nei materiali impiegati e nella quantità di CBD presente nelle pomate.

Le pomate di CBD vengono utilizzate per alleviare il dolore localizzato con il dolore, il fastidio, la tensione, l'infiammazione e l'indolenzimento muscolare. Nel momento in cui l'unguento viene strofinato sulla pelle, può trattare condizioni specifiche sotto la pelle. Per esempio, gli individui che soffrono di infiammazioni articolari possono applicare la crema direttamente sulle zone colpite per ridurre il gonfiore.

Come viene preparata una pomata di CBD?

La pomata è un'invenzione super-basica che potrebbe essere preparata in moltissimi modi diversi, con tantissime ricette e metodi diversi da seguire. Ognuno di loro, tuttavia, è comparativa in quanto integra la base (la base funziona come un "veicolo" ed è responsabile del trasporto del farmaco) di olio grasso o oli e cera naturale.

La cera d'api come la scelta più comune per la parte in cera della base:

Per la parte in cera della base, la cera d'api naturale è la scelta più diffusa e comune. Nel caso in cui non abbiate mai visto la cera d'api, si tratta di una sorta di sostanza appiccicosa, spessa e dura che deve essere sciolta fino ad avere un certo tipo di uniformità.

Possono essere utilizzate anche cere vegetali:

Cere vegetali come la cera Candelilla che proviene dalle foglie della pianta di Candelilla messicana e funziona bene, ma è più comunemente usata negli articoli che sono da intendersi puramente vegani. In molti casi, la cera d'api pura è generalmente una scelta migliore.

Parte oleosa della base:

Il segmento di olio di base è la parte che si occupa di "trasportare" il farmaco nella pomata. Mentre diversi oli distintivi potrebbero essere utilizzati per preparare le insalate di CBD, l'olio di cocco si è dimostrato essere la scelta migliore fino ad ora, fondamentalmente grazie alla sua elevata concentrazione di acidi grassi. Maggiore è la quantità di acidi grassi che l'olio possiede, più CBD probabilmente avrà capacità di trasporto.

Per infondere l'olio con il CBD funzionale attivo, la pianta di cannabis viene macinata in particelle sottili ma non in polvere, e dopo di che viene immersa per alcune ore a 200+ gradi Fahrenheit in olio. Il calore decarbossila il cannabidiolo nella sua forma atomica attiva, e subito dopo gli acidi grassi nell'olio possono aderirvi.

Quando l'olio viene mescolato con CBD attivo, viene semplicemente miscelato (generalmente insieme ad altri oli fondamentali come la vitamina E) con cera fusa per la preparazione della pomata. Tutte le pomate di CBD dovrebbero avere una lista distinta dei suoi elementi sul contenitore, e quindi, quando si cercano alternative, bisogna fare attenzione a quale cera è stata usata, a quale base di olio è stata aggiunta, e così via. Inoltre, nel caso in cui non siate sicuri da dove il CBD provenga effettivamente, contattate semplicemente il produttore e chiedetegli i dettagli. La maggior parte delle marche usano l'olio di semi di canapa come fonte di cannabidiolo (la canapa meccanica viene accumulata con il CBD), ma molti altri usano anche l'olio di oliva o di cocco infuso con la canapa.

Come funziona la pomata di CBD?

Il consumo del CBD dipende dal metodo di somministrazione. Indipendentemente dal fatto che il CBD venga ingerito, respirato, posto sotto la lingua o applicato sulla pelle, esso gioca un ruolo fondamentale nell'assorbimento del composto. Potremmo facilmente vedere come il CBD quando viene ingerito o infuso nel corpo venga consumato attraverso il sistema digestivo o circolatorio, e come l'applicazione del CBD sulla pelle venga recepita a livello cellulare?

Non raggiunge mai il sistema circolatorio quando viene applicato sulla pelle:

Sebbene il CBD venga applicato direttamente sulla pelle e non raggiunga mai il sistema circolatorio, potrebbe essere conservato attraverso la superficie cutanea per associarsi con i recettori dei cannabinoidi vicini. In realtà, la pelle è un organo straordinariamente attivo e funzionale che funge da recipiente atomico e si affretta ad assorbire gli oli a base lipidica, per esempio quelli usati nelle pomate di CBD.

