Allergie

Il CBD riduce le allergie

Il CBD riduce le allergie

Dall'insonnia all'ADHD, dall'ansia all'anoressia, la canapa ed il CBD (Cannabidiolo) derivato dalla marijuana stanno rapidamente diventando famosi per la loro capacità di alleviare i sintomi di - o addirittura curare - molti disturbi comuni e anche più gravi. Infatti, sembra che nuovi usi per questa pianta precedentemente illegale stiano emergendo ogni giorno, e adesso la gente in tutto il paese segnala che il CBD aiuta ad alleviare i sintomi delle allergie stagionali più efficacemente rispetto ai farmaci da banco, o rimedi prescritti, e senza alcun effetto collaterale.

Riuscire a gestire la sensibilità alle allergie è qualcosa che non si può trascurare. I segnali possono anche rivelarsi più terribili, causando un problema al sistema immunitario. Un'errata interpretazione delle reazioni provoca un'espansione degli allergeni che fa sì che la il sistema reagisca in maniera errata quando si protegge. Le allergie autunnali possono influenzare l'olfatto, ostruire le vie nasali, far starnutire, ostruire il naso e creare focolai. Il CBD sembrerebbe poter dare sollievo da alcuni di questi segnali.

Come il CBD interagisce con le allergie

Nel diario della Pulmonary Pharmacology e Therapeutics, è stato presentato un esame che mostra scoperte che indicano una diminuzione del fattore scatenante della via aerea quando si verifica un'espansione delle cellule polari e una scarica di istamina.

Le cavie sono state sottoposte a ovoalbumina, albume d'uovo grezzo, noto come attivatore di cellule polari ed eroe dell'istamina. Tenendo presente l'obiettivo finale, ovvero quello di pensare alle capacità benefiche questi impatti, l'ovoalbumina è stata utilizzata per sviluppare aggravanti e scariche di istamina nei soggetti testati.

In generale, questa indagine conclude dicendo che il CBD diminuisce la limitata fluizione di aria rendendo così più semplice la respirazione. Inoltre, una volta che l'allergene è stato introdotto nel soggetto, la generazione di cellule polari e la scarica di istamina è diminuita.

Gestire le allergie autunnali

L'autunno è uno dei periodi più terribili per chiunque soffra di sensibilità. Quando le temperature si abbassano, le erbacce iniziano a rilasciare la polvere nell'aria. Indipendentemente dal fatto che non si verifichino gli effetti negativi della sensibilità nella vita quotidiana, è possibile sentire l'impatto della polvere. L'ambrosia è il più grande colpevole dell'ipersensibilità autunnale. Con le giornate calde e le sere fresche, l'ambrosia rilascia polvere da agosto a ottobre. Il vento può anche trasportare la polvere per diversi chilometri.

Altri benefici dei cannabinoidi per chi soffre di allergia: controlla l'infiammazione, apre le vie nasali, allevia la pressione nasale, controlla il dolore, stimola la calma e il sonno. La produzione di istamina viene anche stimolata quando siamo iperattivi o stressati, ma è morbida quando siamo tranquilli, e si ferma quasi completamente quando dormiamo. Ricordate, il CBD è il composto della cannabis che non vi fa sballare, il che significa che non c'è ragione per cui non può servire come trattamento abituale per questi problemi. Tuttavia, se si dispone di un giorno libero, sarebbe opportuno prendere in considerazione l'"effetto entourage". Quando il THC e il CBD interagiscono, entrambi svolgono un lavoro migliore e più completo. Gli oli di CBD o i prodotti commestibili con un minimo del 3% di THC inducono questo effetto senza che ti sballi eccessivamente.

 

Fonti:

http://maximumlifestyles.com/home/is-cbd-oil-really-the-new-miracle-cure-one-company-says-the-answer-may-astound-you/
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2828614/ http://www.ciitech.co.uk/a-study-to-identify-a-possible-inhibitory-effect-of-a-cbd-derivative-to-inhibit-allergic-airway-inflammation-asthma/

Leggi di più

Join our our newsletter to get a free welcome gift