La Arthritis Foundation pubblica le prime linee guida per i pazienti che usano il CBD per alleviare il dolore

32 20, mercoledì 2 minuti di lettura

La Arthritis Foundation pubblica le prime linee guida per i pazienti che usano il CBD per alleviare il dolore

La domanda del CBD è esplosa nell'ultimo anno, con molte persone che l'hanno provata come aiuto per il sonno o come sollievo per il dolore e l'ansia. Uno dei timori è che non ci sono delle guide affidabili sui vari modi di usare in modo sicuro il CBD, ovvero il cannabidiolo.

Questa è la ragione principale per cui alcune settimane fa la Arthritis Foundation ha pubblicato delle linee guida utili per coloro che vogliono provare il CBD. Questa è stata la prima volta che un importante gruppo di sostegno ai pazienti o una fondazione ha fornito una guida su questo argomento.

I consigli sono un modo per fare chiarezza sull'uso del CBD, anche se mancano prove scientifiche che dimostrino che essa può effettivamente trattare il dolore dell'artrite.

"Era importante per noi rispondere all'interesse del pubblico e pubblicare alcune linee guida sullo stato attuale della scienza", ha detto Kevin Boehnke, un membro del team di ricerca che lavora nel campo dell'anestesiologia all'Università del Michigan. Boehnke ha contribuito a sviluppare e scrivere queste linee guida per la Arthritis Foundation.

Il gruppo di scienziati afferma chiaramente che i pazienti non dovrebbero mai abbandonare i farmaci per l'artrite già prescritti dai medici quando prendono in considerazione l'uso del CBD.

Le linee guida non dicono: "Dovresti provare questo". Dicono: "se vuoi provare, ecco come dovresti farlo", quindi la Arthritis Foundation non consiglia specificamente l'uso del CBD, ma vuole solo dare a chi vuole provarlo una fonte sicura di consigli.

Di per sé, il CBD non provoca lo "sballo". Gli effetti psicoattivi della marijuana hanno invece origine da un preciso principio attivo, il THC (tetraidrocannabinolo).

Da alcuni anni, c'è stato un enorme interesse pubblico per i prodotti di CBD, che vengono commercializzati e venduti con una varietà di indicazioni sulla salute, tra cui il sollievo per il dolore, l'insonnia e lo stress. Queste affermazioni hanno attirato l'attenzione di molte persone che soffrono di artrite, una condizione per la quale purtroppo non esiste una cura.

La Arthritis Foundation ha condotto un'indagine su più di 2.600 pazienti, dove ha scoperto che quasi l'80 per cento di essi utilizza attualmente il CBD, l'ha utilizzato o pensa di assumerlo per il trattamento dei dolori articolari.

Il team di ricercatori responsabili dello studio ammette che qualsiasi prova che dimostri che il CBD potrebbe essere un efficace antidolorifico proviene da diversi casi singoli analizzati e sostiene la necessità di ulteriori ricerche scientifiche per dimostrare l'efficacia e la sicurezza del CBD.

Fino a quando questi ulteriori studi non verranno completati, la fondazione suggerisce che le persone che vogliono provare il CBD dovrebbero comunque lentamente con una dose molto bassa e dovrebbero osservare i possibili sintomi nel corso tempo.

La Arthritis Foundation consiglia il tipo di olio CBD a spettro completo e 100% organico che si trova negli spray o nelle gocce liquide che i pazienti devono tenere sotto la lingua per almeno un minuto fino a quando non viene completamente assorbito. Questo metodo permette al CBD di entrare direttamente nel flusso sanguigno, con un effetto rapido e forte.


Lascia un commento

I commenti verranno approvati prima di essere pubblicati

Join our our newsletter to get a free welcome gift