Quando si applica il CBD per via topica, i lipidi a base di olio che trasportano cannabinoidi vengono trasportati trasversalmente sugli strati cellulari della pelle, e immediatamente dopo il CBD inizia il suo meccanismo curativo e terapeutico includendo sia gli strati cellulari che quelli dei tessuti. Questo è il motivo per cui le pomate sono il metodo migliore per trattare le patologie come, per esempio, le malattie della pelle, come la dermatite e la psoriasi, poiché è possibile applicare la pomata direttamente sulla regione interessata e iniziare il trattamento alla fonte del dolore.

Il sistema endocannabinoide gioca un ruolo importante:

A livello più fisiologico, il CBD lavora interagendo con il particolare sistema endocannabinoide dell'organismo, noto come ECS. Si ritiene che il sistema endocannabinoide assuma un ruolo cruciale nella corretta reazione della nostra pelle. Una reazione negativa resistente può causare irritazione e questo è il motivo per cui il CBD agisce apparentemente come anti-infiammatorio per le condizioni della pelle legate all'infiammazione. L'ECS comprende un sistema di recettori naturali dei cannabinoidi o recettori dei cannabinoidi che controllano e trattengono, tra l'altro, il dolore, la sensibilità cutanea, l'irritazione, la memoria, l'appetito e la risposta immunitaria.

Quando il CBD collabora con i recettori naturali dell'ECS, permette all'organismo di lavorare in modo più efficace e di controllare meglio una vasta gamma di procedure interne relative all'omeostasi. Come regola generale, l'uso topico del CBD dà solo sollievo locale e non influisce sul cervello, il che significa che non c'è alcun "sballo" o nessun impatto psicoattivo. Questo perché i cannabinoidi si legano ai recettori CB2 che sono vicini alla pelle, attivando l'ECS e non vengono mai assorbiti nel sistema circolatorio.

Cosa dicono i ricercatori dell'ECS?

Come indicato dal Dr. Tamas Biro, il capo di immunologia presso l'Università di Debrecen in Ungheria, per quanto riguarda la particolare vicinanza della ECS nelle cellule cutanee, afferma che gli strati cutanei sono "sicuramente preparati per creare endocannabinoidi", e richiama l'attenzione sulla probabilità che "la maggior parte, se non tutte, le capacità della pelle siano controllate in misura specifica dall'ECS vicino".

Il Dr. Raj Gupta, di Folium Bioscience's, ha inoltre sviluppato questa idea sostenendo che "sulla base del fatto che la pelle ha il suo particolare sistema endocannabinoide, semplicemente l'applicazione superficiale del CBD potrebbe essere fantastica".

Come si utilizza una pomata di CBD?

Lavare innanzitutto la zona con acqua e sapone per eliminare eventuali accumuli di olio, sporco in eccesso o creme o unguenti già applicati. Così facendo ci si assicura che non ci siano confini tra il trattamento e la pelle e si creano le migliori condizioni per l'assorbimento.

Per gli adulti, massaggiare abbondantemente l'unguento sulla regione interessata e lasciarlo assorbire dalla pelle per alcuni minuti coprendola con gli indumenti o bende in modo che non venga sfregato. Assicuratevi di controllare la zona per eventuali reazioni negative come arrossamenti, irritazioni, eruzioni cutanee, piaghe o bolle.

Per i giovani e gli anziani, che hanno una pelle più sottile, applicare l'unguento in piccole quantità.

Una volta applicata, la pomata potrebbe richiedere da 1 a 48 ore per dare sollievo, a seconda del dosaggio e da quanto frequentemente viene utilizzato così come la gravità della vostra condizione.

Benefici della pomata di CBD

Mentre l'olio di CBD pare che offra vantaggi curativi se assunto in qualsiasi modo, per alcuni tipi di patologie cutanee, dolori cronici e altri problemi localizzati, l'applicazione diretta sulla pelle è la scelta migliore in quanto consente ai consumatori di rivolgersi direttamente alla fonte. L'applicazione diretta potrebbe anche funzionare più rapidamente, in quanto non ha bisogno di spostarsi attraverso il sistema digestivo. Le pomate di CBD sono quindi la scelta ideale per le condizioni, come l'infiammazione, i dolori articolari artritici e le condizioni croniche della pelle come la dermatite e la psoriasi. In ogni caso, i tipi di CBD ingeriti per via orale sono più adatti a condizioni come il nervosismo, depressione, e malattie del sistema immunitario.

