I dottori sono sorpresi dall'olio di cannabis come cura per il cancro

55 19, Lunedì 3 minuti di lettura

I dottori sono sorpresi dall'olio di cannabis come cura per il cancro

Nonostante le prove cliniche e i risultati positivi indicanti un effetto significativo della cannabis sul sistema nervoso centrale, gli esperti medici non sono ancora convinti. La stigmatizzazione di livello pubblico è evidente e probabilmente nessuno è pronto a prendere una posizione. In realtà, si tratterebbe ben più di una mossa coraggiosa andare contro le probabilità di statistiche e testare l'alternativa di trattamento. C'è una spaccatura e un aperto dissenso tra medici e cittadini che non dipendono più dalla scienza e aspettano che la scienza dia il via libera. Ci sono diverse testimonianze di risultati positivi in pazienti affetti da cancro che includono benefici aggiuntivi per il corpo umano. Si dice che la cannabis contenga due componenti principali che non solo curano la malattia, ma riducono anche l'infiammazione e diminuiscono il dolore. Si dice anche che il THC e il CBD riducono i livelli di stress e ansia.

Recentemente, News Channel 8 ha riportato la storia di Tammy Levant sul suo viaggio con il cancro dopo che la sua diagnosi del 2015 è risultata positiva al cancro al seno. I medici sono rimasti sorpresi dalla testimonianza della signora, che deve i risultati positivi all'olio di cannabis come cura. Dopo la diagnosi del maggio 2015, era chiaro che le cellule tumorali si stavano diffondendo rapidamente e che Tammy non aveva molto tempo di vita. Nonostante i forti ammonimenti del suo medico, Tammy ha resistito a qualsiasi tentativo di sottoporla a un trattamento convenzionale e si è avventurata da sola alla ricerca di un trattamento alternativo. Chiunque avesse ascoltato le sue argomentazioni avrebbe pensato che fosse pazza a rifiutare le prescrizioni del medico.

Il lungo viaggio

Dopo l'intervento chirurgico in ospedale, Tammy è tornata a casa e ha trovato informazioni sull'olio di cannabis. Il prodotto non era disponibile da nessuna parte nel suo stato; ha dovuto percorrere regolarmente lunghe distanze per acquistare le sue dosi. Adesso, anni dopo, è felice della decisione che ha preso. I suoi sforzi hanno evidentemente dato i loro frutti. Dopo anni di uso costante dell'olio di cannabis, Tammy tornò dal suo medico per un controllo. Con sorpresa del dottore, non erano presenti marker tumorali nel suo sangue. Anche se il medico riconosce che l'olio di cannabis non è ancora scientificamente provato e supportato, questa è la prova della sua fattibilità.

Il dottor Palanca ha riscontrato i primi risultati dall'incredibile infezione del cancro nel sangue di Tammy. Ha ri-diagnosticato il paziente dopo l'utilizzo dell'olio di Cannabis e non ha trovato alcuna traccia delle cellule tumorali. Secondo il medico, non si può spiegare come funziona l'olio di cannabis, ma ha funzionato per Tammy. La cannabis sta diventando sempre più popolare e accettata dal pubblico per risultati pratici ed esempi di vita come per Tammy.  

Consiglio medico

Il caso di Tammy è stato uno shock per i professionisti del settore medico. La questione non è oggetto di discussione. Infatti, Tammy, orgogliosa, era disposta a permettere ai professionisti scettici di eseguire test multipli e ripetuti per dimostrare che fosse libera dal cancro. La sua storia ha fatto notizia e i principali media che hanno dovuto affrontare questa nuova realtà.

Il medico di Tammy ha parlato pubblicamente del caso e ha riconosciuto i fatti. Tuttavia, consiglia ai pazienti di combinare i due tipi di trattamento. Non bisognerebbe abbandonare il trattamento convenzionale. Anche se funziona, l'olio di cannabis non è stato scientificamente provato. Non c'è dubbio che il trattamento convenzionale comporti costi enormi, ma secondo il medico sono ancora praticabili. L'utilizzo di entrambi i trattamenti raddoppia le possibilità. Se possibile, sarebbe opportuno evitare di scommettere tutto su un singolo trattamento. La ricerca scientifica non ha ancora prodotto risultati sostanziali sulla fattibilità dell'olio di cannabis. Quindi, la guarigione di Tammy viene etichettata come una cura miracolosa.

Il dottor Palanca afferma che non vale la pena parlare di giusto o sbagliato se non ci si concentra sul miglioramento. Se si usano entrambi i rimedi e funzionano, il paziente vince!

Il caso di Tammy è unico.

Coloro che criticano la fattibilità dell'olio di cannabis dicono che tutte le persone che affermano di essere state curate con la cannabis hanno interrotto il trattamento convenzionale a metà strada. C'è la possibilità che il trattamento che hanno abbandonato abbia avuto una parte importante nel processo di guarigione. Non si può dimostrare che la cannabis da sola abbia portato alla scomparsa delle cellule tumorali.

Inoltre, gli esseri umani rispondono in modo differente ai diversi farmaci. Ovviamente, Tammy si è ripresa completamente con l'olio di cannabis perché ha rifiutato completamente il trattamento convenzionale. Ma come puoi essere sicuro che funzioni anche su di te? Valuta le probabilità e giudica per conto tuo.

Formula Swiss
Formula Swiss


Lascia un commento

I commenti verranno approvati prima di essere pubblicati


Anche in Cancro

Il CBD può essere d'aiuto nella chemioterapia?
Il CBD può essere d'aiuto nella chemioterapia?

16 19, Lunedì 4 minuti di lettura

Leggi di più
GPR55, cancro e CBD
GPR55, cancro e CBD

12 19, Lunedì 4 minuti di lettura

Leggi di più
L'olio del CBD potrà aiutare a curare il cancro in futuro?
L'olio del CBD potrà aiutare a curare il cancro in futuro?

08 19, Lunedì 4 minuti di lettura

Leggi di più

Join our our newsletter to get a free welcome gift