Sollievo dal dolore

Si sono svolte molte ricerche sui vantaggi del CBD sulle persone. In effetti, una ricerca è stata pubblicata l'anno scorso dal Dr. Brio dell'Università di Debrecen, che ha mostrato come le applicazioni del CBD hanno funzionato come sollievo dal dolore e hanno persino diminuito l'infiammazione nel dolore articolare dall'artrosi. L'indagine ha chiarito che l'uso immediato del CBD per la pelle potrebbe eventualmente alleviare il dolore legato all'artrite.

Proprietà curative e ricostruttive

Inoltre, sono state effettuate ricerche approfondite sugli effetti riparativi e curativi delle pomate di CBD sulle malattie della pelle, come la dermatite e la psoriasi. Allo stesso modo sono stati individuati impatti utili per problemi lievi come ferite, ustioni, infezioni cutanee, eruzioni cutanee, e dolore muscolare generale.

Un rapporto simile ha elogiato gli effetti curativi dei cannabinoidi sulle "capacità tangibili legate alla palle" come il dolore generale e il formicolio. Il dottor Brio ha affermato che l'ECS probabilmente controlla il deterioramento della pelle. Questa scoperta si basava sugli effetti di una ricerca sulla somministrazione di CBD che egli, insieme al suo gruppo, ha condotto sulle cellule cutanee umane che si sviluppano nella piastra di Petri. Hanno scoperto che quando un'irritazione o una stimolazione infiammatoria attaccava la pelle, sembrava che l'ECS l'avrebbe combattuta.

Il consumatore non si sballa

I diversi aspetti positivi dell'uso delle pomate topiche di CBD sono che il cliente percepisce immediatamente il sollievo senza dover aspettare che gli effetti si manifestino quando si contrappongono agli alimenti consumati. Inoltre, dal momento che i clienti non si sballano grazie alla topicità del CBD, sono in grado di mantenere la loro routine e godersi il sollievo dal dolore in qualsiasi momento e in qualsiasi luogo. La tecnica topica viene utilizzata solo sulla pelle. In questo modo, non entra nel sistema circolatorio del corpo. Piuttosto, rompe la pelle e la barriera muscolare per ridurre il dolore localizzato.

In generale, la pianta di cannabis ha un ventaglio di impieghi degni di nota. Ogni componente e parte della pianta trasmette numerosi vantaggi positivi alle persone che soffrono, ed è una delle principali motivazioni che sono alla base del motivo per cui la cannabis viene usata così ampiamente. Inoltre, le foglie, i fiori e i tricomi sono parti della pianta che vengono spesso utilizzati per produrre prodotti topici. Sfortunatamente, al momento, non c'è alcuna prova che dimostri come gli elementi topici della cannabis possano alleviare l'emicrania e il mal di testa, ma questo cambierà con il tempo.

Differenza tra l'olio di CBD e la pomata di CBD

Invece di ingerire gli oli di CBD per via orale, cosa che influenza tutto il corpo e che potrebbe richiedere fino a 2 ore o più per manifestare completamente gli effetti, la pomata di CBD viene assorbita specificamente nella zona interessata, frizionando il trattamento direttamente sulle zone cutanee interessate per impatti più rapidi e mirati.

Poiché le pomate si applicano specificamente alla fonte e non hanno bisogno di attraversare il sistema digestivo o di subire numerose fasi di ingestione e di utilizzo, agiscono molto più rapidamente e hanno un impatto più rapido rispetto agli oli di CBD.

Gli impatti della pomata di CBD possono essere percepiti molto rapidamente, mentre alcuni oli usati per via orale potrebbero richiedere più di un'ora per essere completamente efficaci.

Cosa bisogna considerare quando si cerca la migliore pomata di CBD?

Al giorno d'oggi, gli individui non hanno bisogno di fumare cannabis per percepirne i benefici. La cosa fondamentale da ricordare per quanto riguarda la pomata di CBD è che viene consumata attraverso la pelle e non vi farà sballare o sentirvi straniti.

Nel caso in cui avessi dubbi sull'uso della canapa o di altri prodotti legati al CBD per la paura di sballarti, non c'è bisogno che ti preoccupi! La maggior parte degli articoli contenenti CBD deriva dalla canapa industriale e non dalla marijuana. Sebbene le due piante abbiano entrambe la stessa classe biologica e la stessa specie, la canapa è il ceppo di cannabis con CBD sostanziale che non contiene praticamente nessuna traccia di THC, il componente responsabile dell'euforia e ha proprietà psicoattive, che sballa la mente.

Svolgi le tue ricerche

Per quanto possa essere affidabile, è fondamentale ricordare che, sebbene siano state fatte ampie ricerche sulle pomate CBD e sui suoi diversi benefici, in genere non hanno esattamente lo stesso effetto su tutti. Svolgi le tue ricerche, prova diverse misurazioni e anche con i diversi prodotti per capire quale sia quello adatto a voi e alla vostra condizione.

Fai attenzione

In ultima battuta, fai con cautela quando acquisti le pomate di CBD o altri articoli di attualità della cannabis. Sebbene ci siano vari prodotti disponibili, esistono tantissimi articoli assolutamente fasulli, dei "falsi". Solo un anno fa, la FDA ha inviato lettere di avvertimento ad alcune organizzazioni per avere composto "articoli CBD" che non contenevano praticamente nessuno dei cannabinoidi attivi.

Le pomate di CBD così i prodotti topici della cannabis sono ancora una novità, ma senza dubbio assisteremo ad un aumento esponenziale dell'attenzione che verrà loro dedicata nel corso dei prossimi due anni nella dermatologia tradizionale.

Esistono effetti collaterali per la pomata di CBD?

Non ci sono sintomi insiti nella pomata di CBD. Tutto sommato, nel caso in cui si abbia una pelle estremamente sensibile, si potrebbe essere ipersensibili ad una parte dei prodotti, simili alla cera d'api, all'olio di vitamina E o all'olio d'oliva. In ogni caso, in verità, questi elementi di fissaggio sono utili per la vostra pelle, quindi è inverosimile che abbiate dei problemi.

Si possono riscontrare reazioni ingerendo la pomata. Il CBD ingerito nel vostro corpo (mangiato, fumato, o applicato sotto la lingua) potrebbe causare:

  • Secchezza delle fauci (anche se molti non lo considerano nemmeno un sintomo)
  • Una diminuzione della capacità del fegato di elaborare diversi prodotti farmaceutici

La seconda è la preoccupazione principale. Nel caso in cui si stia assumendo un farmaco per il cuore, per esempio, l'aggiunta di CBD alla formulazione negherà completamente tutti i vantaggi del farmaco per il cuore. Assicuratevi di consultare il vostro specialista prima di ingerire qualsiasi prodotto di CBD.

Comunque, non avete intenzione di mangiare la pomata di CBD, non è vero? La strofinerete semplicemente sulla pelle. Tutto sommato, non avete nulla di cui preoccuparti. Non avvertirete alcun sintomo dalla pomata di CBD.

Conclusioni:

Invece di consumare la cannabis attraverso il vapore o il fumo, è possibile sfruttare i prodotti topici! Nel caso in cui voi o qualcuno che conoscete stiate combattendo contro il dolore localizzato in una certa area o parti del corpo, la pomata topica di CBD potrebbe essere una tecnica fantastica da provare. Sia coloro che sono alle prime armi con la cannabis, sia coloro che sperano di trarre sollievo dal malessere senza sballarsi, dovrebbero pensare di sperimentare i prodotti topici della cannabis, in particolare la pomata di CBD.

Non solo i prodotti topici della cannabis sono potenti, ma non creano dipendenza, sono naturali, vantaggiosi e semplici da usare. C'è qualche motivo per cui non vorreste provarli e prescriverli a un parente o amico che ha bisogno di sollievo dal dolore?


Lascia un commento

I commenti verranno approvati prima di essere pubblicati

Join our our newsletter to get a free welcome gift